South Park Scontri DiRetti, guida

(Bari)ore 21:47:00 del 13/09/2017 - Categoria: , Videogames

South Park Scontri DiRetti, guida

Con queste premesse ci siamo dunque fiondati a provare il suddetto, iniziandolo a scoprire fin dalla primissima fase di creazione del personaggio

Irriverente, dissacrante, fuori da ogni possibile schema e anche un po’ razzista, così è lo humour che gli appassionati di South Park hanno imparato a conoscere nel corso delle stagioni che oramai dal 1997 hanno contraddistinto il palinsesto televisivo di Comedy Central. Ed esattamente questo fu lo spirito che portò sul mercato South Park: The Stick of Truth: videogioco che convinse a pieno critica e pubblico, nonostante l’eterna  lotta che andò a crearsi fra censura e libertà di espressione, attraverso le diverse legislature dei paesi del mondo.

Il titolo, sviluppato da Obsidian e pubblicato da Ubisoft nel lontano 2014, sfruttava le rodate basi da gioco di ruolo per raccontare una delle tante vicende che avrebbero potuto vivere quegli improbabili ragazzini delle elementari capeggiati dal folle e imprevedibile Cartman. 

Ora, sulla parabola discendente del 2017, siamo riusciti a provare ampiamente, per ben 3 ore, la parte iniziale dell’atteso seguito, dal titolo “Fractured But-whole”, o meglio, in italiano Scontri Di-Retti. Se da una parte ci eravamo abituati a un GDR in visuale 2.5D, ora la struttura ludica si affida ai canoni della strategia a turni, ma senza dimenticare quel mix di stile grafico e narrativo che ha reso grande la serie, consci poi del fatto che questa volta la censura, perlomeno in Italia, sarà assente anche nella versione per console. Con queste premesse ci siamo dunque fiondati a provare il suddetto, iniziandolo a scoprire fin dalla primissima fase di creazione del personaggio

La struttura base è rimasta la stessa, ovvero un'impostazione a turni con una leggera spruzzata di Quick Time Event per eseguire danni maggiori o per assorbire in parte gli assalti avversari, mentre tutta nuova è l'introduzione del sistema di movimento e di posizione durante gli scontri.

Il campo di battaglia (di dimensioni variabili a seconda delle situazioni) apparirà infatti diviso in caselle, e non soltanto ciascun personaggio potrà muoversi prima di attaccare, ma pure gli attacchi stessi avranno una gittata e uno sviluppo specifici. Tanto per capirci, a seconda dei personaggi esisteranno manovre offensive in grado di abbattersi solo sulla casella adiacente, colpi pensati per agire su un'intera riga, su una colonna o magari ancora su un'area di più quadrati circostanti. Un impianto ludico molto più immediato da capire controller alla mano che non da spiegare a parole, che ha l'evidente merito di aggiungere una non trascurabile dose di strategia e di profondità ad una formula consolidata.

Pubblicato da Gregorio

Altre notizie
Recensione ufficiale Dynasty Warriors 9
Recensione ufficiale Dynasty Warriors 9
(Bari)
-

Completata la storia di almeno un personaggio si sbloccherà la Modalità Libera, dove interpretare qualunque personaggio nelle campagne sbloccate; in tal caso non sarà però possibile visionarne il finale.
Le premesse della trama sono arcinote. Ci troviamo nella Cina del II secolo dopo...

Kingdom Come Deliverance, guida
Kingdom Come Deliverance, guida
(Bari)
-

Un ragazzotto dalla faccia non troppo sveglia, neanche troppo carismatico, che ama bere e rincorrere le sottane delle ragazze, e che per tutta l’avventura non esploderà mai come “eroe” vero.
Abituati come siamo - noi videogiocatori - ad associare le storie in ambito...

Joe Dever's Lone Wolf, guida
Joe Dever's Lone Wolf, guida
(Bari)
-

Una sorta di versione "in solitaria" dei tradizionali giochi di ruolo cartacei, che in Italia ha raggiunto la popolarità principalmente grazie alle avventure di Lupo Solitario, monaco dell'ordine dei Ramas nato dalla penna del talentuoso autore inglese Jo
Grandi librerie, negozietti di provincia, polverose edicole di più o meno note...

Vampyr, guida
Vampyr, guida
(Bari)
-

Il plot narrativo di Vampyr infatti è abbastanza particolare: da una parte dovremo investigare sulla malattia che affligge la città, dall'altra dovremo capire perché siamo stati trasformati in vampiri e che ruolo ha questa specie nell'economia della stori
Vampyr è ambientato a Londra, nel 1918, ovvero il periodo successivo alla Great...

Recensione anteprima Total War Arena
Recensione anteprima Total War Arena
(Bari)
-

L'idea di realizzare Total War: Arena, come ci hanno rivelato l'art director Rob Farrell e il game designer David Petry, proviene da una delle modalità più amate di Shogun 2: Avatar Conquest. Partendo proprio da lì, Creative Assembly ha pian piano costrui
Quest'anno sarà un periodo grandioso per i fan del brand Total War: il 19 aprile...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati