Reddito di Cittadinanza: OBBLIGO di accettare il lavoro solo se da almeno 858 Euro

(Genova)ore 20:44:00 del 27/02/2019 - Categoria: , Economia, Lavoro

Reddito di Cittadinanza: OBBLIGO di accettare il lavoro solo se da almeno 858 Euro

Un emendamento al decretone, approvato in commissione Lavoro al Senato, stabilisce quando si può ritenere economicamente congrua un’offerta di lavoro ricevuta dai beneficiari del reddito di cittadinanza

Uno dei paletti posti dal governo per evitare che il reddito di cittadinanza diventi una misura assistenzialista e di lunga durata, è stato quello delle tre offerte congrue di lavoro che il beneficiario non potrà rifiutare. Uno dei nodi irrisolti, però, è stato finora il concetto di offerta congrua.

Un emendamento del Movimento 5 Stelle approvato in commissione Lavoro al Senato inizia a fare chiarezza su uno dei criteri per cui l’offerta può essere ritenuta congrua, un criterio strettamente economico. L’obbligo di accettare l’offerta di lavoro scatterà infatti solamente se il salario sarà di almeno 858 euro al mese. Nel testo si precisa che l’offerta può essere ritenuta congrua solamente nel caso in cui la retribuzione sia “superiore di almeno il 10% del beneficio massimo fruibile da un solo individuo, inclusivo della componente ad integrazione del reddito dei nuclei residenti in abitazioni in locazione”. Il calcolo che va fatto parte quindi dai 780 euro, la cifra che un beneficiario single può ricevere nel caso in cui sia in affitto: numero che si forma sommando i 500 euro di reddito vero e proprio e di 280 di componente derivante proprio dall’aiuto per l’affitto.

Il criterio economico varrà “esclusivamente nel caso di beneficiari di reddito di cittadinanza e nel caso di contratto a tempo pieno”. Nel caso in cui il contratto non sia full time ma a tempo parziale, il parametro economico dovrà essere calcolato sul parametro orario sulla base delle retribuzioni minime previste dai contratti collettivi nazionali della categoria di riferimento. Intanto il governo ha preparato alcuni emendamenti in vista dell’esame del decreto su reddito di cittadinanza e quota 100 nell’Aula del Senato. La nuova norma, che verrà votata nei prossimi giorni, prevede che lo Stato possa controllare solamente “gli importi complessivamente spesi e prelevati” dalla card del reddito di cittadinanza, la tessera che verrà fornita a ogni beneficiario. Questa norma ha l’obiettivo di recepire le obiezioni mosse dal Garante della privacy, poiché nella versione attuale del testo lo Stato ha la possibilità di verificare ogni singola spesa effettuata con la tessera.

Quota 100, anticipo Tfs alzato a 45mila euro
Altra novità introdotta nel decretone riguarda la quota 100 e soprattutto le pensioni. Il tetto per ottenere l’anticipo del Trattamento di fine servizio per i dipendenti statali passa, infatti, da 30mila a 45mila euro. Un emendamento approvato in commissione Lavoro del Senato innalza il tetto della cifra che è possibile anticipare attraverso un finanziamento bancario. Questa quota anticipata può essere richiesta anche da chi andrà in pensione con le vecchie regole e non con la quota 100. “Lo avevamo detto e abbiamo mantenuto l’impegno”, rivendica su Twitter il ministro per la Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno.

Da: QUI

Pubblicato da Gregorio

Altre notizie
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Genova)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...

Manovra 2019: arriva il Fondo Famiglia per gli italiani
Manovra 2019: arriva il Fondo Famiglia per gli italiani
(Genova)
-

Sconto tra Iv e M5s sulla proposta di Renzi di abolire quota 100, cosa che Di Maio ritiene inaccettabile
COME FUNZIONERA' IL FONDO FAMIGLIA 2019 - Tre miliardi di taglio delle tasse sul...

Come le multinazionali eludono tasse e nessuno fa niente
Come le multinazionali eludono tasse e nessuno fa niente
(Genova)
-

MULTINAZIONALI ED ELUSIONI TASSE - Ogni anno il 40% dei profitti delle grandi multinazionali viene dirottato verso paradisi fiscali che permettono alle aziende di eludere la fiscalità nazionale e di guadagnare circa 5 euro su ogni euro di tasse pagate.
MULTINAZIONALI ED ELUSIONI TASSE - Ogni anno il 40% dei profitti delle grandi...

Dai migranti in Italia il 9% del PIL
Dai migranti in Italia il 9% del PIL
(Genova)
-

Sono questi alcuni degli elementi che emergono dal nono Rapporto annuale sull’economia dell’Immigrazione, a cura della Fondazione Leone Moressa, presentato oggi (8 ottobre) a Roma.
QUANTO LAVORANI GLI IMMIGRATI IN ITALIA - Negli ultimi anni l’Italia sta...

Manovra: confermati bonus 80 euro e rimodulazione IVA
Manovra: confermati bonus 80 euro e rimodulazione IVA
(Genova)
-

MANOVRA, BONUS 80 EURO E RIMODULAZIONE IVA - Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri conferma la completa sterilizzazione degli aumenti dell’IVA previsti dalle clausole di salvaguardia ma non esclude possibili rimodulazioni dell’aliquota per un sistem
MANOVRA, BONUS 80 EURO E RIMODULAZIONE IVA - Il Ministro dell’Economia Roberto...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati