Per 1 italiano su 3 e' NORMALE parcheggiare in sosta vietata e farsi raccomandare

(Genova)ore 18:03:00 del 26/03/2019 - Categoria: , Denunce, Economia, Lavoro

Per 1 italiano su 3 e' NORMALE parcheggiare in sosta vietata e farsi raccomandare

Secondo lo studio sul senso civico, per il 23,4% degli italiani parcheggiare in sosta vietata non è un problema se alcune condizioni di emergenza lo richiedono.

Lavoro, ricchezza e senso civico. Anche in questo frangente il nostro paese non brilla. Secondo un’indagine Istat sul senso civico, appunto, per una buona fetta di connazionali l’infedeltà fiscale non è grave ma non è il solo dato a preoccupare. L’indagine ha analizzato atteggiamenti e comportamenti durante la vita quotidiana e alcune scoperte sono davvero interessanti.

Le percentuali che fanno pensare

Per il 29,3% sembra infatti che non pagare le tasse è rappresenti un comportamento tollerabile, addirittura per il  28,3% lo è anche farsi raccomandare per un certo lavoro.

Per il 23,4% parcheggiare in sosta vietata non è un problema se alcune condizioni di emergenza lo richiedono, interessante anche il dato riferito al 18,5% secondo cui non è grave guidare mentre si parla al cellulare e il 12,7% che ritiene a volte accettabile viaggiare senza biglietto. Per fortuna, invece, vengono considerati gravi passare con il rosso, non indossare il casco e mettersi alla guida dopo aver bevuto per una percentuale che in tutti i casi supera il 78%. Ben l’84% dice che di non gettare carte per strada, il 74,4% di non parcheggiare in doppia fila.

Voto di scambio e corruzione secondo gli italiani

Percentuali importanti riguardano il voto di scambio e la corruzione. Per il 76,1% e il 72,5% sono molto gravi mentre solo per il 53,5% è grave l’infedeltà fiscale così come l’affissione selvaggia di manifesti, avvisi e pubblicità su pali o muri. Per il 70,6% è grave lasciare i rifiuti dove capita, mentre per il 27,5% è possibile accettare prestazioni in nero se queste risultano più convenienti. Infine, per il 25,8% la corruzione può essere un fatto naturale e inevitabile tanto che per il 36% degli intervistati denunciare fatti di corruzione è inutile.

Da: QUI

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Spice, la droga simile alla cannabis che piace agli italiani che sta allarmando l'Europa
Spice, la droga simile alla cannabis che piace agli italiani che sta allarmando l'Europa
(Genova)
-

E’ arrivata anche sul mercato italiano La Spice, la droga sintetica simile alla marijuana.
SPICE, LA NUOVA DROGA DEGLI ITALIANI - Spice (o Black mamba) e krokodil. Sono i...

Concorsi universita': assunzioni per 2.400 docenti
Concorsi universita': assunzioni per 2.400 docenti
(Genova)
-

Lo sblocco delle assunzioni nelle università si avvicina.
UNIVERSITA', ASSUNZIONI 2400 DOCENTI - Dopo lo stop decretato dalla Legge di...

Guerra, Italia responsabile. Quante armi vendiamo alla Turchia
Guerra, Italia responsabile. Quante armi vendiamo alla Turchia
(Genova)
-

VENDIAMO ARMI ALLA TURCHIA, ITALIA RESPONSABILE DELLA GUERRA IN SIRIA - «In Italia c’è una legge, la 185/90, che vieta di vendere armi ai paesi in guerra.
VENDIAMO ARMI ALLA TURCHIA, ITALIA RESPONSABILE DELLA GUERRA IN SIRIA - «In...

Gioco d'azzardo: chi vince sempre, e' lo STATO
Gioco d'azzardo: chi vince sempre, e' lo STATO
(Genova)
-

LO STATO “GIOCA” SUGLI ITALIANI - Che il gioco d’azzardo fosse causa di problemi per tanti cittadini, ma fonte di guadagno per le casse dello Stato, grazie alle tasse applicate su tale attività, è cosa ormai risaputa.
LO STATO “GIOCA” SUGLI ITALIANI - Che il gioco d’azzardo fosse causa di problemi...

Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Genova)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati