LIBERARCI DALL'EURO...o siamo condannati all'Austerita'

(Cagliari)ore 18:05:00 del 07/07/2018 - Categoria: , Denunce, Economia

LIBERARCI DALL'EURO...o siamo condannati all'Austerita'

M5S e Lega hanno vinto le elezioni dicendo basta all’austerità e proponendo 130 miliardi di spese per reddito di cittadinanza e flat tax.

M5S e Lega hanno vinto le elezioni dicendo basta all’austerità e proponendo 130 miliardi di spese per reddito di cittadinanza e flat tax. Entrambi hanno promesso pensioni dignitose con il superamento della legge Fornero.

Il Pil dell’Italia è oggi di 1.600 miliardi. All’incirca come 10 anni fa. Se invece avesse continuato a salire della percentuale media del periodo 1950-2000 (tra il 4 e il 5%, inclusa inflazione) sarebbe oggi oltre i 2.000 miliardi.

Una politica espansiva dell’ordine di 100 miliardi l’anno è quindi adeguata a un Paese che ha perso 400 miliardi di Pil potenziale. Il problema di fondo è che le economie avanzate oggi hanno molto debito, sia pubblico che privato.

In media pari a circa 3 volte il Pil. Le Banche Centrali hanno stampato migliaia di miliardi per comprare debito sul mercato e alleggerirne il peso. La Bce ha stampato (elettronicamente) 3 mila miliardi. Ha comprato e fatto comprare alle banche italiane e Bankitalia circa 700 miliardi di Btp riducendone i rendimenti fino a zero sulle scadenza a uno o due anni.

Il Ministro dell’Economia Tria parla solo di ridurre i deficit per restare dentro i vincoli Ue: dal 2,3% del 2017 all’1,6% nel 2018. Secondo quanto concordato dai governi precedenti, andrebbe ridotto a zero nel 2020.

PROMESSE

Rispettare i vincoli Ue, come vuole il Ministro, significa però non realizzare il programma espansivo annunciato da Salvini e Di Maio. Non è, si badi, solo Tria ad avere invertito la rotta, perché si sono moltiplicate le dichiarazioni all’interno del governo, in parte anche contrastanti, per cui, ad esempio, sembrerebbe rimandata all’anno prossimo la flat tax. Non solo. In questi giorni il sottosegretario all’ Economia, Laura Castelli del M5S, ha dichiarato: «Non so, se servirà una manovra correttiva, ma pare di sì». Solo Matteo Salvini continua, con grande coerenza, a ricordare che «se i vincoli europei sono dannosi non è detto che debbano essere rispettati». Ma al Ministero dell’Economia c’è Tria che intende rispettarli. I documenti che vengono firmati (vedi il Def per il 2018 e quelli del recente summit europeo) per ora lo confermano. C’è allora una via d’uscita al copione dei vincoli di bilancio Ue?

Solo due anni fa l’attuale Ministro dell’Economia scriveva articoli dal titolo molto esplicito «Superare il tabù della monetizzazione del deficit per salvare l’euro», in cui proponeva di finanziare un 2% in più di deficit stampando moneta. Tria spiegava che l’austerità ha fallito e che l’unica soluzione era la seguente: invece di indebitarsi sempre sui mercati lo Stato stampi moneta (per finanziare investimenti pubblici).

STAMPARE MONETA

Stampare moneta è un tabù, come scriveva Tria, che va superato, perché consente di alleggerire il peso del debito senza affossare l’economia come avviene con l’austerità. Perché non c’è traccia di questa soluzione alternativa alla nuova austerità? Siamo condannati, qualunque governo si elegga, anche populista e “sovranista”, a rimanere per sempre sotto il ricatto dei mercati che impongono l’austerità. Cioè una tassazione soffocante, il blocco degli investimenti pubblici e la disoccupazione crescente?

In realtà no, la soluzione prospettata un tempo anche da Tria di stampare moneta e non di indebitarsi è quella giusta. E nel programma della Lega, poi ripreso nel “contratto di governo”, c’è un principio di soluzione che va in questa direzione senza neppure violare i Trattati europei: la proposta dell’emissione di 70 miliardi di mini-Bot per pagare i crediti delle imprese verso lo Stato, una proposta che va nel senso di quanto affermato da diversi economisti come Stiglitz, per i quali l’Italia può, intanto creare una moneta fiscale parallela all’euro.

Insomma, è vero che non ha alcun senso criticare un governo a poco più di un mese dal suo insediamento, è vero anche che in questo mese Salvini ha dato forti segnali sull’immigrazione ma per l’economia non possiamo aspettare a lungo. Dateci a settembre i mini-Bot, per dimostrare che si intende fare sul serio.

Da: QUI

Pubblicato da Carmine

Altre notizie
Gabanelli SHOCK sulla Rai: 'STIPENDI MOSTRUOSI A VITA SENZA FARE NULLA!'
Gabanelli SHOCK sulla Rai: 'STIPENDI MOSTRUOSI A VITA SENZA FARE NULLA!'
(Cagliari)
-

Svincolata dai partiti, doveva decollare tre anni fa. Invece la più grande azienda culturale del Paese è rimasta nel parcheggio, invischiata nelle clientele e nelle inefficenze di sempre.
Svincolata dai partiti, doveva decollare tre anni fa. Invece la più grande...

VERGOGNA! Volevi un maschietto e invece e' una femminuccia? Ecco dove
VERGOGNA! Volevi un maschietto e invece e' una femminuccia? Ecco dove
(Cagliari)
-

Il feto è femmina? Si può abortire – Le autorità sanitarie svedesi hanno di fatto legittimato l’aborto selettivo?
Il feto è femmina? Si può abortire – Le autorità sanitarie svedesi hanno di...

Analisi dei vaccini? PEGGIO DEL PREVISTO
Analisi dei vaccini? PEGGIO DEL PREVISTO
(Cagliari)
-

I vaccini si sa contengono sostanze note e altre meno note perché coperte dall’inviolabile segreto industriale, quasi a livello militare. Ma dietro a sigle e acronimi si celano materiali che potrebbero giocare un ruolo prioritario nell’eziologia di gravis
I vaccini si sa contengono sostanze note e altre meno note perché coperte...

Caso Attali: credito, per finanziare i viaggi dei migranti
Caso Attali: credito, per finanziare i viaggi dei migranti
(Cagliari)
-

Conosciuto come l’eminenza grigia della politica francese dai tempi di Mitterand e noto per il suo ultraeuropeismo, Jacques Attali è l’uomo che ha scoperto Macron, presentandolo al presidente Hollande del quale è diventato consigliere.
Conosciuto come l’eminenza grigia della politica francese dai tempi di Mitterand...

Miele contaminato da pesticidi: quali sono i rischi
Miele contaminato da pesticidi: quali sono i rischi
(Cagliari)
-

I 3/4 del miele prodotto in tutto il mondo contiene pesticidi neonicotinoidi. Le concentrazioni rilevate dall’indagine non risultano pericolose per l’uomo, ma rappresentano una seria minaccia per le api.
Il 75 percento del miele venduto in tutto il mondo è contaminato da pesticidi;...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati