Italia PAESE DI SINGLE: 800mila in piu' in 5 anni!

(Roma)ore 09:23:00 del 15/03/2018 - Categoria: , Curiosità, Sociale

Italia PAESE DI SINGLE: 800mila in piu' in 5 anni!

Separati, divorziati, vedovi o semplicemente single per scelta. Gli italiani sono sempre più soli. È la statistica a dirlo: una famiglia su tre, secondo gli ultimi dati Istat, è composta da un'unica persona

SIAMO TUTTI PIU’ SOLI – L’ITALIA E’ UN PAESE DI SINGLE: 800 MILA IN PIU’ IN 5 ANNI – TRA LE CAUSE IL PROGRESSIVO INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE, L'INCREMENTO DELLE SEPARAZIONI E DEI DIVORZI E L'ARRIVO DI CITTADINI STRANIERI – “ESSERE SINGLE È ORMAI UNO STATUS. A DETERMINARLO, PURE LA VELOCITÀ CON CUI VIVIAMO GIORNATA, LAVORO, RELAZIONI..." – VIDEO

Separati, divorziati, vedovi o semplicemente single per scelta. Gli italiani sono sempre più soli. È la statistica a dirlo: una famiglia su tre, secondo gli ultimi dati Istat, è composta da un'unica persona. E non è un dato dell'ultimo periodo ma un vero e proprio trend, che si è confermato e soprattutto accentuato negli anni. Dal 2011 al 2016 il numero delle famiglie è salito da 24,5 milioni di nuclei a 25,4 milioni, con un aumento del 3,6% da ricondurre proprio alla categoria monoparentale, con nuclei di un solo individuo

Quest'ultima voce, infatti, è salita da 7,2 milioni a 8, con una crescita dell'11,4%. Tra le cause, l'Istituto segnala «il progressivo invecchiamento della popolazione, innanzitutto, ma anche l'incremento delle separazioni e dei divorzi, così come l'arrivo di cittadini stranieri che, almeno inizialmente, vivono da soli».

[video]

LE STATISTICHE Analizzando le statistiche degli ultimi vent'anni, il numero dei single non vedovi è più che raddoppiato. E il dato sarebbe ancora in crescita. Basta guardare alle altri voci familiari per rendersene conto. Tra 2011 e 2016 si registra un aumento del 2,8% nelle coppie e appena dello 0,7 nelle famiglie di tre persone. In tutti gli altri casi c'è un calo: scendono da 4,2 a 4 i milioni di famiglie di quattro persone, calano dello 0,1% quelle con cinque e del 4,1% quelle con sei. Il fenomeno interessa tutto il Paese, con la quota più alta di famiglie unipersonali, il 34,4%, al Centro. 

La durata media della vita, più lunga, di certo incide - la speranza di vita è passata da 80,1 a 80,6 anni per gli uomini e da 84,6 a 85,1 per le donne - ma, di fatto, la famiglia sembra interessare sempre meno. Se è vero che i matrimoni sono tornati ad aumentare, passando da quasi 190mila del 2014 a circa 194mila del 2015, lo è pure che, nello stesso intervallo di tempo, per i divorzi la crescita è stata ben più marcata, salendo da poco più di 52mila a oltre 82mila. Aumentano i single italiani dunque e pure quelli europei. Secondo i dati Eurostat, nella Ue, il 33,1% delle famiglie è composta da single senza figli: dieci anni fa erano il 29,3%.

«Il trend nel nostro Paese è evidente e nei giovani si vede amplificato - spiega il sociologo Nicola Ferrigni, direttore Link Lab, Laboratorio di ricerca sociale della Link Campus University - Le cause della tendenza a essere single sono solo parzialmente attribuibili alla carenza di lavoro e alla mancanza di stabilità e prospettive, comunque da tenere in conto. La parola chiave del cambiamento in atto è individualismo. La risorsa che più manca oggi è il tempo. Essere in famiglia richiede tempo, così costruire relazioni. Il fenomeno dei single non si vede solo negli affetti ma anche nell'amicizia. Sono sparite le grandi comitive che c'erano una volta, i rapporti sono divenuti più labili e frammentati. Essere single è ormai uno status. A determinarlo, pure la velocità con cui viviamo giornata, lavoro, relazioni. È diventato un modo di vivere». 

COSTI IN AUMENTO Insomma, essere single piace, piace meno stare soli. Così aumenta la spesa per fare conoscenze: secondo SpeedDate.it, nel nostro Paese, nel 2017 è salita a 9,5 miliardi di euro, con un incremento del 12% rispetto al 2016. Cambiano i costumi e muta il lavoro.

Stando alle cifre Eurostat, i single senza figli, in Italia, lavorano più di quanto non facciano quelli negli altri Paesi europei: il dato nazionale è del 72,5% rispetto al 70,1% dell'area euro. Più lavoro ma anche più spese. Aumentano i costi per le casa, per cibo, bevande e così via. E l'inversione di tendenza sembra lontana. «Il ritmo con cui viviamo - conclude Ferrigni - sempre più isolati nel mondo social porterà a un ulteriore incremento dei single in futuro».

Dago

Pubblicato da Samuele

Altre notizie
Sembra che le Torri siano crollate da SOLE...come in Italia i PONTI!
Sembra che le Torri siano crollate da SOLE...come in Italia i PONTI!
(Roma)
-

L'Occidente dimentica chi e perché ha fatto crollare le torri gemelle... e infatti permette che una grande moschea sia stata costruita proprio vicino a Ground Zero come se il terrorismo islamico non c'entrasse nulla Ieri il mondo avrebbe dovuto ricordare
L'Occidente dimentica chi e perché ha fatto crollare le torri gemelle... e...

Come essere SEMPRE SANI senza usare MEDICINE
Come essere SEMPRE SANI senza usare MEDICINE
(Roma)
-

Il professore Ivan Neumivakin era il capo del programma di risanamento degli astronauti russi. Mise a punto un sistema di risanamento corporeo unico al mondo.
Il professore Ivan Neumivakin era il capo del programma di risanamento degli...

Coca Cola prepara bevanda alla CANNABIS
Coca Cola prepara bevanda alla CANNABIS
(Roma)
-

Coca Cola prepara la bibita alla cannabis – Il colosso pensa alla marijuana per far fronte al calo di vendite
Coca Cola prepara la bibita alla cannabis – Il colosso pensa alla marijuana per...

Luoghi pubblici: guinzaglio si, guinzaglio no?
Luoghi pubblici: guinzaglio si, guinzaglio no?
(Roma)
-

Il 19 luglio scorso, a Villagrazia in provincia di Palermo, un pitbull ha staccato a morsi il braccio di una ragazza ventitreenne.
GUINZAGLIO SÌ O GUINZAGLIO NO? – DOPO I TRE CASI DI BAMBINI MORSI DAI CANI SI...

10 regole di Schopenhauer per essere felici ed evitare sofferenze
10 regole di Schopenhauer per essere felici ed evitare sofferenze
(Roma)
-

Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un pessimista estremo, pensava che vivessimo nel peggiore dei mondi possibili e che la felicità fosse solo un’illusione.
Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un pessimista estremo, pensava che...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati