Natale: la SOLITA storia degli imprenditori (PRENDITORI) degli italiani che non vogliono lavorare

(Cagliari)ore 07:14:00 del 15/12/2018 - Categoria: , Denunce, Lavoro

Natale: la SOLITA storia degli imprenditori (PRENDITORI) degli italiani che non vogliono lavorare

Si avvicina il Natale, periodo in cui i politici pensano ai presepi e alle feste di fine anno negli asili, gli italiani alla busta paga e a come far quadrare i conti e le imprese a lamentarsi di non riuscire a trovare personale.

Si avvicina il Natale, periodo in cui i politici pensano ai presepi e alle feste di fine anno negli asili, gli italiani alla busta paga e a come far quadrare i conti e le imprese a lamentarsi di non riuscire a trovare personale. Non tutte, naturalmente ma c’è una particolare casistica di imprenditori che si diletta a scrivere ai giornali per cercare addetti, operai, pizzaioli, cuochi o spazzacamino. La storia si ripete sempre uguale, con qualche variante tanto da costituire un vero e proprio genere letterario: quello dell’imprenditore volenteroso che è disposto ad assumere ma – chissà perché – nessuno risponde agli annunci.

La solita storia degli italiani che non sono disposti ad accettare un posto di lavoro

Di recente abbiamo avuto il caso di Grafica Veneta, azienda padovana che fino all’inizio dell’anno era tra gli azionisti del Fatto Quotidiano, che non trovava 25 addetti. Si è scoperto poi però che molti avevano risposto all’annuncio e che non erano stati ricontattati. Più di qualche altro problemino rivelato da ex dipendenti. C’è stato il panettiere che si lamentava che nessuno voleva più fare il fornaio, ma “l’annuncio” di lavoro era un cartello affisso alla vetrina del negozio e che la ricerca del personale era affidata ad un post su Facebook. E ancora, l’azienda che non trova personale specializzato ma che si scopre che era disposto a pagarlo ben al di sotto del minimo nazionale oppure quella che cercava camionisti italiani senza successo. Per un po’ si era rivolta a camionisti stranieri ma per stessa ammissione del titolare anche gli stranieri preferiscono andare dove li pagano meglio. Un tema quello della mancanza di camionisti a Nord Est che è stato riproposto anche quest’anno.



I giornali hanno le loro responsabilità, perché fa sicuramente molto scalpore – in un paese dove la disoccupazione è al 10% – la notizia dei valorosi imprenditori che dopo una giornata passata a lottare contro la burocrazia hanno ancora le forze per dare lavoro. Un lavoro che quegli ingrati degli italiani però non sembrano disposti ad accettare. Il problema è che la notizia non esiste. Leit motiv di queste edificanti storie di coraggio imprenditoriale è la mancanza di una vera e propria ricerca del personale. Le aziende che cercano lavoro non si sono affidati a delle agenzie ma preferiscono “denunciare” le loro difficoltà in modo che siano i giornali a darne risalto.

Il Corriere e il dramma dell’imprenditore che non riesce a trovare UN venditore

Con le prevedibili distorsioni, perché è chiaro che a quel punto le candidature spontanee iniziano a fioccare da ogni parte d’Italia. Ma quanti sono disposti a trasferirsi? Pochi, anche perché l’azienda mica mette a disposizione un alloggio. Forse sarebbe meglio a quel punto affidarsi a dei professionisti che sapranno fare la selezione e trovare i candidati adatti. Nessuno pretende che un imprenditore sappia fare tutto. Il caso natalizio del 2018 è quello del signor Francesco Casile, agente di commercio del settore moda che qualche tempo fa (17 ottobre) si era rivolto alla rubrica del Corriere della Sera “Dillo al Corriere” per cercare nuovi dipendenti da assumere. O meglio per cercare un venditore (uno, al singolare). Anche in questo caso Casile non aveva pubblicato la ricerca sulla sua pagina Facebook né sul suo sito Internet. Meglio dirlo al Corriere, noto giornale che si occupa di annunci di lavoro.

Ora la ricerca di un solo dipendente, per quanto ci sia fame di lavoro, non dovrebbe fare scalpore. Anche perché la ricerca (chiamiamola così) era piuttosto generica, si parla di un agente di commercio disposto ad andare in giro con la sua auto (niente auto aziendale) a fronte di “anticipi provvigioni mensili, spese pagante” e “contratto garantito”. Nell’annuncio si spiegava che «con le nuove norme fiscali si può usufruire di forti agevolazioni, pagando una modesta aliquota senza dover fare investimenti economici». Un modo carino per dire che il “contratto” è rivolto a titolari di Partita Iva?

A qualche mese di distanza il signor Casile è tornato alla carica. Questa volta per denunciare che nessuno vuole lavorare davvero. E inizia la parte giornalisticamente interessante: delle 1.631 mail arrivate la maggior parte non aveva allegato il CV; poi ci sono quelli che chiedevano a quanto ammontava lo stipendio; quelli che non avevano esperienza nel settore moda e si sono proposti lo stesso e infine la storia natalizia: il 73enne con esperienza nel settore che però non riesce a tirare avanti con la sola pensione. Questo di per sé non è eccezionale: anche le agenzie che si occupano di ricerca del personale devono fare un imponente lavoro di scrematura preliminare delle proposte prima di procedere con l’analisi delle candidature. Questo non perché siamo in Italia ma perché uno ci prova comunque. Pensate cosa succede se l’offerta di lavoro viene pubblicata su quello che è il principale quotidiano nazionale. La selezione del personale è una cosa seria e non si fa solo dalla lettura del CV. Casile da tutto questo ha dedotto che nessuno vuole trovare lavoro perché solo 8 persone avevano requisiti “molto vicini” a quelli che cercava. Ecco quindi che il Corriere pubblica l’articolo “bomba” dove l’imprenditore consiglia di «scrivere una lettera in cui dite: “Mettetemi alla prova per 6 mesi, poi parliamo del contratto”» (ma come, il contratto non era garantito? E qualsiasi contratto prevede sei mesi di prova) e ammette che «per un giovane che si sposti su Milano 1.500 euro per pagare un affitto da 700-800 e vivere non sono molti». Insomma si scopre che la paga non era poi il massimo e ci si stupisce che non “nessuno vuole lavorare”. Ma Casile ritiene che la soluzione sia quella di aprire una Partita Iva per “rischiare in proprio” (insomma eccolo il coraggioso imprenditore) «guadagnerete il doppio. Ho fatto i conti: se uno facesse questo lavoro per me aprendosi la partita Iva riuscirebbe a guadagnare oltre 4.000 euro al mese». Garantiti eh.

Da: QUI

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Burnout, il collasso fisico e mentale da lavoro e' ormai realta'
Burnout, il collasso fisico e mentale da lavoro e' ormai realta'
(Cagliari)
-

Non è più solo un “collasso fisico o mentale causato da troppo lavoro,” ma uno stile di vita che affligge la nostra generazione.
STRESS FISICO E MENTALE DA LAVORO, BURNOUT - Quando il burnout è un segnale e...

Farmaci, gli italiani invecchiano male: aumentano le spese per i cittadini
Farmaci, gli italiani invecchiano male: aumentano le spese per i cittadini
(Cagliari)
-

SPESA PER FARMACI DEGLI ITALIANI - In media vengono spesi circa 482 euro per ogni cittadino, 24 milioni in meno rispetto al 2017.
SPESA PER FARMACI DEGLI ITALIANI - In media vengono spesi circa 482 euro per...

5stelle come PD e Berlusconi: votano in UE contro l'ITALIA
5stelle come PD e Berlusconi: votano in UE contro l'ITALIA
(Cagliari)
-

Non sottovalutate quello che è successo l’altro giorno al Parlamento Europeo: è un preavviso di ciò che potrebbe accadere nei prossimi giorni in Italia.
Non sottovalutate quello che è successo l’altro giorno al Parlamento Europeo: è...

Pensioni: i 40enni di oggi ci andranno dopo i 73 anni
Pensioni: i 40enni di oggi ci andranno dopo i 73 anni
(Cagliari)
-

QUANDO ANDRANNO IN PENSIONE I 40ENNI DI OGGI - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni.
QUANDO ANDRANNO IN PENSIONE I 40ENNI DI OGGI - I quarantenni di oggi, coloro che...

Assegno Sociale da 485 euro al mese: come richiederlo
Assegno Sociale da 485 euro al mese: come richiederlo
(Cagliari)
-

COME RICHIEDERE ASSEGNO SOCIALE 485 EURO AL MESE - L’assegno sociale è un è una prestazione assistenziale che non è influenzata dal versamento dei contributi ed è erogata in favore di soggetti in condizione economiche disagiate al raggiungimento di una de
COME RICHIEDERE ASSEGNO SOCIALE 485 EURO AL MESE - L’assegno sociale è un è una...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati