Pignoramento e Decreto Semplificazioni: cosa cambia

(Napoli)ore 18:20:00 del 17/02/2019 - Categoria: , Nuove Leggi, Politica

Pignoramento e Decreto Semplificazioni: cosa cambia

Il decreto Semplificazioni, diventato legge, cambia le regole del pignoramento di immobili. Il debitore che vive nella casa dovrà andarsene solo dopo il decreto di trasferimento.

Il decreto Semplificazioni, diventato ormai legge, prevede una modifica sostanziale alla disciplina del pignoramento degli immobili dei debitori.

Dunque, la legge in questione va a cambiare l’articolo 560 del Codice di procedura civile in materia di custodia, stabilendo che tutte le tipologie di debitori ed i loro familiari hanno diritto a restare nell’immobile fino all’emissione del decreto di trasferimento.

Tuttavia, durante questo periodo, il debitore è tenuto a consentire che gli eventuali acquirenti visitino l’immobile, ma sempre in accordo con il custode della casa.

Il caso Bramini

Prima ancora di diventare legge, il decreto Semplificazioni prevedeva il ritocco dell’articolo 560 del Codice di procedura civile (sul modo della custodia) con lo scopo di fornire una tutela maggiore agli esecutati che al tempo stesso vantavano dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Questa volontà si ispirava ad un caso di cronaca divenuto noto come “il caso Bramini”, un imprenditore sottoposto a procedura fallimentare a cui avevano pignorato la casa nonostante vantasse un credito di ben 4 milioni di euro nei confronti della PA.

L’obiettivo del “ritocco” - che poi si è trasformato in una riscrittura totale - era quello di tutelare il proprietario dell’immobile da pignoramenti ingiustificati, specie perché la posizione debitoria si sarebbe potuta compensare con i crediti verso lo Stato.

Pignoramento: cosa cambia con il decreto Semplificazioni

Il decreto Semplificazioni è ormai legge. Tra le diverse novità introdotte, dobbiamo menzionare la totale riscrittura dell’articolo 560 del Codice di procedura civile (ben oltre il ritocco precedentemente previsto).

L’articolo in questione recita:

“l debitore e il terzo nominato custode debbono rendere il conto a norma dell’articolo 593. Ad essi è fatto divieto di dare in locazione l’immobile pignorato se non sono autorizzati dal giudice dell’esecuzione.”

Ora questa tutela è stata estesa a tutte le tipologie di debitori, e non solo ai debitori che vantano dei crediti nei confronti dello Stato.

In pratica la legge stabilisce che il debitore o i suoi familiari che vivono nell’immobile non ne perdono il possesso fino al decreto di trasferimento.

Tuttavia, durante questo periodo, il debitore dovrà concedere ai potenziali acquirenti di visitare l’immobile, sempre in accordo con il custode. Ciò significa che il giudice non può ordinare il rilascio dell’immobile pignorato prima del definitivo decreto di trasferimento.

Quando viene nominato un custode, egli ha il dovere di vigilare sulla corretta conservazione della casa e di tutte le pertinenze con la diligenza del buon padre di famiglia. Inoltre al debitore è sempre vietato dare la casa in locazione a terzi, salvo che ciò sia autorizzato dal giudice dell’esecuzione.

Da: QUI

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Stop al Canone Rai: ecco la proposta M5S
Stop al Canone Rai: ecco la proposta M5S
(Napoli)
-

STOP AL CANONE RAI, NUOVA PROPOSTA M5S - Il Movimento 5 stelle vuole abolire il canone Rai.
STOP AL CANONE RAI, NUOVA PROPOSTA M5S - Il Movimento 5 stelle vuole abolire il...

Sondaggi Politici: gli italiani si fidano solo di Salvini (37,7)
Sondaggi Politici: gli italiani si fidano solo di Salvini (37,7)
(Napoli)
-

SONDAGGI POLITICI LUGLIO 2019 - L’affaire dell’hotel Metropol di Mosca non sembra incidere sull’elettorato leghista, anzi.
SONDAGGI POLITICI LUGLIO 2019 - L’affaire dell’hotel Metropol di Mosca non...

Salvataggio Alitalia? Una FOLLIA statale
Salvataggio Alitalia? Una FOLLIA statale
(Napoli)
-

SALVATAGGIO ALITALIA - La novità è che Atlantia, la società che fa capo al gruppo Benetton e gestisce autostrade e aeroporti (tra i quali quello di Fiumicino, il Leonardo da Vinci) ha dato mandato all’amministratore delegato Giovanni Castellucci “di appro
SALVATAGGIO ALITALIA - La novità è che Atlantia, la società che fa capo al...

Guerra al contante: se li usi verrai schedato dal fisco
Guerra al contante: se li usi verrai schedato dal fisco
(Napoli)
-

CONTROLLI FISCO SE USI IL CONTANTE - È una guerra al contante.
CONTROLLI FISCO SE USI IL CONTANTE - È una guerra al contante. Più o meno...

Uso cellulare durante la guida? Via la patente! Approvata la nuova legge
Uso cellulare durante la guida? Via la patente! Approvata la nuova legge
(Napoli)
-

RITIRO PATENTE PER USO CELLULARE ALLA GUIDA - Se siete abituati a guidare con il cellulare in mano, d’ora in avanti tale infrazione potrebbe costarvi la patente!
RITIRO PATENTE PER USO CELLULARE ALLA GUIDA - Se siete abituati a guidare con il...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati