Riforma costituzionale e abolizione del Senato? Una grande bufala

CATANIA ore 17:44:00 del 11/12/2015 - Categoria: Denunce, Politica

Riforma costituzionale e abolizione del Senato? Una grande bufala

Ci vogliono far credere che il Senato potrebbe essere soppresso ma in realtà non è così e nemmeno i costi verranno ridotti. E' solo una balla

In vista del referendum costituzionale che si terrà molto probabilmente ad ottobre del prossimo anno, sia il Governo che la maggioranza parlamentare punteranno a far vincere il “SI” attraverso una campagna mediatica che miri, con inganno, a far passare il messaggio che il testo di revisione costituzionale ha provveduto all’ “abolizione” del Senato, con consequenziale abbattimento dei relativi costi e dei “tempi della politica”!

È FALSO!

A parte la menzogna relativa all’abbattimento dei costi (è vero che i senatori non percepiranno alcuna indennità per la carica senatoriale, ma è altrettanto vero che l’Istituzione in sè verrà interamente mantenuta con tutti i suoi costi attuali), in realtà il Senato non solo non verrà “soppresso” (tant’è che il Parlamento sarà composto sempre da Camera e Senato), ma continuerà ad esercitarefunzioni parecchio confuse e pasticciate, infatti la riforma mira alsuperamento del bicameralismo paritario verso un ibrido sistema di bicameralismo diffeRenziato, in una cornice di pericolosa assenza di quegli adeguati pesi e contrappesi idonei a garantire un equilibrato bilanciamento istituzionale, e, per di più, in parallelo a meccanismi elettorali antidemocratici previsti da una legge elettorale a forte vocazione maggioritaria (l’Italicum) che attribuisce il premio di maggioranza alla lista e non alla coalizione.

Ciò premesso, se avete avuto la pazienza e l’interesse di leggere i miei articoli di cui ho pocanzi indicato i link, Vi renderete conto di come la comunicazione del Governo e della maggioranza parlamentare sia del tutto menzognerarispetto alla realtà! E ancor più menzognera sarà nel corso della campagna elettorale che precederà il referendum!

Attualmente il testo di revisione costituzionale si trova in fase di “prima deliberazione” (il cui iter dovrebbe concludersi l’11 gennaio 2016). Al termine della predetta fase – e non prima di tre mesi – vi dovrà essere una “seconda deliberazione” da parte di entrambi i rami del Parlamento: se in “seconda votazione” (durante la quale il testo di revisione non potrà più essere modificato rispetto a quello licenziato in prima deliberazione) il testo non fosse approvato a maggioranza qualificata dei 2/3 dei componenti di ciascuna camera, il medesimo potrà essere sottoposto a referendum popolare confermativo qualora ne facessero richiesta – nel termine di tre mesi dalla pubblicazione – un quinto dei membri di una camera oppure cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge di revisione costituzionale non potrà essere promulgata se non approvata in sede referendaria dalla maggioranza dei voti validi! Inoltre, a differenza di quanto previsto per il referendum abrogativo di cui all’art. 75 della Costituzione, per la validità del referendum costituzionale non occorre un quorum minimo di votanti!

A gennaio, quindi tra meno di due mesi, uscirà un mio libro con il quale argomenterò – con metodo scientifico – i principali e gravissimi aspetti di criticità della revisione costituzionale che l’attuale Legislatura sta per portare a compimento, quindi le ragioni per votare “NO” al referendum costituzionale del prossimo autunno.

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Decreto Fisco: cosa prevede la nuova Manovra
Decreto Fisco: cosa prevede la nuova Manovra

-

DECRETO FISCO COSA PREVEDE - Dopo l'approvazione del decreto clima, ieri sera, voluto dal ministro dell'Ambiente Sergio Costa, un decreto che prevede fondi per 450 milioni di euro per politiche sull'ambiente, il Consiglio dei ministri si prepara ad esamin
DECRETO FISCO COSA PREVEDE - Dopo l'approvazione del decreto clima, ieri sera,...

Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione

-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...

Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??

-

Secondo le stime dei virologi, l'influenza colpirà 6 milioni di italiani meno degli anni scorsi ma con virus potenzialmente più pericolosi
INFLUENZA RECORD IN ITALIA - Non ci sono più le mezze stagioni, è proprio il...

Manovra 2019: arriva il Fondo Famiglia per gli italiani
Manovra 2019: arriva il Fondo Famiglia per gli italiani

-

Sconto tra Iv e M5s sulla proposta di Renzi di abolire quota 100, cosa che Di Maio ritiene inaccettabile
COME FUNZIONERA' IL FONDO FAMIGLIA 2019 - Tre miliardi di taglio delle tasse sul...

Perche' e' giusto dare il diritto al voto ai 16enni
Perche' e' giusto dare il diritto al voto ai 16enni

-

- Il voto ai sedicenni sembra una possibilità concreta, che piace non soltanto ai post-ideologi del M5S, ma anche alle forze più tradizionali di centrosinistra e centrodestra.
VOTO AI 16ENNI, PERCHE' E' GIUSTO ? - Il voto ai sedicenni sembra una...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati