L'Europa (che ci costa 4 miliardi l'anno) tifa SPREAD CONTRO GLI ITALIANI

(Napoli)ore 14:40:00 del 25/10/2018 - Categoria: , Denunce, Economia, Politica

L'Europa (che ci costa 4 miliardi l'anno) tifa SPREAD CONTRO GLI ITALIANI

Manovra, il dietro le quinte della bocciatura da parte della Commissione europea.

Manovra, il dietro le quinte della bocciatura da parte della Commissione europea.

Dombrovskis e Moscovici, gerarchi del nuovo ordine europeo che vuole i popoli schiavi dei mercati finanziari e dello spread, si presentano in conferenza stampa a Bruxelles per spiegare con toni apocalittici che per la prima volta la Commissione europea boccia la manovra economica di un governo dello Stato membro.

Naturalmente si tratta del governo italiano, quello nato dal voto popolare del 4 marzo che sta faticosamente cercando di risollevare il Paese dopo sette lunghi anni di lacrime e sangue e di austerità tanto cara proprio ai tecnocrati dell’Unione europea. Una cura da cavallo che ha portato al massimo storico di cinque milioni di poveri e che ha fatto toccare il record nel rapporto debito/Pil, segno che l’austerità oltre che dannosa e anche inutile.

Ora nel mirino finiscono Conte, Salvini e Di Maio per il loro deficit/Pil al 2,4% nel 2019, peccato che l’ultraeuropeista amico del Pd Macron (quello che scarica i migranti in Italia di notte e che respinge minori e donne incinte al confine) abbia fissato un deficit/Pil addirittura al 2,8%. I colpevoli, i cattivi, quelli da punire sono i sovranisti italiani, Lega e M5S.

Naturalmente ci si dimentica che l’Italia ha un livello di risparmi privati tra i più elevati al mondo. Il timore dell’establishment europeo è evidente: temono che l’esperimento sovranista italiano funzioni e che possa contagiare anche altri Paesi dell’Unione. I vari Dombrovskis e Moscovici, per non parlare di Juncker, rappresentano partiti ormai in crisi profonda in tutto il Vecchio Continente. I socialisti stanno letteralmente scomparendo e i popolari resistono solo se si spostano su posizioni alla Orban o comunque euroscettiche (Merkel e Berlusconi lo dimostrano).

Ma la moribonda Commissione, che con il voto di maggio 2019 verrà spazzata via, resiste e schiaffeggia in mondovisione chi ha avuto il coraggio e l’ardire di disobbedire alle logiche del Fiscal Compact. E anche dare tre settimane a Roma per eventuali modifiche alla manovra suona come una beffa, visto che il governo ha ripetuto mille volte che non ci saranno modifiche, e quindi la procedura di infrazione è scontata. La speranza dei tecnocrati di Bruxelles, che hanno pensato bene di bocciare la manovra addirittura a Borsa aperta (senza però provocare panico), è probabilmente quella che lo spread inizi a correre per spaventare l’esecutivo italiano piegandolo magari anche con il downgrade delle agenzie di rating.

Peccato che i signori di Bruxelles si dimentichino che negli ultimi 17 anni l’Italia è sempre stata “in rosso” nei suoi rapporti economici con l’Unione europea. Nel senso che ha sempre versato alle varie voci del bilancio Ue più soldi di quanti ne ha ricevuti sotto le più diverse forme. Il grafico sotto (fonte www.truenumbers.it) mostra, anno per anno, quanto l’Italia ha versato alla Ue, quanto ha ricevuto indietro e lo squilibrio tra i due valori.

L’anno peggiore è stato il 2011 quando lo squilibrio è stato di oltre 7,6 miliardi di euro: quell’anno, in pratica, abbiamo versato il doppio di quanto abbiamo ricevuto. Anche il 2014 è andato malissimo: lo squilibrio è stato di oltre 7,3 miliardi di euro. Il terzo anno peggiore è stato il 2009: 7,2 miliardi di rosso. Secondo i dati della Ragioneria Generale dello Stato, scrive www.truenumbers.it, complessivamente in questi anni all’Europa abbiamo versato 230 miliardi e 675 milioni di euro e ne abbiamo incassati 162 miliardi e 330.

In pratica per l’Italia i costi dell’Europa sono stati pari a 68 miliardi e 345 milioni: più di 4 miliardi l’anno. Ma questi numeri, soldi veri usciti dalle tasche di imprenditori, lavoratori e pensionati italiani, non contano per la Commissione europea. Conta solo fermare a tutti i costi il governo del Cambiamento. Ma, come ha spiegato Matteo Salvini ad Affaritaliani.it, “indietro non si torna!”.

Da: QUI

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Decreto Fisco: cosa prevede la nuova Manovra
Decreto Fisco: cosa prevede la nuova Manovra
(Napoli)
-

DECRETO FISCO COSA PREVEDE - Dopo l'approvazione del decreto clima, ieri sera, voluto dal ministro dell'Ambiente Sergio Costa, un decreto che prevede fondi per 450 milioni di euro per politiche sull'ambiente, il Consiglio dei ministri si prepara ad esamin
DECRETO FISCO COSA PREVEDE - Dopo l'approvazione del decreto clima, ieri sera,...

Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Napoli)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...

Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
(Napoli)
-

Secondo le stime dei virologi, l'influenza colpirà 6 milioni di italiani meno degli anni scorsi ma con virus potenzialmente più pericolosi
INFLUENZA RECORD IN ITALIA - Non ci sono più le mezze stagioni, è proprio il...

Manovra 2019: arriva il Fondo Famiglia per gli italiani
Manovra 2019: arriva il Fondo Famiglia per gli italiani
(Napoli)
-

Sconto tra Iv e M5s sulla proposta di Renzi di abolire quota 100, cosa che Di Maio ritiene inaccettabile
COME FUNZIONERA' IL FONDO FAMIGLIA 2019 - Tre miliardi di taglio delle tasse sul...

Perche' e' giusto dare il diritto al voto ai 16enni
Perche' e' giusto dare il diritto al voto ai 16enni
(Napoli)
-

- Il voto ai sedicenni sembra una possibilità concreta, che piace non soltanto ai post-ideologi del M5S, ma anche alle forze più tradizionali di centrosinistra e centrodestra.
VOTO AI 16ENNI, PERCHE' E' GIUSTO ? - Il voto ai sedicenni sembra una...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati