Lavi tutti i giorni il viso con ACETO DI MELE? Ecco cosa succede!

(Ancona)ore 22:29:00 del 25/11/2017 - Categoria: , Curiosità, Salute

Lavi tutti i giorni il viso con ACETO DI MELE? Ecco cosa succede!

Piuttosto che sborsare soldi in prodotti commerciali per ripulire la pelle da acne, macchie e punti neri, potremmo affidarci alla natura. Ad esempio all’ aceto di mele.

Potrebbe sembrare strano, eppure, utilizzare l’aceto di mele come ingrediente di bellezza per il viso si rivela un metodo efficiente per ripulire la pelle da acne, macchie e punti neri.
Questo prodotto ha infatti proprietà antifungine, antibatteriche e antivirali che aiutano a prevenire le infezioni acneiche e della pelle.

Contiene potenti componenti che si incaricano di eliminare le cellule morte lasciando la cute fresca e giovane. Il merito va ai suoi alfa-idrossiacidi, che fungono da idratanti ed esfolianti, sono in grado di combattere attivamente le macchie da invecchiamento e quindi togliere anni al vostro viso.

L’aceto di mele bilancia i livelli di pH della pelle e regola la produzione di grasso o sebo, il principale responsabile della comparsa dei tanto odiati brufoli sul viso.
L’acido malico in esso contenuto, inoltre, previene le infezioni causate dall’acne e le macchie provocate dal tentativo di eliminare i brufoli.

L’applicazione di questo prodotto sulla cute provoca l’apertura dei pori facilitando la rimozione dei punti neri e una buona ossigenazione.

Per evitare irritazioni o reazioni allergiche è fondamentale diluire l’aceto di mele con acqua prima di applicarlo sulla cute in modo da allentare la sua acidità (una parte di aceto per tre parti d’acqua). E’ possibile aggiungere anche un po’ di tè verde o di aloe vera. La soluzione migliore sarebbe quella di utilizzare dell’aceto di mele biologico, non filtrato e senza additivi.

Per applicarlo è sufficiente utilizzare un batuffolo di cotone, imbeverlo nella soluzione e tamponare il viso, facendo molta attenzione a non farlo andare negli occhi.

Se si utilizza l’aceto di mele per la prima volta è necessario verificare se si è allergici a tale sostanza. Per farlo basta applicare la soluzione ad esempio sotto il mento per verificare reazioni avverse, sempre meglio di provarlo per la prima volta sul viso.

Alla prima applicazione, per non effettuare un’azione troppo aggressiva sulla vostra pelle, bisogna lasciale agire la soluzione per soli cinque minuti prima di risciacquare il viso. se non si notano reazioni negative si può aumentare il tempo di posa gradualmente giorno per giorno.

E’ vivamente consigliata l’applicazione di questo trattamento la sera, perché se la sostanza entra in contatto con i raggi del sole, può macchiare la pelle oppure danneggiare la sensibilità della cute.

Da: QUI

Pubblicato da Samuele

Altre notizie
Come essere SEMPRE SANI senza usare MEDICINE
Come essere SEMPRE SANI senza usare MEDICINE
(Ancona)
-

Il professore Ivan Neumivakin era il capo del programma di risanamento degli astronauti russi. Mise a punto un sistema di risanamento corporeo unico al mondo.
Il professore Ivan Neumivakin era il capo del programma di risanamento degli...

Come l'orario dei pasti influisce sulla dieta
Come l'orario dei pasti influisce sulla dieta
(Ancona)
-

Cenare prima e far colazione più tardi, dormire meglio, placare la fame col profumo di rosmarino o basilico, e anche circondarsi di messaggi positivi e incoraggianti: sono le ultime ‘strategie’ per aiutare chi vuole mettersi a dieta, magari per smaltire i
Cenare prima e far colazione più tardi, dormire meglio, placare la fame col...

Dieta del gruppo sanguigno AB: ecco quali cibi preferire
Dieta del gruppo sanguigno AB: ecco quali cibi preferire
(Ancona)
-

La dieta del gruppo sanguigno AB ha le sue basi su una considerazione storica ben precisa: la sua origine risale all’incrocio del gruppo A con quello B in seguito alle vittorie delle popolazioni barbariche sui Romani.
La dieta del gruppo sanguigno AB ha le sue basi su una considerazione storica...

Coca Cola prepara bevanda alla CANNABIS
Coca Cola prepara bevanda alla CANNABIS
(Ancona)
-

Coca Cola prepara la bibita alla cannabis – Il colosso pensa alla marijuana per far fronte al calo di vendite
Coca Cola prepara la bibita alla cannabis – Il colosso pensa alla marijuana per...

Forno a microonde: tutte le malattia collegate
Forno a microonde: tutte le malattia collegate
(Ancona)
-

Durante la Seconda Guerra Mondiale , due scienziati hanno inventato un tubo a microonde chiamato magnetron .
Durante la Seconda Guerra Mondiale , due scienziati hanno inventato un tubo a...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati