La dura vita dei cani di Chernobyl. Fame, sete e radioattivita'

(Firenze)ore 19:17:00 del 27/06/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Esteri

La dura vita dei cani di Chernobyl. Fame, sete e radioattivita'

Anche se il governo ha cercato di uccidere tutti i cani di Chernobyl in quanto contaminati, alcuni sono sopravvissuti e vivono con problemi di fame, sete e radioattività.

Anche se il governo ha cercato di uccidere tutti i cani di Chernobyl in quanto contaminati, alcuni sono sopravvissuti e vivono con problemi di fame, sete e radioattività.

Senza dubbio quella di Chernobyl è stata la più grande catastrofe ambientale della storia recente.
L’esplosione del reattore nucleare della centrale elettrica russa è stata, senza dubbio, una tragedia talmente grande i cui effetti negativi continuano ancora oggi.

Molti pensano che l’area intorno alla zona sia, a causa delle radiazioni, un luogo abbandonato senza alcun movimento, la verità è che è piena di vita.
Ogni giorno ci sono 3500 persone che lavorano nelle vicinanze, per non parlare di tutti gli animali che hanno fatto delle case abbandonate della città, le loro case, il loro habitat.

Ci sono molte specie di animali nell’area rossa di Chernobyl, molti di questi, erbivori, vi si sono insediati in quanto nella zona, nonostante le radiazioni, vi è una vegetazione abbondante.

Ad esempio, il visitatore potrebbe imbattersi in specie come lupi, lepri, linci, alci, cavalli e persino orsi bielorussi. Ma se c’è un tipo di animale iconico nell’area che circonda la vecchia centrale nucleare, è il cane randagio.

La storia dei cani randagi di Chernobyl

Ed è proprio la storia dei cani randagi di Chernobyl quella più triste.
Dopo l’esplosione del 1986, le famiglie che vivevano nelle vicinanze furono evacuate e i cani che vivevano con loro furono lasciati sul posto su ordine delle autorità.

Le autorità del tempo avevano il timore che questi cani fossero pericolosi per la salute a causa delle radiazioni a cui erano stati esposti. Pertanto, costrinsero gli abitanti di Chernobyl ad abbandonare i loro animali domestici, e inviarono diverse squadre di soldati in città per sterminarli tutti in nome della sicurezza dei cittadini.

Tuttavia, il governo non riuscì ad uccidere tutti i cani, e i discendenti di coloro che rimasero vivi ora abitano le rovine che circondano la vecchia centrale nucleare.

Questi cani oltrepassano spesso il confine della zona contaminata avvicinandosi alle persone che abitano dei dintorni. Alcune di queste pensano che i cani siano contaminati, quindi cercano di evitarli a tutti i costi. Altre invece non hanno paura  e hanno deciso addirittura di prendersi cura di loro adottandoli come propri animali domestici.

I cani che non vengono adottati invece vivono in condizioni molto difficili, principalmente a causa della mancanza di cibo e acqua (che scarseggiano principalmente perchè vengono evitati dagli esseri umani) e degli attacchi dei lupi selvaggi. Inoltre, la radiazione proveniente dall’area li fa morire molto giovani. L’età massima di ogni cane è di 5 anni.

Fortunatamente però per questi cani sempre più persone hanno il coraggio di avvicinarsi a loro per aiutarli a sopravvivere nonostante il pericolo che possono rappresentare.

Inoltre l’ONG Clean Futures Fund ha iniziato a lavorare per salvare i circa 250 cani che ad oggi vivono nella zona contaminata vicino alla centrale, oltre a quelli che si trovano nell’ area circostante.
Di seguito vi mostriamo un video del loro lavoro. Buona visione.

GUARDA IL VIDEO

Da: Jeda

Pubblicato da Gregorio

Altre notizie
Ecco con quali trucchi i boss aggirano il 41BIS
Ecco con quali trucchi i boss aggirano il 41BIS
(Firenze)
-

Il carcere duro previsto per isolare i capi dagli affiliati a piede libero viene sempre più spesso dribblato grazie a una serie di accorgimenti. E così si tradisce l'insegnamento di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino
Non appena il mafioso Alessandro Piscopo arriva alle porte della sua Vittoria,...

Ronaldo alla Juve? Operai Fiat SENZA AUMENTI DA 10 ANNI
Ronaldo alla Juve? Operai Fiat SENZA AUMENTI DA 10 ANNI
(Firenze)
-

“Non c’è un aumento di paga base da 10 anni. Tutti gli stabilimenti sono in cassa integrazione”
“Non c’è un aumento di paga base da 10 anni. Tutti gli stabilimenti sono in...

Integratori di vitamine e minerali? TOTALMENTE INUTILI
Integratori di vitamine e minerali? TOTALMENTE INUTILI
(Firenze)
-

Gli integratori di minerali e vitamine più famosi sono inutili: la conferma degli scienziati
Scienziati canadesi dell’Università di Toronto hanno dimostrato che gli...

Quanto PIL viene prodotto in Italia dagli immigrati?
Quanto PIL viene prodotto in Italia dagli immigrati?
(Firenze)
-

Per il ministero dell’Economia nel 2018 la gestione dei migranti ci costerà 4,6 miliardi, l’Europa ne mette 80 milioni, ma ci “permette” di non contabilizzare le cifre nel deficit.
Per il ministero dell’Economia nel 2018 la gestione dei migranti ci costerà 4,6...

Respingere i barconi? La risposta UMANA alla crisi dei migranti
Respingere i barconi? La risposta UMANA alla crisi dei migranti
(Firenze)
-

Le fotografie di bambini in gabbia nei centri di migrazione statunitensi, evidentemente separati dai genitori con cui erano entrati illegalmente nel paese, non danno una buona immagine dell’amministrazione Trump
Le fotografie di bambini in gabbia nei centri di migrazione statunitensi,...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati