Travaglio sul Governo: 'Neppure un Ministro inquisito o condannato, non succedeva dal 94!'

(Napoli)ore 15:23:00 del 09/06/2018 - Categoria: , Politica

Travaglio sul Governo: 'Neppure un Ministro inquisito o condannato, non succedeva dal 94!'

Una riflessione di Marco Travaglio sul Governo Conte: “Non c’è neppure un Ministro inquisito o condannato, non succedeva dal 1994″…!

Travaglio sul governo Conte: ‘Non c’è neppure un ministro inquisito o condannato, ed è la prima volta dal 1994’

“Non c’è neppure un ministro inquisito o condannato, ed è la prima volta dal 1994”.

Così Marco Travaglio sul governo Conte nel suo editoriale di oggi 1 giugno.

Il giornalista scrive che il governo giallo-verde non è “entusiasmante”, ma “nemmeno terrificante come l’hanno dipinto i giornaloni prim’ancora che nascesse”.

Inoltre, aggiunge, “tutto se ne può dire, fuorché che sia peggiore di quelli degli ultimi 15 anni”.

Uno dei motivi è che non ci sono ministri indagati e/o condannati. Per di più, prosegue, “nessun ministro puzza di berlusconismo, ed è la prima volta dal 1983, quando con Craxi iniziò la lunga e ininterrotta stagione nera delle leggi ad personam e ad aziendam”.

Tuttavia, osserva Travaglio, un problema potrebbe essere rappresentato dal leader della Lega, in caso “tornasse indietro dal pragmatismo delle ultime settimane per reindossare i panni del Cazzaro Verde xenofobo e sparafucile da campagna elettorale permanente”.

Il direttore del Fatto Quotidiano passa in rassegna la squadra di governo: il ministro degli Esteri Enzo Moavero è da lui considerato “non proprio un nome di cambiamento”.

Quanto a Paolo Savona, il cui nome aveva bloccato la nascita dell’esecutivo M5S-Lega il weekend scorso, Travaglio commenta: “dipinto dal Colle come un kamikaze del Jihad Anti-Euro, va incredibilmente agli Affari europei: a Bruxelles stanno già preparando il comitato di accoglienza”.

Al dicastero dell’Economia, continua Travaglio,”c’è un altro prof: Giovanni Tria, docente ed ex preside a Tor Vergata, con un buon curriculum, a parte i trascorsi con Brunetta”.

Su Giulia Bongiorno, che va alla Pubblica Amministrazione, il giornalista scrive: “L’ex finiana e neoleghista Bongiorno si occuperà di PA, sperando che riesca a farla funzionare un po’ meglio dei centralini della sua associazione Doppia Difesa”.

Per quanto riguarda il nome di Elisabetta Trenta al ministero della Difesa, Travaglio spiega che lei, “esperta di intelligence, sicurezza e cooperazione, la Trenta dovrà chiarire un’ombra di conflitto d’interessi familiare (il marito colonnello al vertice di Segredifesa, che si occupa dei contratti delle Forze Armate)”.

Da: QUI

Pubblicato da Samuele

Altre notizie
Roma – Per la prima volta nella storia i conti di Atac tornano in positivo
Roma – Per la prima volta nella storia i conti di Atac tornano in positivo
(Napoli)
-

Forse è per questo che ultimamente non si è sentito parlare della Raggi…
“La cura di risanamento dell’azienda pubblica di trasporti di Roma sta iniziando...

Pensioni d'oro: M5S e LEGA pronte a tagliarle ai SINDACALISTI
Pensioni d'oro: M5S e LEGA pronte a tagliarle ai SINDACALISTI
(Napoli)
-

La proposta di legge per il taglio delle pensioni d’oro presentata da Lega e M5S in commissione Lavoro alla Camera “mira a riportare a un regime di equità l’applicazione del calcolo della base imponibile a fini pensionistici, attualmente più favorevole pe
In arrivo una stretta sugli assegni dei sindacalisti. "Rimediare alla disparità...

Europa fondata sulla paura: NON TEMETE I SOVRANISTI
Europa fondata sulla paura: NON TEMETE I SOVRANISTI
(Napoli)
-

Anche in Svezia l’onda sovranista cresce, ma non abbastanza da rovesciare gli assetti di governo
Anche in Svezia l’onda sovranista cresce, ma non abbastanza da rovesciare gli...

Come i partiti sono penetrati nelle SCUOLE e le hanno DISTRUTTE
Come i partiti sono penetrati nelle SCUOLE e le hanno DISTRUTTE
(Napoli)
-

Uno degli aspetti maggiormente rilevanti sul piano storico  è la stretta correlazione che ci fu tra il partito comunista e l’estrema sinistra.
Uno degli aspetti maggiormente rilevanti sul piano storico  è la stretta...

Soldi della Lega, accordo raggiunto: 600mila euro l'anno su un conto dedicato
Soldi della Lega, accordo raggiunto: 600mila euro l'anno su un conto dedicato
(Napoli)
-

La trattativa è arrivata alla fine: la procura di Genova e la Lega hanno chiuso l’accordo, garantendo sia il sequestro dei soldi, così come ordinato dai giudici, sia la sopravvivenza del partito.
La trattativa è arrivata alla fine: la procura di Genova e la Lega hanno chiuso...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati