INSONNIA E DEPRESSIONE: il legame che tanti italiani soffrono

(Genova)ore 20:30:00 del 28/07/2018 - Categoria: , Salute

INSONNIA E DEPRESSIONE: il legame che tanti italiani soffrono

Dio benedica chi ha inventato il sonno, mantello che avvolge i pensieri di tutti gli uomini, cibo che soddisfa ogni fame, peso che equilibra le bilance e accomuna il mandriano al re, lo stolto al saggio

PENSO DUNQUE SONNO - IN ITALIA 9 MILIONI DI PERSONE SOFFRONO DI INSONNIA E MOLTE ALTRE LAMENTANO DIFFICOLTÀ AD ADDORMENTARSI – LE CAUSE E IL LEGAME STRETTO CON LA DEPRESSIONE - L' ERRORE PEGGIORE? DORMIRE POCHE ORE ALLA VOLTA: NUOCE AI RIFLESSI, ALLA CONCENTRAZIONE E ALLA MEMORIA. E SUL PISOLINO POMERIDIANO…

«Dio benedica chi ha inventato il sonno, mantello che avvolge i pensieri di tutti gli uomini, cibo che soddisfa ogni fame, peso che equilibra le bilance e accomuna il mandriano al re, lo stolto al saggio», scriveva Miguel de Cervantes. C' è, insomma, una sorta di giustizia «divina» nel dormire: dopo le gesta giornaliere, chiunque tu sia, ti aspetta il tepore dolce del riposo. Benché ancora in parte un mistero, il sonno è scandito da un «orologio» progettato dall' evoluzione per accordare il metabolismo dei viventi alla rotazione della Terra. Purtroppo, però, come tutti i fini meccanismi della biologia, anche questo può incepparsi.

In Italia soffrono di insonnia diagnosticata nove milioni di persone, mentre sette su 10 manifestano disturbi del sonno e quattro su 10 lamentano difficoltà ad addormentarsi.

Tante altre persone, per fortuna, stanno invece bene, ma, dando per scontata la regolarità dei propri bioritmi, la sacrificano costantemente, mettendola a dura prova. Rovinare tutto è estremamente facile, mette in guardia Giuseppe Insalaco, ricercatore dell' Istituto di biomedicina e di immunologia molecolare «Alberto Monroy» del Cnr di Palermo, uno dei centri d' avanguardia dedicati al sonno.

Trascurando il fatto che il corretto riposo è uno degli strumenti fondamentali legati alla sopravvivenza, per i motivi più diversi - dal lavoro alla famiglia e al divertimento - ritardiamo sempre più spesso l' appuntamento con le coperte, con la speranza di recuperare nel weekend.

Ancora, induciamo artificialmente il sonno o la veglia con integratori o farmaci con l' obiettivo di essere pronti «a comando». Tanti modi perfetti per scardinare gli ingranaggi del nostro orologio biologico. «Dormire è una fase dell' evoluzione del metabolismo giornaliero molto precisa - sottolinea lo specialista - e consta di un lungo periodo, diviso in cicli, tra i quali quelli del sonno leggero e profondo e il sonno Rem, durante il quale sogniamo». Interferire in qualunque modo con questi cicli manomette la qualità di vita e, quindi, anche la veglia.

Quando servono i farmaci Ecco perché «programmare le dormite, a seconda degli impegni, a volte spezzando il sonno qua e là nell' arco della giornata, non garantisce riposo, ma semmai espone all' insonnia». È un' abitudine ritenuta, a torto, in grado di «efficientare» la giornata. Se Leonardo da Vinci, per lavorare meglio, dormiva 20 minuti ogni quattro ore e se altri personaggi, da Thomas Edison a Napoleone Bonaparte e Winston Churchill, spezzavano il sonno, meglio non imitarli. In realtà il sonno «polifasico» nuoce ai riflessi, alla concentrazione e anche alla memoria. E, allora, il pisolino pomeridiano? Altro discorso: «A metà giornata il fisico ha un calo ed è bene abbassare la guardia, massimo 20 minuti, come per altro è politica delle grandi aziende statunitensi e giapponesi che l' hanno istituzionalizzato per migliorare la performance dei dipendenti».

Chi, poi, soffre di insonnia cronica deve essere trattato con i farmaci.

Ma «gli ipnotici, in primis le benzodiazepine, sono utili esclusivamente per brevi periodi - prosegue Insalaco -. Alla lunga danno dipendenza e non garantiscono un sonno ristoratore». E la famosa melatonina? «Può aiutare, ma l' efficacia è limitata e individuale».

Quanto alle terapie non farmacologiche, queste, di fatto, non esistono. Valgono piuttosto alcuni accorgimenti: la temperatura della stanza da letto non deve superare i 24 gradi, si devono spegnere le luci, anche i led degli elettrodomestici, e sono vietati gli schermi retroilluminati oltre a quelli di cellulari e tablet. Chi, invece, si risveglia nelle notte è meglio che si alzi: rigirarsi nelle coperte è inutile, ma niente sigarette, frigorifero e tv. Se adottiamo comportamenti «attivi», i neurotrasmettitori «pensano» sia giorno e non si riprende più sonno.

Meglio leggere.

La depressione Attenzione, infine, ad alcuni campanelli d' allarme. L' insonnia persistente ha un legame stretto con la depressione - una terapia antidepressiva può aiutare il sonno - e anche numerose malattie organiche: se vi svegliate spesso di notte per andare in bagno, meglio verificare la salute della prostata o eventuali cistiti. Se la minzione notturna è abbondante, può dipendere dal diabete. Oppure, ancora, potreste soffrire di sindrome da apnee ostruttive del sonno. Se poi a tenervi svegli è, in realtà, il partner che russa, spingetelo a mangiare meno: con la pancia gonfia, infatti, si innalza il diaframma e respirare diventa faticoso. E soprattutto dormire, per chi sta accanto.

Dago

Pubblicato da Luca

Altre notizie
Dieta vitamina B12 contro la stanchezza cronica
Dieta vitamina B12 contro la stanchezza cronica
(Genova)
-

DIETA VITAMINA B12 - La vitamina B12 è fondamentale per la nostra salute.
DIETA VITAMINA B12 - La vitamina B12 è fondamentale per la nostra salute. Nota...

Tumori, orgoglio mondiale per Napoli: metastasi, sonda intercetta le cellule tumorali
Tumori, orgoglio mondiale per Napoli: metastasi, sonda intercetta le cellule tumorali
(Genova)
-

Partono dall'Italia due progetti tesi a mettere a punto nuove armi nella contro i tumori: il primo finalizzato a intercettare le metastasi e il secondo a ridurre gli effetti collaterali e la tossicità delle terapie.
TUMORI, SPERANZE DA NAPOLI - Due importanti progetti per contrastare la crescita...

Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
(Genova)
-

Secondo le stime dei virologi, l'influenza colpirà 6 milioni di italiani meno degli anni scorsi ma con virus potenzialmente più pericolosi
INFLUENZA RECORD IN ITALIA - Non ci sono più le mezze stagioni, è proprio il...

Seggiolini antiabbandono obbligatori: cosa prevede la nuova legge
Seggiolini antiabbandono obbligatori: cosa prevede la nuova legge
(Genova)
-

SEGGIOLINI ANTIABBANDONO OBBLIGATORI - Se ne parla a fine febbraio.
SEGGIOLINI ANTIABBANDONO OBBLIGATORI - Se ne parla a fine febbraio. L’obbligo di...

Viva le noci, perfette contro stress e colesterolo
Viva le noci, perfette contro stress e colesterolo
(Genova)
-

PROPRIETA' E BENEFICI DELLE NOCI - In questo periodo iniziano ad arrivare nei mercati di tutta Italia (e anche sui tipici camion ai bordi delle strade) le noci di Sorrento o campane più in generale (l’Irpinia è un’ottima terra per questa produzione).
PROPRIETA' E BENEFICI DELLE NOCI - In questo periodo iniziano ad arrivare nei...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati