La parvovirosi arriva in Italia: cosa rischiano i nostri cani

(Genova)ore 14:21:00 del 25/01/2019 - Categoria: , Salute, Sociale

La parvovirosi arriva in Italia: cosa rischiano i nostri cani

Allarme parvovirosi in Italia: cani a rischio gastroenterite e morte. Cos’è, sintomi e prevenzione

Allarme parvovirosi in Italia, il virus che provoca vomito, diarrea con sangue, inappetenza e, se non trattato in tempo, morte, si sta diffondendo nel nostro Paese mettendo a rischio la vita dei nostri cani. Vediamo cosa c’è da sapere sul parvovirus, sintomi, contagio e cura: ma soprattutto ecco come prevenire.

In Italia è allarme parvovirosi, la gastroenterite che colpisce i cani e che è molto pericolosa se non trattata, poiché può portare alla morte in pochi giorni.

Vediamo quali sono i cani più a rischio, i sintomi e la prevenzione per proteggere i nostri amici a quattro zampe.

Parvovirosi canina, cos’è

La parvovirosi canina è una malattia virale molto contagiosa che può portare il cane alla morte in pochi giorni.

È provocata dal parvovirus ed è conosciuta anche come gastroenterite virale, poiché si tratta proprio di una grave gastroenterite contratta dalle feci di soggetti infetti.

I sintomi della parvovirosi. La parvovirosi ha un periodo di incubazione che varia da 3 a 7 giorni, il virus infetta i linfonodi della gola prima per poi raggiungere il flusso sanguigno: il virus colpisce il midollo spinale e le pareti intestinali e per questo è causa di gravi danni all’organismo.

I soggetti infetti presentano sintomi tipici quali: Vomito – diarrea emorragia – inappetenza – spossatezza – febbre alta.

Vomito e diarrea emorragica, associati all’inappetenza, sono particolarmente pericolosi perché portano il cane a disidratazione, con conseguenze fatali in poche ore.

I cani più a rischio. Visti i sintomi, i soggetti più a rischio sono i cuccioli che hanno difese immunitarie più basse, ma la parvovirosi non deve essere mai sottovalutata a qualsiasi età.

Diagnosi della parvovirosi. Trattandosi di una gastroenterite, la parvovirosi mostra sintomi che sono simili a quelli di una comune influenza, ma il consiglio è quello di non sottovalutare mai il vomito e la diarrea e chiedere immediatamente il parere del medico veterinario per ottenere la diagnosi definitiva grazie a test clinici: bastano pochi giorni di mancate cure per andare incontro alla morte del cane.

Curare la parvovirosi

Una volta diagnosticata la parvovirosi, è fondamentale fare il possibile per mantenere il cane idratato, i soggetti più colpiti hanno bisogno di fluidi (anche per via sottocutanea).

In contemporanea, il trattamento prevede la somministrazione di antibiotici, per contrastare le infezioni batteriche, e farmaci anti vomito e gastroprotettori.

Essendo particolarmente contagiosa, i cani malati devono essere immediatamente separati da quelli sani. Contemporaneamente, è necessario disinfettare gli oggetti con cui entra in contatto il cane in casa: cuccia, ciotole, giochi, copertine.

Prevenzione. La prevenzione contro il parvovirus esiste, consiste in un vaccino che viene somministrato ai cani sin da cuccioli, superati i due mesi di vita, e che deve essere rinnovato: assicuratevi con il veterinario di essere in regola con le vaccinazioni. Trattandosi di una malattia molto contagiosa e mortale, è anche nostra responsabilità vaccinare il nostro cane e, in caso di contagio, ricordarci di raccogliere SEMPRE le feci, per evitare che altri soggetti sani possano entrare in contatto con il virus.

Immunità e miocardite. I soggetti guariti mantengono l’immunità alla malattia per almeno 20 mesi, il consiglio però è sempre quello di vaccinare.

La parvovirosi è causa anche di miocardite che si presenta con dispnea, tachicardia, mucose pallide, insufficienza cardiaca in caso di cronicità: questa forma è ormai rara, ma non deve essere comunque sottovalutato il rischio, visto che, anche in questo caso, la probabilità di morte sono alte.

Da: QUI

Pubblicato da Gregorio

Altre notizie
Dieta durante allattamento: cosa mangiare?
Dieta durante allattamento: cosa mangiare?
(Genova)
-

DIETA DURANTE ALLATTAMENTO - Come molti di voi sapranno le sostanze che la madre assume durante l’allattamento giungono attraverso il latte anche al piccolo, perciò ci sono alimenti da evitare?
DIETA DURANTE ALLATTAMENTO - Come molti di voi sapranno le sostanze che la madre...

Dieta Scarsdale per perdere 7kg in 14 giorni!
Dieta Scarsdale per perdere 7kg in 14 giorni!
(Genova)
-

DIETA SCARSDALE PER DIMAGRIRE - Possono bastare due settimane per rimettersi in forma, a patto di seguire la giusta alimentazione.
DIETA SCARSDALE PER DIMAGRIRE - Possono bastare due settimane per rimettersi in...

Dieta Miami per dimagrire 3 kg in 3 giorni
Dieta Miami per dimagrire 3 kg in 3 giorni
(Genova)
-

DIETA MIAMI PER DIMAGRIRE 3 KG IN 3 GIORNI - Anche in questo caso, ahimé, le parole d’ordine sono sempre quelle: zero carboidrati, più proteine, “svegliare” il metabolismo.
DIETA MIAMI PER DIMAGRIRE 3 KG IN 3 GIORNI - Anche in questo caso, ahimé, le...

Dieta depurativa per ridurre cellulite e sovrappeso
Dieta depurativa per ridurre cellulite e sovrappeso
(Genova)
-

DIETA DEPURATIVA DISINTOSSICANTE - Sarebbe magnifico, tot volte all’anno, sapere di poter disintossicare e depurare il nostro organismo grazie a due o tre accorgimenti.
DIETA DEPURATIVA DISINTOSSICANTE - Sarebbe magnifico, tot volte all’anno, sapere...

Zuccheri nel sangue: regole per tenere sotto controllo
Zuccheri nel sangue: regole per tenere sotto controllo
(Genova)
-

DIETA PER ZUCCHERI NEL SANGUE - I livelli di zuccheri nel sangue possono alzarsi in modo incontrollato se il tuo corpo è incapace di trasportare zuccheri dal sangue alle cellule.
DIETA PER ZUCCHERI NEL SANGUE - I livelli di zuccheri nel sangue possono alzarsi...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati