La giustizia italiana lascia libero il boss della jihad!

(Bologna)ore 12:41:00 del 14/12/2016 - Categoria: , Cronaca, Denunce

La giustizia italiana lascia libero il boss della jihad!

Si sapeva da marzo dell'annullamento del provvedimento restrittivo nei confronti di Krekar mentre è di giugno la notizia che una competente corte norvegese aveva approvato l'estradizione verso l'Italia evidentemente mai eseguita e l'Italia dunque si è dim

Si sapeva da marzo dell'annullamento del provvedimento restrittivo nei confronti di Krekar mentre è di giugno la notizia che una competente corte norvegese aveva approvato l'estradizione verso l'Italia evidentemente mai eseguita e l'Italia dunque si è dimenticata per lunghi mesi di revocare la richiesta di estradizione. I norvegesi hanno sul groppone e dagli anni 90 il mullah: se lo tengano e lo processino loro per terrorismo se ne hanno gli elementi e se lo trovano colpevole lo condannino.

Un capoccia jihadista, mullah Krekar, torna in libertà perché l'Italia fa cadere l'estradizione dalla Norvegia, dopo averla richiesta, a causa di un Gip che in marzo ha revocato l'ordinanza di custodia cautelare.

Peccato che il 29 ottobre lo stesso Krekar assieme ad altri accoliti viene a processo davanti alla corte d'Assise di Bolzano per terrorismo con l'aggravante della transnazionalità. Un pasticcio giudiziario all'italiana, che fin dall'inizio ha provocato polemiche per scarcerazioni facili in un braccio di ferro fra la procura di Roma e di Trento.

Ieri le autorità norvegesi rendono noto che l'Italia ha ritirato, all'ultimo momento, la richiesta di estradizione di Najmaddin Faraj Ahmad, meglio noto come mullah Krekar. Un personaggio con un lungo pedigree jihadista condannato più volte e nella lista nera dell'Onu, che era in carcere in Norvegia per aver minacciato di morte il primo ministro di Oslo. Nel novembre dello scorso anno un'indagine dei carabinieri del Ros di Roma lo aveva individuato come il capo di una cellula internazionale con una forte base a Merano, che si preparava online ad azioni in Europa e a piantare la bandiera nera nel Kurdistan iracheno.

L'Italia chiede l'estradizione, ma in marzo il Gip di Trento Francesco Forlenza revoca l'ordine di cattura per Krekar e altri quattro sospetti terroristi in carcere fra la Norvegia e l'Inghilterra, in nome dei «diritti costituzionali degli indagati». Il ministero della Giustizia italiano avrebbe dovuto informare subito i norvegesi, ma in realtà il procedimento va avanti e il 23 novembre la Corte suprema di Oslo accoglie la richiesta di estradizione. A questo punto basta il via libera del governo. La premier al potere, Erna Solberg, era stata minacciata di morte proprio da Krekar, che aveva ottenuto nel 1991 l'asilo politico dalla Norvegia. La sorpresa dei norvegesi, che volevano consegnarci il jihadista, è grande davanti a una comunicazione del 25 novembre del ministero della Giustizia italiano che informa della decadenza dell'estradizione essendo stato revocato il mandato di cattura. Peccato che si sapeva da marzo.

La premier Solberg non nasconde l'irritazione, ma alla fine dichiara che i politici non possono giudicare e la decisione di Roma «è qualcosa che dobbiamo accettare». La beffa giudiziaria, originata dal Gip a marzo, è che pochi mesi dopo, il 29 ottobre, il giudice dell'udienza preliminare di Trento, Michele Cuccaro, accoglie la richiesta dei pm Davide Ognibene e Pasquale Profiti di rinvio a giudizio presso la corte di Assise di Bolzano per sei presunti jihadisti della cellula meranese compreso Krekar con l'accusa di terrorismo internazionale. Probabilmente i pubblici ministeri non fanno in tempo a chiedere una nuova estradizione. Ieri il mullah della guerra santa viene scarcerato e prima del processo in Italia fissato per il 13 marzo 2017 potrebbe dileguarsi, come hanno fatto gli altri membri della cellula arrestati e poi tornati in libertà grazie alla decisione del tribunale di Trento di non convalidare l'arresto.

L'inchiesta «Rawti Shax» è partita male fin dall'inizio. La procura di Roma, dove era nata, aveva individuato 17 presunti terroristi in collegamento via internet, ma poi nel passaggio a Trento solo per dieci è stato confermato il carcere preventivo. La procura di Trento ha fatto a pezzi il lavoro di Roma sostenendo che «non ci si può accontentare di contatti episodici a mezzo del computer» e «non basta la generica adesione all'ideologia» jihadista. Così è tornato libero anche Ibrahim Jamal, nome di battaglia «Hitler». In maggio, però, sono stati condannati in sei della cellula «Rawti Shax», compreso il capo in Italia, Abdul Rahman Nauroz, che aveva ottenuto l'asilo politico e viveva in una mansarda a spese del comune di Merano. L'accusa non si accontenta e a fine ottobre ottiene un nuovo processo per incastrare anche mullah Krekar, ma il corto circuito giudiziario e ministeriale costringe i norvegesi a liberare, nelle ultime ore, il grande vecchio della guerra santa.

Pubblicato da Luca

Altre notizie
Manovra 2018 Scritta Dal Pd Per Non Perdere (TROPPO) Le Elezioni
Manovra 2018 Scritta Dal Pd Per Non Perdere (TROPPO) Le Elezioni
(Bologna)
-

Ottobre, mese di funghi e manovre finanziarie. Quella del governo italiano, da circa 20 miliardi (40.000.000.000.000 di vecchie lire) si appresta a passare alla storia come l’ennesima manovra elettorale, fatta per nascondere sotto il tappeto l’immensa mol
Ottobre, mese di funghi e manovre finanziarie. Quella del governo italiano, da...

Sky senza pagare? State attenti! CARCERE E MULTE SALATISSIME
Sky senza pagare? State attenti! CARCERE E MULTE SALATISSIME
(Bologna)
-

Carcere e multa a chi evade il canone delle tv a pagamento, come Sky, usando il sistema 'card sharing', ossia acquista i codici necessari per vedere i programmi criptati da un soggetto terzo che, in maniera fraudolenta, funge da 'pusher' dei codici e che
FURBETTI DEL TELECOMANDO, ATTENTI! - LA CASSAZIONE HA CONDANNATO A 4 MESI DI...

La grande TRUFFA di Vacanze e FERIE
La grande TRUFFA di Vacanze e FERIE
(Bologna)
-

I giorni di ferie che ci vengono concessi sono ancora pateticamente insufficienti.
I giorni di ferie che ci vengono concessi sono ancora pateticamente...

L'Islanda sconfigge l'ECONOMIA GLOBALE: la rivoluzione SILENZIOSA
L'Islanda sconfigge l'ECONOMIA GLOBALE: la rivoluzione SILENZIOSA
(Bologna)
-

NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE E DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA: LA “RIVOLUZIONE SILENZIOSA” DELL’ ISLANDA CHE HA PERMESSO AGLI ISLANDESI DI RIAPPROPRIARSI DEI PROPRI DIRITTI.
NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE E DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA: LA...


(Bologna)
-


Un gruppo di scienziati statunitensi ha dato il via a un progetto per "riportare...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati