Pensioni anticipate: le ultime news

(Milano)ore 13:12:00 del 13/01/2017 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Economia, Sociale

Pensioni anticipate: le ultime news

E’ datato 14 dicembre e reca in calce 27 firme, quasi tutte di pensionati italiani residenti in Svizzera e relativi familiari.

QUESTA VICENDA È L'ENNESIMA DIMOSTRAZIONE CHE C'È TANTISSIMA SPESA PUBBLICA PARASSITARIA CHE SI PUÒ E SI DEVE TAGLIARE... E CHE L'UNICA VIA PER "GUARIRE" L'ITALIA DA QUESTO CANCRO È (FORSE)IL M5S... PERCHÉ PORTANDO NELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA PERSONE NON "COLLUSE" CON IL SISTEMA SALTEREBBERO LE COPERTURE, A PARTIRE DA QUELLE POLITICHE. POI LA MELA MARCIA PUÒ CAPITARE COMUNQUE, MA SE NON SCOPERTA, ISOLATA E DENUNCIATA DAI COLLEGHI, VERREBBE "SMASCHERATA" DAGLI STESSI CANI CHE SI VEDONO TOGLIERE L'OSSO, DALLA STAMPA "AMICA" O DA QUELLA PARTE DELLA MAGISTRATURA CHE SPESSO NON PUÒ O "DEVE STARE ATTENTA" AD AGIRE. "TUTTI A CASA" NON È DEMAGOGIA, MA IL PRIMO PASSO NECESSARIO PER CAMBIARE IL PAESE. E’ SALTATO FUORI UNO SCANDALO DI DIMENSIONI ENORMI! “FALSIFICAZIONI CONTINUE. IL MINISTERO SA MA NON REPRIME”: PARLIAMO DI UN BUSINESS DI 35-40 MILIONI DI EURO

Carte false. Statisticazioni fasulle. Firme mancanti. Ispezioni-farsa. Emigranti derubati per comprare orologi di lusso o mantenere le amanti. E perfino ipotesi di “condotte penalmente o contabilmente rilevanti” per chi non ha controllatoe represso i possibili illeciti, cioè il ministero del Lavoro. C’è di tutto, e anche di più, nel dossier che Giuliano Polettisi ritroverà sulla scrivania al ritorno delle vacanze: un esposto alla procura della Repubblica di Roma e alla Corte dei Conti contro il suo ministero e contro il sistema estero dei patronati. E’ datato 14 dicembre e reca in calce 27 firme, quasi tutte di pensionati italiani residenti in Svizzera e relativi familiari. Ossia le vittime della truffa messa in atto da Antonio Giacchetta, il direttore del patronato Inca-Cgil di Zurigo che tra 2001 e 2009 si è intascato 12 milioni, i risparmi e le pensioni di 36 emigranti, agendo “con grande egoismo e senza il minimo scrupolo”. Parola del tribunale distrettuale di Zurigo, che il 16 settembre 2015 lo ha condannato a 9 anni di galera e al risarcimento delle vittime.

“Le vittime, in realtà, non hanno mai visto un centesimo”, spiega Marco Tommasini, presidente del Comitato Difesa Famiglie e firmatario dell’esposto insieme al padre Roberto, derubato di tutti i suoi risparmi. “L’Inca Svizzera, condannata a rifondere il danno, ha chiuso i battenti
e ha riaperto sotto un altro nome, negli stessi uffici e con lo stesso personale. L’Inca-Cgil Italia si è chiamata fuori. Ma continua a incassare finanziamenti per l’attività elvetica”. E il ministero del Lavoro? “Non ha vigilato, non ha controllato, non ha mosso un dito malgrado il comportamento sospetto di Giacchetta fosse stato ampiamente segnalato”.

Così i truffati hanno prima intentato una causa-pilota contro Inca-Cgil e ministero (la sentenza è prevista per il prossimo luglio), poi hanno imbracciato l’artiglieria pesante: l’avvocato che li sostiene, Pasquale Lattari, prima di Natale ha consegnato un poderoso dossier a Procura e Corte dei Conti. E’ la prima volta che i patronati italiani finiscono così clamorosamente sotto accusa.

MECCANISMO POCO SVIZZERO – “Siamo davanti a un business di 35-40 milioni di euro l’anno che dal 2001 a oggi ha fruttato oltre mezzo miliardo a un ristretto numero di soggetti. Con troppe irregolarità. E senza alcun controllo”. Il primo firmatario dell’esposto è Antonio Bruzzese, 72 anni, ex Fiom, ex Cgil, ex responsabile dell’Inca in Argentina. Uno che conosce i meccanismi dall’interno e li ha spiegati non solo al Cdf di Tommasini ma anche al Cqie, il Comitato per gli italiani all’estero del Senato: “I beneficiari del business sono sempre gli stessi: Inca-Cgil, Inas-Cisl, Ital-Uil ed Acli si spartiscono i finanziamenti pubblici praticamente senza concorrenza. E pur di gonfiare i rimborsi taroccano sistematicamente i registri e le pratiche, si inventano prestazioni inesistenti, fanno avere pensioni italiane a cittadini stranieri che non hanno alcun diritto. Le ispezioni del ministero sono passeggiate all’estero con tanto di accompagnamento da parte dei carabinieri. Ci sono sempre annunci preventivi”.

VIGILANZA ZERO – Il Cqie, presieduto dal senatore Claudio Micheloni (Pd), per due anni ha indagato sul funzionamento dei patronati all’estero. E dopo decine di audizioni e sopralluoghi in giro per il mondo nel marzo 2016 ha votato all’unanimità una relazione pesantissima. I senatori sono stati indecisi, fino all’ultimo, se consegnarla direttamente in Procura o affidarla a una possibile commissione parlamentare d’inchiesta. Nel dubbio non hanno fatto niente e il loro j’accuse, peraltro pagato dai contribuenti, è rimasto a far la polvere in Senato per mesi. Se oggi è arrivato magistrati è solo grazie ai pensionati di Zurigo, che dopo averlo letto si sono convinti che la truffa messa in atto da Giacchetta sia stata resa possibile proprio dall’ignavia del ministero. Che da anni, nelle sue relazioni al Parlamento (secondo la legge 152 del 2001 dovrebbe trasmetterne una all’anno, ma finora ne ha consegnate solo otto), lamenta “molte criticità” ma non ha mai fatto niente per combatterle.

Pubblicato da Samuele

Altre notizie
LA GRANDE TRUFFA DELLA MONETA: E' GIUSTO PAGARE LE TASSE?
LA GRANDE TRUFFA DELLA MONETA: E' GIUSTO PAGARE LE TASSE?
(Milano)
-

Le tasse sono certamente uno degli argomenti più ricorrenti nelle lamentele di chi le deve pagare, e in particolare degli italiani.
Le tasse sono certamente uno degli argomenti più ricorrenti nelle lamentele di...

Nuove elezioni INUTILI, come sempre: AVREMO SEMPRE IL SOLITO GOVERNO DEI PROCI
Nuove elezioni INUTILI, come sempre: AVREMO SEMPRE IL SOLITO GOVERNO DEI PROCI
(Milano)
-

Prepariamoci: non cambierà niente, in Italia, dopo le elezioni. L’ultima volta s’è votato nell’ormai remoto 2013.
Prepariamoci: non cambierà niente, in Italia, dopo le elezioni. L’ultima volta...

QUANTO SIETE DISPOSTI A SOPPORTARE? ANCHE LA PAZIENZA DEGLI ITALIANI (CHE DORMONO) HA UN LIMITE
QUANTO SIETE DISPOSTI A SOPPORTARE? ANCHE LA PAZIENZA DEGLI ITALIANI (CHE DORMONO) HA UN LIMITE
(Milano)
-

Siete disposti a rimanere segregati in casa perché se uscite fuori per una semplice passeggiata rischiate di essere aggrediti, picchiati ed anche uccisi per un furto di pochi euro e nessun branca delle istituzioni ha la voglia e la capacità di difendervi?
Siete disposti a rimanere segregati in casa perché se uscite fuori per una...

Equity Crowdfunding, cosa sapere
Equity Crowdfunding, cosa sapere
(Milano)
-

La normativa è però relativa solo al cosiddetto equity crowdfunding, attraverso il quale si finanziano le startup innovative ricevendo in cambio una quota di partecipazione nell’impresa.
Si tratta di una colletta 2.0: un insieme di persone conferisce denaro per...


(Milano)
-


"Gran parte dei percorsi di alternanza si sono rivelati poco o per nulla...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati