Reddito di Cittadinanza: NULLA per i disabili. Pensione di invalidita' conteggiata come entrata

(Catanzaro)ore 11:22:00 del 26/01/2019 - Categoria: , Denunce, Economia, Politica

Reddito di Cittadinanza: NULLA per i disabili. Pensione di invalidita' conteggiata come entrata

Nel testo finale del decreto non sono previsti aumenti degli assegni da 285 euro mensili

Niente aumento della pensione di invalidità, poche facilitazioni per il nuovo sussidio e soprattutto nessuna misura dedicata a loro in maniera specifica: nel decreto del reddito di cittadinanza c’è poco per i disabili, che a un certo punto ne erano diventati addirittura l’oggetto della discordia, con la Lega che minacciava ilMovimento 5 stelle di non votare il decreto se non fossero state trovate le risorse. L’accordo in maggioranza è stato raggiunto, la parola “disabilità” è entrata nel testo ma solo per specificare che anche loro riceveranno il reddito, come tutti: in quanto poveri, non in quanto disabili. “Si parla di lotta alla povertà ma la disabilità è il primo elemento di impoverimento economico ed è stato trascurato”, spiega Vincenzo Falabella, presidente della Fish, Federazione italiana per il superamento dell’handicap.

LE PENSIONI DI INVALIDITÀ RESTANO UGUALI – Sono due i motivi principali di recriminazione. Innanzitutto il mancato aumento della cosiddetta “pensione di invalidità”, l’assegno da 285 euro mensili che in Italia spetta a circa un milione di persone, tra invalidi totali (486mila), parziali (348mila) e minorenni(156mila). Le indiscrezioni sulle pensioni minime, le stesse dichiarazioni di alcuni esponenti del governo (a partire proprio dal vicepremier Luigi Di Maio) avevano creato l’illusione che l’aumento potesse riguardare anche quelle di invalidità, ma il decreto non lo prevede: semplicemente, i disabili in stato di povertà che soddisfano i parametri fissati potranno ricevere il reddito di cittadinanza, integrando così l’assegno già percepito fino al tetto massimo dei famosi 780 euro al mese. Come del resto qualsiasi normodotato. Secondo i primi calcoli sui dati Istat, sono circa 250mila i nuclei familiari con un membro disabile che rientrano nei criteri; le altre pensioni di invalidità invece non saranno ritoccate.

NIENTE OBBLIGHI DI LAVORO – La seconda questione riguarda i requisiti di accesso e fruizione del reddito: le associazioni di categoria chiedevano una sensibilità particolare per i disabili. Qualcosa c’è nel decreto, ad esempio l’esclusione dagli obblighi del “patto per il lavoro”: i portatori di handicap riceveranno l’assegno senza dover lavorare o partecipare a percorsi di formazione e inserimento; mentre i loro familiari potranno rifiutare offerte troppo lontane da casa (la terza non sarà in tutta Italia, come per gli altri, ma al massimo entro 250 chilometri di distanza). A livello economico, però, l’unica vera agevolazione è un aumento di 5mila euro per ogni componente disabile del massimale del patrimonio mobiliare: per ricevere il reddito una famiglia di tre persone deve avere massimo 10mila euro sul conto in banca, se c’è un disabile si sale a 15mila. Una misura prevista perché spesso i genitori si sforzano di accantonare qualche risparmio per i figli portatori di handicap (una sorta di “dopo di noi”).

LA BEFFA DEL CALCOLO DEL REDDITO – Il problema è che non è prevista una soglia differente invece per l’Isee (fissato per tutti a quota 9.360 euro) e neppure per il reddito. E qui per i disabili oltre al danno rischia di arrivare anche la beffa: dal conto, infatti, non è escluso l’assegno di invalidità da 285 euro. Significa che una famiglia con figlio disabile a reddito zero verrà considerata come se percepisse 3.420 euro (il totale annuo del sussidio), e dunque a parità di entrate avrà meno sostegno: 900 euro al mese per un nucleo di tre persone, circa 600 euro per quello con figlio disabile. Sommando l’assegno di invalidità si arriva più o meno alla stessa cifra, ma non c’è una misura specifica per la categoria.

LE PROTESTE DELLE ASSOCIAZIONI – Le lamentale di onlus e sindacati non sono in realtà una novità: è proprio sulla base di questi appunti che a inizio 2019 la Lega aveva fatto la voce grossa con gli alleati di governo: “Approveremo il decreto solo se ci saranno i soldi per i disabili”, tuonava Matteo Salvini. Cosa sia successo dopo non è molto chiaro: i leghisti sono rimasti soddisfatti dalle rassicurazioni del M5S, anche se il testo è rimasto sostanzialmente invariato.

Da: QUI

Pubblicato da Samuele

Altre notizie
5stelle come PD e Berlusconi: votano in UE contro l'ITALIA
5stelle come PD e Berlusconi: votano in UE contro l'ITALIA
(Catanzaro)
-

Non sottovalutate quello che è successo l’altro giorno al Parlamento Europeo: è un preavviso di ciò che potrebbe accadere nei prossimi giorni in Italia.
Non sottovalutate quello che è successo l’altro giorno al Parlamento Europeo: è...

Codice Rosso, nuova legge contro la violenza sulle donne: come funziona
Codice Rosso, nuova legge contro la violenza sulle donne: come funziona
(Catanzaro)
-

CODICE ROSSO NUOVA LEGGE CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE - Via libera definitivo del Senato al ddl sulla tutela delle vittime di violenza domestica e di genere, il cosiddetto Codice rosso.
CODICE ROSSO NUOVA LEGGE CONTRO VIOLENZA SULLE DONNE - Via libera definitivo del...

Pensioni: i 40enni di oggi ci andranno dopo i 73 anni
Pensioni: i 40enni di oggi ci andranno dopo i 73 anni
(Catanzaro)
-

QUANDO ANDRANNO IN PENSIONE I 40ENNI DI OGGI - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni.
QUANDO ANDRANNO IN PENSIONE I 40ENNI DI OGGI - I quarantenni di oggi, coloro che...

Assegno Sociale da 485 euro al mese: come richiederlo
Assegno Sociale da 485 euro al mese: come richiederlo
(Catanzaro)
-

COME RICHIEDERE ASSEGNO SOCIALE 485 EURO AL MESE - L’assegno sociale è un è una prestazione assistenziale che non è influenzata dal versamento dei contributi ed è erogata in favore di soggetti in condizione economiche disagiate al raggiungimento di una de
COME RICHIEDERE ASSEGNO SOCIALE 485 EURO AL MESE - L’assegno sociale è un è una...

Sos Presidi: scuole senza soldi, classi senza banchi e sedie e soffitti che crollano!
Sos Presidi: scuole senza soldi, classi senza banchi e sedie e soffitti che crollano!
(Catanzaro)
-

SOS PRESIDI ALLARME SCUOLA - «Diverse scuole superiori di Roma e provincia inizieranno l’anno scolastico con classi sprovviste di banchi e sedie»: a lanciare l’allarme è il presidente dell’associazione nazionale presidi (Anp) del Lazio, Mario Rusconi.
SOS PRESIDI ALLARME SCUOLA - «Diverse scuole superiori di Roma e provincia...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati