Politica corrotta: Prodi confessa, ero schiavo della Germania!

ALESSANDRIA ore 12:46:00 del 26/02/2015 - Categoria: Politica

Politica corrotta: Prodi confessa, ero schiavo della Germania!

Politica corrotta: Prodi confessa, ero schiavo della Germania! Ecco le sue clamorose dichiarazioni!

Prodi, ex premier nel 2003, durante un’ intervista fatta dal quotidiano tedesco “Tagesspiegel” risponde ad una serie di domande confessando anche qualche retroscena…L’intervista ha spaziato su una serie di argomenti vasti ma il fulcro principale, ovviamente è stato l’euro, le sue conseguenze e i suoi benefici (sempre ce si sono).

Tra le tante domande, il quotidiano Tedesco chiede a Prodi se l’ingresso della Grecia nell’euro è stato un errore clamoroso.La sua risposta è stata a dir poco sconvolgente…“Non parlerei di un errore: solamente e’ stato fatale non avere alcun controllo sul budget a disposizione. Questo controllo era presente prima dell’euro ma poi? Italia, GerMania e Francia hanno voluto cosi’ quella volta. Io provai in tutti i modi a chiedere controlli intensificati sui bilanci ma Schroeder e Chirac mi hanno severamente detto che dovevo tacere”, conclude l’ex premier.

Perchè Prodi doveva tacere?Per quale motivo questi controlli di bilancio sono stati rifiutati?Se non fossero stati eliminati, a quest’ ora probabilmente non stavano in questa situazione penosa, dove la Grecia si ritrova ad avere un debito pubblico sproporzionato tanto quanto quello dell’Italia che, parliamoci chiaramente, nessuno riuscirà mai a risanare!L’ ex Premier Prodi ha poi aggiunto: “E’ piu’ sensato concordare un obiettivo raggiungibile da poter controllare passo dopo passo. Questo infatti,  e’ stato il caso della Germania nel secondo dopoguerra. A quei tempi infatti e’ stato saggio esentare la Germania dalla gran parte dei suoi debiti alla Conferenza di Londra del 1953: in questo modo la Germania e’ potuta tornare a crescere, e non poco”.

Perchè non si può fare la stessa cosa anche con altri Stati? Non ci sono Nazioni di serie A e Nazioni di serie B.Tutti facciamo parte dell’Europa e non ci devono essere trattamenti speciali per nessuno in particolare!E’ facile risollevarsi in questo modo come ha fatto la Germania, per poi puntare il dito e fare il muso duro nei confronti di chi, attualmente si trova in difficoltà….Comunque, al di là di tutto ciò ci resta una sola osservazione da fare… TROPPE PERSONE E TROPPE NAZIONI SE NE SONO LAVATE LE MANI…E AD OGGI, CONTINUANO ANCORA A FARLO!

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Che fine fara' ALITALIA?
Che fine fara' ALITALIA?

-

In queste ore si ritorna a parlare del destino di Alitalia, continua la ricerca di un partner internazionale da affiancare a Ferrovie dello Stato per il salvataggio della compagnia aerea
La cassa di Alitalia è agli sgoccioli e il futuro della compagnia è tuttora...

Pignoramento e Decreto Semplificazioni: cosa cambia
Pignoramento e Decreto Semplificazioni: cosa cambia

-

Il decreto Semplificazioni, diventato legge, cambia le regole del pignoramento di immobili. Il debitore che vive nella casa dovrà andarsene solo dopo il decreto di trasferimento.
Il decreto Semplificazioni, diventato ormai legge, prevede una modifica...

54% degli elettori vuole governo Lega centrodestra e non rivoterebbero i 5 stelle!
54% degli elettori vuole governo Lega centrodestra e non rivoterebbero i 5 stelle!

-

Nella rilevazione compare anche il Tav: per il 43% degli elettori il governo non deve tenere conto dell’analisi costi-benefici sull'alta velocità Torino-Lione
Il 54% degli elettori preferirebbe una coalizione Lega-centrodestra, mentre per...

Nuovo Codice della Strada per bici in citta', nuove norme: cosa cambia
Nuovo Codice della Strada per bici in citta', nuove norme: cosa cambia

-

Sì alle bici contromano nei centri abitati e ai semafori i ciclisti avranno la precedenza e potranno circolare sulle corsie riservate agli autobus e ai taxi
Bici in città: è in discussione in commissione Trasporti alla Camera il nuovo...



-


È partita sfida dell'Umbria al decreto Sicurezza di Matteo Salvini. Il tema è...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati