Sei troppo stanco? Non puoi lavorare! In arrivo l'Affaticometro

(Firenze)ore 20:24:00 del 25/06/2018 - Categoria: , Curiosità, Lavoro, Tecnologia

Sei troppo stanco? Non puoi lavorare! In arrivo l'Affaticometro

Un gruppo di giovani ricercatori italiani dell'Università della Terra di Torino, ha messo appunto uno strumento in grado di rilevare la stanchezza del lavoratore ed il suo attuale livello energetico.

Un gruppo di giovani ricercatori italiani dell'Università della Terra di Torino, ha messo appunto uno strumento in grado di rilevare la stanchezza del lavoratore ed il suo attuale livello energetico.
 
Questa invenzione innovativa permetterà al lavoratore in forte carenza di forze fisiche e mentali di "sospendere" le proprie mansioni e concedersi un riposino a "norma di legge".
 
Visti i recenti e drammatici incidenti sul lavoro spesso propri causati dai ritmi snervanti e massacranti, dalla scarsa sicurezza del luogo di lavoro o dalla condizioni generali poco idonee, alcuni studenti hanno dedicato mesi alla ricerca  di una soluzione efficace e ci sono riusciti con l'Affaticometro che ben presto potrebbe diventare uno strumento obbligatorio all'interno di aziende, fabbriche ed uffici.
Qual'è lo scopo di questo oggetto?
 
Lo scopo principale è migliorare la salute del lavoratore che fino a ieri doveva correre dal medico per certificare il suo stato di salute, domani tutto sarà più semplice perché quando ci ci sentirà stanchi e spossati basterà misurare davanti ad un incaricato (capo reparto, infermiere, datore di lavoro o qualsiasi persona a cui verrà assegnato questo compito) il livello energetico presente nel corpo e se questo sarà al di sotto del limite stabilito, si potrà concedersi un riposo di minimo 20 minuti, fino ad ottenere il permesso autorizzato di uscita anticipata dal lavoro nei casi più gravi.
 
I ricercatori sono fiduciosi e soddisfatti della propria invenzione, pensano che grazie all'Affaticometro nessuno in futuro sarà più costretto a lavorare in condizione non idonee, pensano inoltre che preverremmo così molti esaurimenti nervosi e di conseguenza ci sarà minor bisogno di ricorrere ad antidepressivi.

Basta più mal di testa allucinanti, errori di distrazione ed ore passate a lavorare in agonia a causa della stanchezza tra uno sbadiglio e l'altro, basta occhi che bruciano e che si chiudono da soli, lavorare è un diritto, ma anche la nostra salute lo è.

Prevenire è meglio che curare e allora preveniamo.

Da: QUI

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Partenza del 5G in Italia: tutti i PERICOLI CENSURATI
Partenza del 5G in Italia: tutti i PERICOLI CENSURATI
(Firenze)
-

Abbiamo già parlato dei pericoli di questa nuova tecnologia e, in vista della partenza del 5G, pubblichiamo volentieri questa importante iniziativa italiana.
Abbiamo già parlato dei pericoli di questa nuova tecnologia e, in vista della...

Milionaria 23enne cerca fidanzato, offre 70 mila Euro l'anno: I REQUISITI!
Milionaria 23enne cerca fidanzato, offre 70 mila Euro l'anno: I REQUISITI!
(Firenze)
-

Jane Park ha 23 anni e, dopo aver vinto la lotteria britannica, è diventata milionaria.
Jane Park ha 23 anni e, dopo aver vinto la lotteria britannica, è diventata...

Acqua ossigenata: cosa succede se metti 1 cucchiaino in lavatrice?
Acqua ossigenata: cosa succede se metti 1 cucchiaino in lavatrice?
(Firenze)
-

Acqua ossigenata: 5 utilizzi alternativi a cui non avevi mai pensato
Uno dei prodotti più versatili, economici e utili che dovremmo sempre avere in...

Ecco gli smartphone Oppo: prezzi bassi e prestazioni super!
Ecco gli smartphone Oppo: prezzi bassi e prestazioni super!
(Firenze)
-

Alta tecnologia a prezzi accessibili: il colosso cinese, finora poco noto, punta sull'Italia.
Non avete mai sentito parlare di Oppo? È possibile, visto che fino ad oggi il...

Apple Watch 4: come funziona
Apple Watch 4: come funziona
(Firenze)
-

Un mese intero con l’Apple Watch 4 al polso, giorno e notte, in palestra come a cena, alla scrivania mentre scrivevo o sul divano mentre perdo un’ora per scegliere un film dalla gallery (capita anche a voi?).
Ora parliamo di un device da polso con un display più grande (40 o 44...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati