Modena ultime notizie: pioggia di multe per selfie al volante!

MODENA ore 12:18:00 del 17/08/2015 - Categoria: Cronaca, Motori, Nuove Leggi - Selfie

Modena ultime notizie: pioggia di multe per selfie al volante!

Modena ultime notizie: pioggia di multe per selfie al volante!Quella di scattare selfie al volante è una moda pericolosa ma sempre più in voga, anche a velocità elevate

Quella di scattare selfie al volante è una moda pericolosa ma sempre più in voga, anche a velocità elevate. Sono in tanti anche gli automobilisti sorpresi ad utilizzare lo smartphone alla guida per leggere o scrivere messaggi. Tutte operazioni che distolgono totalmente l’attenzione di chi è alla guida dalla strada. E proprio su tali infrazioni, la Sezione della Polizia Stradale di Modena ha intensificato i controlli sull’uso di cellulare e tablet alla guida, scattati in occasione del grande esodo di agosto sulle strade e autostrade della provincia. Solo nell’ultima settimana sono stati multati 48 automobilisti, sorpresi al telefono durante la marcia senza auricolare o vivavoce, pizzicati ad usare il telefono o tablet al volante. Ma cosa significa in termini di attenzione, e quindi di rischio, distogliere lo sguardo dalla strada?

Scattare un selfie alla guida comporta una distrazione della durata media di 14 secondi, mentre accedere ai social media può deconcentrare il guidatore dalla strada per ben 20 secondi, un tempo nel corso del quale un’auto che procede a 100 km/h percorre la distanza di 5 campi di calcio” rende noto l’Asaps, Associazione Sostenitori Amici Polizia Stradale. Sette invece sette i secondi durante i quali si distolgono gli occhi dalla strada per comporre un numero su un telefono cellulare. “A 50 km/h si fanno 98 metri al buio. A 100 km/h sono quasi 200 metri. Una follia”.

Una recente ricerca sulle distrazioni alla guida condotta su un campione di 7.000 giovani europei nella fascia d’età 18-24, ha certificato che un giovane su 4 ha scattato un selfie al volante – 26% gli italiani, mentre addirittura 2 su 4 hanno ammesso di aver più volte scattato foto durante la guida. Un giovane su quattro ‘posta’ o controlla i social network mentre è al volante. È quindi evidente quanto sia importante contrastare questo fenomeno che, si ricorda, è punito ai sensi dell’art. 13 del Codice della Strada con sanzione amministrativa da 160 euro a 641 euro e 5 punti dalla patente. Alla seconda violazione nel biennio, scatta anche la sospensione della patente di guida da uno a tre mesi.

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
ZOE: l'elettrico che sta spopolando!
ZOE: l'elettrico che sta spopolando!

-

C'è chi è diventato attore protagonista del cambiamento nel campo della mobilità raccogliendo risultati straordinari: è Renault, che ha ideato una delle auto elettriche più amate in Francia e in Europa: ZOE.
La dimensione green negli ultimi tempi sta raccogliendo sempre più consensi, sia...

Misteriosa morte di un giornalista che investigava sui finanziamenti di Soros ai gruppi antifa
Misteriosa morte di un giornalista che investigava sui finanziamenti di Soros ai gruppi antifa

-

Alcune delle sue inchieste avevano suscitato reazioni ed attacchi dagli ambienti della sinistra mondialista e dai media ufficiali che lo accusavano di “complottismo”.
Sembra ormai sulla via dell’archiazione la morte  del giornalista investigativo...

Macellai costretti a subire minacce e vandalismi dai VEGANI
Macellai costretti a subire minacce e vandalismi dai VEGANI

-

Dalla Francia all'Inghilterra si diffonde la propaganda vegana che incita i ''seguaci'' ad agire con intimidazioni, minacce e vandalismi a onesti lavoratori
Dalla Francia all'Inghilterra si diffonde la propaganda vegana che incita i...

Caro Di Maio: cosi' non andiamo proprio bene...
Caro Di Maio: cosi' non andiamo proprio bene...

-

Assia Montanino, super pagata a 5 Stelle. Bufera sulla segretaria-amica di Di Maio
«Vengo dallo stesso paese del ministro Di Maio e questa è stata senza dubbio una...

Le ONG rifiutano gli ordini di Salvini!
Le ONG rifiutano gli ordini di Salvini!

-

Conta di più Un governo sovrano, come quello di cui fa parte il leader del Carroccio, o una ong spagnola che carica in mare gli immigrati partiti dalla Libia? Alla luce degli ultimi eventi la domanda è tutt’altro che retorica.
Tu chiamalo, se vuoi, pure braccio di ferro. Ma stavolta il confronto-scontro...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati