La felicità abitativa adesso ha un nome: Lecco

LECCO ore 12:17:00 del 06/02/2014 - Categoria: Cronaca, Curiosità, Salute

La felicità abitativa adesso ha un nome: Lecco

Una classifica redatta dalla scuola di psicologia Enrich Fromm di Bologna indica la città lombarda come quella in cui la gente è più felice. Il Nord trionfa, il Sud ancora una volta in fondo alla graduatoria. La peggiore? Isernia…

Se volete vivere felici, pensate a traslocare. Il mare? No, non è la scelta giusta. La montagna? Neppure quella. Meglio una città che stia fra l’acqua e le colline, che abbracci il verde della Natura ad un’economia sviluppata con servizi e infrastrutture al passo coi tempi. Quella città, paradiso terrestre del Belpaese, ha fortunatamente un nome: Lecco. Sulla base della scuola di psicologia Enrich Fromm di Bologna che ha calcolato l’indice di felicità degli abitanti su una scala di valori che va da 1 a 100, la città lombarda affacciata sul Lago, riparata dal Resegone e celebrata dal Manzoni ne I Promessi sposi, è quella che rende più entusiaste le persone che la abitano.
L’indice di felicità, misurato su un campione di 2mila persone tra i 25 e i 70 anni, è pari a 89. Come dire che la valutazione dei lecchesi sulla propria città è in media un 9 in pagella. Un autentico record che conferma i centri abitati di dimensioni medie, preferibilmente al Nord, come i più appetiti per chi va in cerca di una casa. Lecco ha il paesaggio lacuale a portata di mano, permette rapide escursioni in estate in montagna, è vicino a Milano e alla Svizzera, gode di una buona economia, ha offerta formativa e sanitaria all’altezza della situazione e delle istituzioni che sanno come rispondere ai bisogni dei cittadini.
Classifica “della felicità” che premia Lucca (87), incantevole nel pregio architettonico e da quell’atmosfera passata che non cessa di sorprendere chi la vive e la respira. Le Isole salgono al terzo posto grazie a Oristano (indice di felicità 83), mentre nella top ten a spopolare è il Centro Nord con Trento con indice di felicità pari a 81, Como (80), Viterbo (77), Pordenone (75), Grosseto (72), Ravenna (68) e Cuneo (67). Inutile evidenziare l’onnipresenza di Trento che, nelle graduatorie del “meglio” italiano, trova sempre un ruolo di prestigio. Merito di un centro storico da bocca aperta, di servizi d’eccellenza e di un generale senso di sicurezza assicurato da rapporti di vicinato consolidato e di un controllo costante del territorio. L’unica pecca è il clima, ma chi ci abita è disposto ad infilarsi un maglione in più pur di vivere tranquillo e sereno.
La Provincia del Nord meno felice è Imperia, che conquista comunque il 35esimo posto. Molto più sotto il Sud che paga fattori quali disoccupazioni, clima insopportabile, difficoltà istituzionali e burocratiche, pessime infrastrutture e scarsa avanguardia tecnologica.
In fondo alla classifica molte Province del Sud, tra cui Enna (21), Salerno (18), Crotone (16), Isernia (14) e Catanzaro (9). Ultima posizione per la provincia di Potenza con un indice di felicità di 5 su 100. In sostanza, chi ci abita vorrebbe andarsene quanto prima ma non lo può fare per le difficoltà con cui è costretto a convivere ogni giorno…
Infine, secondo lo studio, la gente che vive in provincia si ritiene più felice del 77% rispetto a chi vive in città, perché ritiene la Provincia meno costosa, più tranquilla e meno inquinata. La maggior parte degli intervistati (80%) che vive in provincia non vivrebbe mai nelle grandi città, perché non ama il ritmo sfrenato, l'aria inquinata, il traffico e la difficoltà a trovare parcheggio e soprattutto il cemento...

Pubblicato da Albertone

Altre notizie
Cozze pericolose: contaminazione batteria in tutta Italia
Cozze pericolose: contaminazione batteria in tutta Italia

-

Cozze ritirate dal mercato: è scattato in questi giorni in tutta Italia l’allarme per le cozze vive refrigerate che, secondo le analisi condotte sui mitili, sarebbero contaminate oltre i limiti consentiti dalla legge dal batterio Escherichia Coli.
Cozze ritirate dal mercato: è scattato in questi giorni in tutta Italia...

Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni
Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni

-

La leader del movimento “Domenica no grazie, Tiziana D’Andrea, racconta delle telefonate che riceve dalle ex colleghe che denunciano condizioni di lavoro inaccettabili
“Lavorare tutte le domeniche mi ha stravolto la vita. Dopo 20 anni di lavoro...

Vaccino contro il cancro efficace al 100%!
Vaccino contro il cancro efficace al 100%!

-

uanto sperimentato ha portato ad un efficacia del 100% adesso non resta che scoprire se potrà essere valido anche per l’essere umano.
Un vaccino contro il cancro è risultato efficace nel 100% dei casi sui topi...

I milioni per l'Africa sui conti del cognato di Renzi e dei fratelli: ma una legge PD lo salvera'!
I milioni per l'Africa sui conti del cognato di Renzi e dei fratelli: ma una legge PD lo salvera'!

-

Firenze, “i milioni per l’Africa sui conti del cognato di Renzi e dei fratelli”. Ma per la riforma Orlando indagine rischia lo stop
L’inchiesta, resa nota nel 2016 da La Nazione, è nata da movimenti bancari...

New York sposa il Gender: ecco il sesso X
New York sposa il Gender: ecco il sesso X

-

Il genere indefinito diventa legge. Esultano le comunità Lgbt. I critici: “Rischio abusi”
Il genere indefinito diventa legge. Esultano le comunità Lgbt. I critici:...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati