L'ILVA sta morendo: 1 quarto della produzione persa, liquidita' quasi finita

(Taranto)ore 08:28:00 del 15/06/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Lavoro, Sociale

L'ILVA sta morendo: 1 quarto della produzione persa, liquidita' quasi finita

L'Ilva va chiusa e gli operai devono essere ricollocati, punto e basta. Non ha senso continuare a tenere in vita una fabbrica che sta avvelenando tutta Taranto e d'intorni.

L'Ilva va chiusa e gli operai devono essere ricollocati, punto e basta. Non ha senso continuare a tenere in vita una fabbrica che sta avvelenando tutta Taranto e d'intorni. In questo, L'UE dovrebbe aiutare il governo italiano per supportare i costi di questa operazione, visto che l'allarme sull'inquinamento prodotto dall'Ilva, è venuto per la prima volta, proprio dai palazzi europei.

Se una strada è troppo piccola, ed il traffico è congestionato, occorre fare nuove strade, così come nel mondo del lavoro. Se il lavoro non c'è e ci sono anche degli esodati, bisogna creare nuovo sviluppo per ricollocare e dare lavoro a chi non ce l'ha. A questo bisognerebbe lavorare, affinché la gente di Taranto possa tornare a respirare aria pulita senza dover subire i ricatti dei manager Ilva.

I vecchi governi avevano lavorato per il trasferimento dell'Ilva ad un colosso straniero, con l'obiettivo di ripianare parte dei debiti e lasciare in funzione l'impianto con interventi importanti sul piano ambientale (si parla di miliardi di euro). Il M5S ha deciso di intraprendere una linea differente, ottenendo un enorme successo politico in quell'area: chiudere l'Ilva e riutilizzare investimenti e dipendenti nella bonifica. Che poi è ciò che ha scritto Grillo qualche giorno fa sul blog.

Domanda? Ma è questa la linea attuale del M5S ...o era solo quella per prendersi i voti dei tarantini? Perché mentre Grillo continua a parlare di chiusure, Di Maio sembra voler proseguire sulla linea tracciata da Calenda, con tante ambiguità e prese di posizione poco chiare.

Ora è arrivato il momento per il M5S di mantenere le promesse. E non ci saranno giustificazioni possibili, perché la vicenda Ilva è nota da anni e - mi auguro - che la proposta del M5S sia stata fatta conoscendo le problematiche. "non è possibile farlo" non sarà una giustificazione possibile.

Oggi Ilva è a un bivio. Il gruppo ArcelorMittal, che ha vinto la gara del governo a marzo 2017 dovrebbe rilevare gli impianti entro il primo luglio, ma punta a riassumere 10mila dei 14mila operai diretti, con sacrifici anche sulla retribuzione. Una proposta irricevibile per i sindacati. Il rischio che Mittal si sfili, addossando la colpa a sindacati e politica, non è tramontato anche se viene considerato remoto da chi segue il dossier. In questa situazione il nuovo governo non sembra avere alternativa al colosso franco-indiano per evitare una vertenza occupazionale da 20mila lavoratori (compreso l’indotto). E per questo punta a strappargli impegni più forti sul piano ambientale per produrre acciaio senza bruciare carbone ma gas.

In questo scenario i concorrenti europei non si strapperanno i capelli se chiuderà un produttore la cui produzione potenziale è pari alla sovracapacità produttuiva del settore. Che l’Ilva torni ai livelli toccati nel 2008 ai tempi dei Riva, accusati dai magistrati tarantini di aver perpetrato un inquinamento ventennale a danno della città ionica, è oggi improbabile. Mittal punta a riportare in alto la produzione soprattutto portando a Taranto prodotti già semilavorati nei suoi stabilimenti francesi da laminare, una produzione con margini ridotti. Non a caso nel piano del colosso siderurgico gli esuberi saliranno nel tempo.

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Accoglienza, da 35 a 19 euro a migrante: ecco i tagli di Salvini
Accoglienza, da 35 a 19 euro a migrante: ecco i tagli di Salvini
(Taranto)
-

Matteo Salvini taglia i costi dell’accoglienza: da 35 euro a 19 euro a migrante
Con una conferenza stampa al Viminale e con il via libera del Capo dipartimento...

Torino: ecco la REGINA DEI ROM! 400 auto di lusso e un castello
Torino: ecco la REGINA DEI ROM! 400 auto di lusso e un castello
(Taranto)
-

Torino, la dolce vita della “regina” rom: ville, auto di lusso e soldi dal Comune
Altro che roulotte ed elemosine, la “regina” dei rom a Torino fa la bella vita a...

Partenza del 5G in Italia: tutti i PERICOLI CENSURATI
Partenza del 5G in Italia: tutti i PERICOLI CENSURATI
(Taranto)
-

Abbiamo già parlato dei pericoli di questa nuova tecnologia e, in vista della partenza del 5G, pubblichiamo volentieri questa importante iniziativa italiana.
Abbiamo già parlato dei pericoli di questa nuova tecnologia e, in vista della...

ALTERAZIONE DEL CLIMA: tutti gli esperimenti che ci nascondono
ALTERAZIONE DEL CLIMA: tutti gli esperimenti che ci nascondono
(Taranto)
-

Il cielo è a strisce: tutti lo vedono, ma nessuno ne prende atto. Come si può pretendere che le istituzioni si decidano a spiegare in modo finalmente convincente un fenomeno palesemente negato, benché sia sotto gli occhi di tutti?
Il cielo è a strisce: tutti lo vedono, ma nessuno ne prende atto. Come si può...

Roma: sindaca Raggi condannata per falso
Roma: sindaca Raggi condannata per falso
(Taranto)
-

Una “pena minima” per un processo pesantissimo dal punto di vista politico, che alla luce del regolamento interno al M5S potrebbe mettere a rischio la permanenza stessa della sindaca di Roma alla guida del Campidoglio.
“Il senso deve essere quello di condurre tutti i processi allo stesso modo. E...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati