Rifiuti Roma: giusto chiedere le dimissioni della Raggi?

(Roma)ore 20:13:00 del 09/07/2019 - Categoria: , Ambiente, Politica

Rifiuti Roma: giusto chiedere le dimissioni della Raggi?

RIFIUTI ROMA, SITUAZIONE INGESTIBILE - Nelle ultime settimane è tornata di interesse nazionale la cosiddetta “crisi dei rifiuti a Roma”, che periodicamente ritorna in prima pagina sui quotidiani e nei telegiornali.

RIFIUTI ROMA, SITUAZIONE INGESTIBILE - Nelle ultime settimane è tornata di interesse nazionale la cosiddetta “crisi dei rifiuti a Roma”, che periodicamente ritorna in prima pagina sui quotidiani e nei telegiornali.

RIFIUTI ROMA, SITUAZIONE INGESTIBILE - Come ha spiegato il 2 luglio in commissione Trasparenza al Comune di Roma Paolo Longoni – l’amministratore delegato di Ama Roma, società responsabile della raccolta e lo smaltimento di rifiuti nella Capitale – il problema principale della città è che "al momento c’è un deficit di 300 tonnellateal giorno di indifferenziata".

RIFIUTI ROMA, SITUAZIONE INGESTIBILE - Secondo i dati di Ama, ogni giorno a Roma vengono raccolte circa 4.600 tonnellate di rifiuti, di cui circa 2.600 sono indifferenziati: questo significa che circa una tonnellata su nove resta in strada, e non finisce negli appositi impianti di smaltimento.

"Il rifiuto non viene ritirato perché non ci sono le necessarie capienze negli impianti di trattamento o sono inferiori alle necessità quotidiane", ha detto Longoni.

Un altro problema – ha sottolineato sempre in audizione in commissione Massimo Ranieri, amministratore delegato di Ama – è che "il 55 per cento dei mezzi sono indisponibili. Abbiamo la metà dei compattatori necessari(...). C'è anche una carenza di personale: ci sono numerose prescrizioni e molti non possono lavorare di notte, di giorno, al caldo, al freddo".

Chi si deve occupare della gestione dei rifiuti - In effetti è la Regione Lazio a doversi occupare della gestione dei rifiuti con un piano che immagazina dati e trova le soluzioni ai problemi, che però a oggi non c'è: il presidente Nicola Zingaretti avrebbe dovuto approvarne uno entro il 2018, ma così non è stato. Il piano attualmente in uso è quello del 2012, dell'allora governatore Renata Polverini.

La replica di Zingaretti: "Vergogna, venerdì farò l'ordinanza" - Dopo le accuse della Raggi, la replica piccata del presidente della Regione Lazio non è tardata ad arrivare: "Mi domando se la Raggi non provi un po' di vergogna per la sua arroganza", osserva il governatore Nicola Zingaretti, aggiungendo: "Ha ridotto la città più bella del mondo in un disastro e su ogni problema fa lo scaricabarile non assumendosi mai le sue responsabilità". "Sta spargendo i rifiuti di Roma in tutto il Lazio, in molte Regioni italiane e addirittura in diversi Paesi europei. Ovviamente con i soldi dei cittadini romani. Invece di chiedere scusa, accusa e straparla", attacca Zingaretti che poi annuncia: "Venerdì attivando i poteri sostitutivi con un'ordinanza, cominciamo a rimettere le cose a posto".

La Raggi controreplica: "Da Zingaretti solite vecchie chiacchiere" - "Come sempre Zingaretti scappa", controbatte però Virginia Raggi. "Io ci metto la faccia - prosegue, sempre via Facebook, il sindaco -. Al di là delle solite vecchie chiacchiere, trovi gli impianti dove Ama potrà finalmente portare i rifiuti di Roma. Non gli è stato chiesto nulla di più. Io ce la metto tutta, come sempre, a risolvere i problemi e non mi vergogno di difendere la mia città. Zingaretti gira l'Italia con il Pd e vuole pontificare a distanza".

Salvini: "Quanlcuno ha dormito" - Anche il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, è intevenuto sull'emergenza rifiuti a Roma accusando sia il Campidoglio sia la Regione. "Non siamo interessati alle polemiche, vogliamo risolvere i problemi e tutelare la salute dei romani", ha detto. Secondo il vicepremier, se esistono solo tre impianti di trattamento rifiuti significa che "qualcuno in Regione Lazio e in Campidoglio ha dormito e non si è mosso per tempo". Per Salvini "gli unici che rischiano di fare affari sono i criminali"."In tutta Europa e in buona parte d'Italia i rifiuti sono una ricchezza e producono calore ed energia. Perché gli amministratori di Roma e della Regione Lazio non hanno seguito questo esempio negli anni passati? Come ministero dell'Interno seguiamo la vicenda con grande attenzione", ha aggiunto.

 

Pubblicato da Alberto

Altre notizie
Uso cellulare durante la guida? Via la patente! Approvata la nuova legge
Uso cellulare durante la guida? Via la patente! Approvata la nuova legge
(Roma)
-

RITIRO PATENTE PER USO CELLULARE ALLA GUIDA - Se siete abituati a guidare con il cellulare in mano, d’ora in avanti tale infrazione potrebbe costarvi la patente!
RITIRO PATENTE PER USO CELLULARE ALLA GUIDA - Se siete abituati a guidare con il...

50 Milioni di rifiuti tech ogni anno: il tuo SMARTPHONE distrugge il pianeta!
50 Milioni di rifiuti tech ogni anno: il tuo SMARTPHONE distrugge il pianeta!
(Roma)
-

50 MILIONI DI RIFIUTI TECNOLOGICI ALL'ANNO - Questa mattina ti sei alzato grazie alla sveglia impostata sul tuo smartphone.
50 MILIONI DI RIFIUTI TECNOLOGICI ALL'ANNO - Questa mattina ti sei alzato grazie...

Decreto Sicurezza Bis: cosa cambia?
Decreto Sicurezza Bis: cosa cambia?
(Roma)
-

DECRETO SICUREZZA BIS - Migranti e sbarchi mettono nuovamente a dura prova la tenuta di maggioranza e governo.
DECRETO SICUREZZA BIS - Migranti e sbarchi mettono nuovamente a dura prova la...

Concorsone Campania 2019: ecco i bandi! Tutte le info
Concorsone Campania 2019: ecco i bandi! Tutte le info
(Roma)
-

CONCORSONE CAMPANIA 2019 - Il Piano Lavoro della Regione Campania è finalmente realtà.
CONCORSONE CAMPANIA 2019 - Il Piano Lavoro della Regione Campania è finalmente...

Autostrade in Europa Gratis: ecco dove NON si paga il pedaggio
Autostrade in Europa Gratis: ecco dove NON si paga il pedaggio
(Roma)
-

AUTOSTRADE IN EUROPA GRATIS - In Italia si parla di possibile aumento dei pedaggi autostradali ma in altre nazioni europee le autostrade sono gratis.
AUTOSTRADE IN EUROPA GRATIS - In Italia si parla di possibile aumento dei...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati