Preparazione Castagnole ripiene

(Bologna)ore 22:33:00 del 11/02/2018 - Categoria: , Cucina

Preparazione Castagnole ripiene

Potete farcire le castagnole anche con una delicata crema chantilly o con una crema al cioccolato.

Il Carnevale si avvicina e state già pensando a quali dolci potrete preparare?

Certamente in questo periodo il fritto non può mancare, ma se le tipiche chiacchiere o le bugie vi sembrano troppo semplici e avete voglia di qualcosa di più goloso le castagnole ripiene sono proprio ciò che fa al caso vostro!

La ricetta di base delle castagnole è quella che ormai prepariamo anno dopo anno, ma oggi le abbiamo farcite a regola d'arte con una delle creme più classiche, ma anche più amata da tutti: quella pasticcera!

Che sia aromatizzata con arancia, limone, vaniglia o cioccolato l'importante è che sia densa abbastanza per stare all'interno di questi bocconcini perfettamente rotondi! 

Conservazione

Conservate le castagnole ripiene in frigorifero per 2 giorni al massimo.

L'impasto si può conservare, sempre in frigorifero, ma per 1 solo giorno.

Consiglio

Potete farcire le castagnole anche con una delicata crema chantilly o con una crema al cioccolato.

Dosi per

4 persone

Per le castagnole:

 225 gr di farina 00

 2 uova

 50 gr di burro

 50 gr di zucchero

 1/2 bustine di lievito per dolci

 buccia di limone grattugiata

 1 cucchiaino di essenza di vaniglia

 1 cucchiaio di liquore

 un pizzico di sale

Per la crema:

 2 tuorli

 25 gr di farina 00

 150 gr di zucchero

 200 ml di latte

 buccia di limone

PROCEDIMENTO

COME FARE LE CASTAGNOLE RIPIENE

Iniziate a preparare la crema pasticcera. Montate le uova con lo zucchero, all'interno di una terrina.

Aggiungete poi la farina setacciata e mescolate fino ad ottenere una crema.In un pentolino sul fuoco unite il composto di uova e farina con il latte e la buccia di limone.

Mescolate fin quando non risulterà privo di grumi e ben denso, quindi togliete la buccia di limone e mettetelo in una ciotola a raffreddare.

Intanto dedicatevi all'impasto delle castagnole.

Disponete al centro della farina, lo zucchero, le uova, il burro, il sale, l'essenza di vaniglia, la buccia di limone grattugiata, il liquore ed il lievito.

Una volta ottenuto un panetto morbido, dividetelo a cordoncini e poi a tocchetti su un piano di lavoro infarinato.

Appiattite con le mani ogni tocchetto, farcite con un po' di crema e richiudete formando delle palline.

Riscaldate per bene dell'olio e friggete un po' alla volta le castagnole.

Quando saranno gonfie e dorate, sollevatele con una schiumarola e rotolatele nello zucchero.

Le vostre castagnole ripiene sono pronte per essere servite.

Pubblicato da Carla

Altre notizie
Preparazione Pasticcio di pollo e patate
Preparazione Pasticcio di pollo e patate
(Bologna)
-

Lavate le patate per eliminare eventuali residui di terra.
  Quando si parla di pasticci in cucina non allarmatevi, nessun disastro in...

Come fare le Pere al vino e cioccolato
Come fare le Pere al vino e cioccolato
(Bologna)
-

Per il vino invece vi consigliamo di sceglierne uno novello che esalterà, senza coprire, il gusto delle pere con il suo sentore spiccato di frutta e frutti di bosco.
  Pere e cioccolato: un abbinamento azzeccatissimo, sperimentato più e più...

Pasta allo scarpariello: come fare
Pasta allo scarpariello: come fare
(Bologna)
-

Nel tempo si è "accettata" l'usanza di realizzare la ricetta dello scarpariello con i pomodorini freschi: noi ve la proponiamo con i datterini lasciati cuocere dolcemente, conditi con Pecorino e Parmigiano che avvolgeranno lo spaghetto per un condimento c
Una pasta sciuè sciuè: pomodorini, formaggio e basilico fresco in abbondanza....

Pancotto con le cozze: come fare
Pancotto con le cozze: come fare
(Bologna)
-

Il pane migliore per questa preparazione è quello di grano duro, ma in alternativa potete usare il toscano, che si adatta bene perché valorizza il sapore delizioso del liquido di cottura delle cozze.
  Il pancotto è una preparazione molto antica, fatta con ingredienti poveri e...

Penne all'Arrabbiata: come fare
Penne all'Arrabbiata: come fare
(Bologna)
-

In realtà pare derivi dal fatto che a causa del peperoncino chi mangia le penne all’arrabbiata rischia di diventare rosso in volto, tipico colore del volto delle persone arrabbiate, da cui appunto deriva il nome questo piatto.
  Le penne all’arrabbiata sono un piatto tipico di Roma, diffuso in tutto il...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati