The Walking Dead: ecco perche' Negan NON PUO' morire

(Firenze)ore 11:22:00 del 24/04/2018 - Categoria: , Cinema

The Walking Dead: ecco perche' Negan NON PUO' morire

Da quando è entrato a far parte dello show, Jeffrey Dean Morgan e il suo Negan hanno dato una scossa a The Walking Dead, fornendo quello che il pubblico bravama da tempo: un degno antagonista per Rick e il suo gruppo

Da quando è entrato a far parte dello show, Jeffrey Dean Morgan e il suo Negan hanno dato una scossa a The Walking Dead, fornendo quello che il pubblico bravama da tempo: un degno antagonista per Rick e il suo gruppo. Negan è inoltre a tutti gli effetti un alter ego perfetto per Rick. Due sguardi diversi che si fondono in uno, attraverso il gioco di specchi che spesso abbiamo visto negli episodi trasmessi in questi due anni, da quando Negan e Lucille sono comparsi sul piccolo schermo.

[video]

Dal fumetto alla serialità televisiva, Negan deve molto del suo fascino al carisma del suo attore, Jeffrey Dean Morgan, ma anche alla complessità del suo personaggio. Come tutti dopo l'apocalisse è dovuto diventare più forte, nascondere il suo lato più umano assumendo un nuovo ruolo, quello di leader. In una serie che è sempre stata un trattato di sociologia e antropologia post apocalittico, Negan offre una delle riflessioni più profonde sull'animo umano.

Il passato di Negan nei fumetti

Ex professore di educazione fisica al liceo, anche nella vita prima dell'avvento degli Walkers non era propriamente uno stinco di santo. Sempre beffardo e con un humor pungente, Negan non era fedele alla moglie, che invece è rimasta sempre al suo fianco. Una moglie che lo ha sempre protetto, che lo faceva sentire al sicuro nonostante tutto.

Negan comprende di aver sbagliato quando la moglie viene a mancare a causa di un cancro, in piena apocalisse. Da lì cambia, comprendendo i suoi errori e trovando un nuovo scopo. Si lascia scivolare addosso le morti, non si affeziona a nessuno dei suoi compagni di viaggio, troppo deboli per sopravvivere al caos lanciato dagli walkers. Si isola e trincera costruendo un personaggio forte, deciso, sicuro di sé e spavaldo, un vero leader, quello dei salvatori. L'unica cosa che continua a tenere viva la sua vita passata è la sua compagna, la sua arma, la sua forza: Lucille, la mazza da baseball a cui dà il nome della defunta moglie:

La verità è che ho incontrato solo un gran numero di persone incapaci di diventare un po' più spietate per salvare i loro cari. Loro cedevano, la gente moriva. E morivano loro. Gente debole, gente spaventata. Stando accanto a quelle persone, ho imparato una cosa. Osservandoli morire uno dopo l'altro... Perché erano troppo deboli...troppo spaventati... troppo maledettamente tristi. E io? Io non provavo niente. Ci ho messo parecchio a capire perché. Era grazie a Lucille. Lei mi proteggeva, mi aveva messo in una bolla dove niente mi avrebbe toccato. Mi ha reso forte. Mi ha aiutato a sopravvivere. 

Negan e la catarsi aristotelica

Ma perché affascina un personaggio così? Considerato che stiamo parlando a tutti gli effetti di un villain? Oltre alla fascinazione del male, o per dirla in termini nerd le lusinghe del lato oscuro della forza, Negan rispetta anche uno dei principi filosofici più importanti, quello che Aristotele definiva catarsi. Per Aristotele la tragedia greca era considerata un forma sublime di immedesimazione. Imitando ed estremizzando la realtà l'assistere a uno spettacolo permetteva allo spettatore di vivere le passioni in maniera intensa, liberandolo da un determinato stato sentimentale.

In che modo però la catarsi aristotelica si rapporta a Negan? Il simpatizzare per lui non implica che i suoi fan siano degli psicopatici o degli assassini è chiaro, perché nella realtà nessuno supporterebbe un personaggio del genere, semplicemente il suo carisma, il suo atteggiamento beffardo, il suo umorismo pungente e la sua capacità di fare esattamente sempre quello che vuole, affascinano lo spettatore. Uno spettatore costretto spesso a veder fallire il suo eroe, Rick, nell'attesa che si rialzi e riprenda. Negan è il diversivo perfetto, quel pizzico di sale che rende saporito uno show come The Walking Dead.

Da: QUI

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Siete rimasti in citta'? Andate al cinema a vedere HEREDITARY!
Siete rimasti in citta'? Andate al cinema a vedere HEREDITARY!
(Firenze)
-

Beh. Se siete rimasti in città, il titolo migliore della settimana è Hereditary, opera prima, scritta e diretta da Ari Aster, notevolissimo horror d’autore dominato dalla performance strepitosa di Toni Colette, che ha sbancato in America, 79 milioni di do
IL CINEMA DEI GIUSTI - SE SIETE RIMASTI IN CITTÀ, IL TITOLO MIGLIORE DELLA...

NETFLIX: nuova opzione SUPER con 4K HDR e audio in alta qualita'!
NETFLIX: nuova opzione SUPER con 4K HDR e audio in alta qualita'!
(Firenze)
-

ochi mesi dopo aver alzato i prezzi degli abbonamenti, Netflix sta oggi testando una nuova opzione per i suoi utenti europei: Ultra.
URCA CHE ULTRA: NETFLIX TESTA UNA NUOVA OPZIONE 'SUPER' PER GLI UTENTI EUROPEI:...

Jurassic World Il Regno Distrutto, recensione
Jurassic World Il Regno Distrutto, recensione
(Firenze)
-

Se ne parla bene e male, ma comunque sembra meglio del precedente: e ci sono molti dinosauri, se è quello che vi interessa
C'è una cosa che paralizza più di un dinosauro. È la suspense, su cui Jurassic...

Anteprima Malati di sesso
Anteprima Malati di sesso
(Firenze)
-

Specie la sua versione speculare ma in minore, che è la povera Gaia Bermani Amaral, non una grande attrice ma nemmeno antipatica, e ben piazzata nello spettro che intercorre tra comicità e sensualità.
MALATI DI SESSO, RECENSIONE - Il problema non è certo la voglia di guardare a...

End of Justice, nessuno e' innocente: recensione
End of Justice, nessuno e' innocente: recensione
(Firenze)
-

Il protagonista si chiama Roman J. Israel Esquire, è proprio quest’ultima parola “esquire” che deve dare inizio alla nostra riflessione sul film.
Roman J Israel Esquire è un avvocato che assieme al suo collega William gestisce...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati