Rottamazione, saldo e stralcio: come fare PACE col fisco

(Napoli)ore 14:47:00 del 06/07/2019 - Categoria: , Economia, Guide

Rottamazione, saldo e stralcio: come fare PACE col fisco

COME FARE PACE FISCALE - La pace fiscale allunga e guarda già avanti.

COME FARE PACE FISCALE - La pace fiscale allunga e guarda già avanti. Anche il decreto crescita(decreto legge 34/19) e la sua conversione (legge 58 del 28 giugno, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 151 del 29 giugno) sono andati nel solco avviato con il decreto fiscale dell'autunno scorso (il 119/18) e la manovra di fine 2018 (la legge 145 del 30 dicembre): provvedimenti che complessivamente hanno introdotto dieci tipi di sanatorie fiscali che abbracciano tutte le fasi del rapporto tra amministrazione finanziaria e contribuente. Dagli errori formali ai verbali (i pvc), dagli accertamenti alle cartelle fino ad arrivare alle liti pendenti: sanatorie che nel complesso e su cinque anni dovrebbero portare a 5 miliardi di gettito.

COME FARE PACE FISCALE - Con il decreto crescita è stata poi introdotta la possibilità per Comuni e altri enti territoriali di consentire una definizione agevolata senza sanzioni di multe stradali e tributi locali (come, solo per fare qualche esempio, Imu, Tasi e Tari) passando da una delibera da adottare entro la fine del mese scorso. Inoltre la conversione ha riaperto i termini per presentare le domande della rottamazione-ter e del saldo e stralcio: per chi non ha fatto in tempo a inoltrare l'istanza entro il 30 aprile scorso ora c'è tempo fino al prossimo 31 luglio.

COME FARE PACE FISCALE - Per aderire alla cosiddetta ‘rottamazione ter’ o al ‘saldo e stralcio’, i contribuenti interessati devono presentare la domanda, entro il 31 luglio 2019, compilando il modulo direttamente online sul portale di Agenzia delle entrate-Riscossione con il servizio ‘Fai D.A. te’.

In alternativa, è possibile utilizzare il modello DA-2018-R (per la “rottamazione-ter”) oppure il modello SA-ST-R (per il “saldo e stralcio”) che, adeguatamente compilati e insieme alla documentazione richiesta, devono essere inoltrati tramite Pec (posta elettronica certificata) all’indirizzo della direzione regionale dell’Agenzia a cui fa riferimento il contribuente. L’elenco degli indirizzi Pec regionali è riportato sui nuovi modelli ed è disponibile anche sul sito di Agenzia delle entrate-Riscossione. La domanda di adesione, infine, può essere presentata anche in tutti gli sportelli presenti sul territorio. Entro il 31 ottobre 2019, Agenzia delle entrate-Riscossione invierà la risposta in merito all’accoglimento delle domande presentate da coloro che hanno usufruito della riapertura dei termini prevista dal Decreto Crescita, con il dettaglio delle somme dovute e i relativi bollettini di pagamento.

Secondo quanto previsto dal Decreto Legge n. 119/2018, che ha introdotto la terza edizione della rottamazione, è possibile definire in via agevolata (senza pagare sanzioni e interessi di mora) i debiti relativi a somme affidate dagli Enti creditori ad Agenzia delle entrate-Riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.

Con il “Decreto Crescita” sono stati riaperti i termini di adesione ed è possibile presentare domanda per la “rottamazione-ter” fino al 31 luglio 2019. Non possono essere oggetto di una nuova richiesta i debiti che sono stati già inseriti in una dichiarazione di adesione presentata entro il 30 aprile 2019, per i quali Agenzia delle entrate-Riscossione ha già inviato le comunicazioni di risposta con l’importo dovuto e i relativi bollettini (il termine per il pagamento della prima rata è il prossimo 31 luglio). Eventuali dichiarazioni di adesione alla “rottamazione-ter” trasmesse dopo il 30 aprile 2019, non dovranno essere ripresentate perché saranno prese in carico da Agenzia delle entrate-Riscossione che, entro il 31 ottobre 2019, invierà le relative risposte in merito all’accoglimento e agli importi dovuti.

Coloro che aderiscono entro il 31 luglio possono scegliere di pagare le somme dovute in un’unica soluzione entro il 30 novembre 2019 oppure fino a un massimo di 17 rate consecutive (5 anni). La prima rata è pari al 20% delle somme complessivamente dovute e scade il 30 novembre 2019. Le restanti 16, di pari importo, sono da versare in quattro rate annuali a partire dal 2020, con un interesse annuo del 2 per cento a decorrere dal 1° dicembre 2019.

Anche per il “saldo e stralcio” la riapertura riguarda i debiti non ricompresi in una domanda di adesione a provvedimenti di definizione agevolata presentata entro lo scorso 30 aprile. Chi intende ancora aderire al “Saldo e stralcio”, quindi, può farlo entro il 31 luglio 2019, scegliendo se effettuare il pagamento in un’unica soluzione, entro il 30 novembre 2019, oppure in 5 rate con ultima scadenza il 31 luglio 2021. Anche in questo caso, le domande “tardive”, cioè inoltrate dopo il 30 aprile 2019, non dovranno essere ripresentate perché saranno automaticamente prese in carico da Agenzia delle entrate-Riscossione.

I requisiti sono quelli previsti dalla Legge di Bilancio 2019 (L. n. 145/2018): Il “saldo e stralcio” è riservato alle persone fisiche in situazione di grave e comprovata difficoltà economica e consente di pagare in forma ridotta i debiti affidati alla riscossione dal 2000 al 2017, derivanti esclusivamente dall’omesso versamento delle imposte dovute in autoliquidazione in base alle dichiarazioni annuali e dei contributi previdenziali spettanti alle casse professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi Inps. Si pagherà una percentuale che varia dal 16 al 35 per cento dell’importo dovuto già “scontato” delle sanzioni e degli interessi di mora.

Pubblicato da Gregorio

Altre notizie
Bucato ingiallito? Ecco i migliori rimedi naturali
Bucato ingiallito? Ecco i migliori rimedi naturali
(Napoli)
-

BUCATO INGIALLITO RIMEDI NATURALI - Il vostro bucato è ingiallito e ha perso il suo candore?
BUCATO INGIALLITO RIMEDI NATURALI - Il vostro bucato è ingiallito e ha perso il...

65 miliardi di nuove tasse in arrivo nei prossimi 3 anni
65 miliardi di nuove tasse in arrivo nei prossimi 3 anni
(Napoli)
-

NUOVE TASSE IN ARRIVO PROSSIMI 3 ANNI - Stangata fiscale dal 65 miliardi di euro nel triennio 2020-2022: rispetto al 2019, nei prossimi tre anni il totale delle entrate nelle casse dello Stato passerà da 827 miliardi a 893 miliardi con un incremento che s
NUOVE TASSE IN ARRIVO PROSSIMI 3 ANNI - Stangata fiscale dal 65 miliardi di euro...

Come le banche creano denaro dal NULLA esentasse, INDEBITANDO Stati
Come le banche creano denaro dal NULLA esentasse, INDEBITANDO Stati
(Napoli)
-

COME FUNZIONA L'EMISSIONE DI DENARO DELLE BANCHE - Ma se solo la Bce ha la potestà di creare l’euro, perché si tollera che l’euro venga creato (mediante i prestiti, ndr) dalle normali banche di credito?
COME FUNZIONA L'EMISSIONE DI DENARO DELLE BANCHE - Il privilegio di emettere...

Stop al Canone Rai: ecco la proposta M5S
Stop al Canone Rai: ecco la proposta M5S
(Napoli)
-

STOP AL CANONE RAI, NUOVA PROPOSTA M5S - Il Movimento 5 stelle vuole abolire il canone Rai.
STOP AL CANONE RAI, NUOVA PROPOSTA M5S - Il Movimento 5 stelle vuole abolire il...

Bonus Sud 2019: istruzioni per assunzioni nel Meridione
Bonus Sud 2019: istruzioni per assunzioni nel Meridione
(Napoli)
-

ASSUNZIONI BONUS SUD 2019 - L’attesa è finita: dopo diverse modifiche e le novità inserite nel Decreto crescita, è arrivata anche la circolare Inps con le istruzioni operative sul Bonus assunzioni Sud 2019: chi può accedere al beneficio, i lavoratori a cu
ASSUNZIONI BONUS SUD 2019 - L’attesa è finita: dopo diverse modifiche e le...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati