Inquinamento responsabile per il 16% dei decessi mondiali

(Napoli)ore 20:07:00 del 24/05/2018 - Categoria: , Denunce, Sociale

Inquinamento responsabile per il 16% dei decessi mondiali

Il report presenta soluzioni e suggerisce come risolvere il problema.

Bruce Lanphear, professore di Scienze della salute della Simon Fraser University, è un commissario e autore della Commissione per l’inquinamento e la salute di Lancet che ha pubblicato un rapporto che descrive gli effetti negativi dell’inquinamento sulla salute globale.

“Questa è la prima analisi globale degli impatti dell’inquinamento – aria, acqua, suolo, occupazione – realizzata esplorando i costi economici e l’ingiustizia sociale dell’inquinamento”, afferma Lanphear. “L’inquinamento, che è alla base di molte malattie e disturbi che affliggono l’umanità, è del tutto prevenibile.”

Il report presenta soluzioni e suggerisce come risolvere il problema. Le conclusioni della Commissione comprendono:

  • L’inquinamento causa il 16% di tutti i decessi a livello globale.
  • Le malattie causate dall’inquinamento sono state responsabili nel 2015 di circa 9 milioni di decessi prematuri – il 16% di tutti i decessi nel mondo – tre volte più morti di AIDS, tubercolosi e malaria combinati; e quindici volte di più di tutte le guerre e altre forme di violenza. L’inquinamento uccide più persone che fumare, fame e disastri naturali. In alcuni paesi, rappresenta uno su quattro morti.
  • L’inquinamento uccide in modo sproporzionato i poveri e i vulnerabili. Quasi il 92% dei decessi correlati all’inquinamento si verificano nei paesi a basso e medio reddito. All’interno dei paesi, il pedaggio dell’inquinamento è maggiore nelle comunità povere ed emarginate. I bambini corrono i rischi più alti perché le piccole esposizioni alle sostanze chimiche nell’utero e nella prima infanzia possono provocare malattie permanenti e, invalidità, morte prematura, nonché un ridotto potenziale di apprendimento.
  • L’inquinamento è strettamente legato al cambiamento climatico e alla biodiversità. La combustione di combustibili fossili nei paesi a più alto reddito e la combustione di biomassa nei paesi a basso reddito rappresentano l’85% dell’inquinamento atmosferico da particolato. I principali emettitori di biossido di carbonio sono centrali elettriche a carbone, produttori chimici, attività minerarie e veicoli.

Accelerare il passaggio a fonti di energia più pulite ridurrà l’inquinamento atmosferico e migliorerà la salute umana e planetaria. Cos’altro dobbiamo aspettare?

Da: QUI

Pubblicato da Luca

Altre notizie
Neolaureati e manager italiani tra i meno pagati in Europa
Neolaureati e manager italiani tra i meno pagati in Europa
(Napoli)
-

I dati del Global 50 Remuneration Planning Report sugli stipendi degli italiani per quanto riguarda manager e neolaureati.
In Italia sia i neo laureati che i manager di fascia media sono i meno pagati....

Puglia: prima regione in Italia a dire STOP ALLA PLASTICA nelle spiagge
Puglia: prima regione in Italia a dire STOP ALLA PLASTICA nelle spiagge
(Napoli)
-

Anticipata di due anni la direttiva dell'Unione Europea, che pone come limite il 2021.
“Sarà certamente complicato, ma possiamo farlo”. Lo aveva scritto il governatore...

Sacerdote shock: 'ecco come la religione e' usata per CONTROLLARE LE PERSONE'. VIDEO
Sacerdote shock: 'ecco come la religione e' usata per CONTROLLARE LE PERSONE'. VIDEO
(Napoli)
-

“Il problema non è la fede, ma la religione come organizzazione, che viene usata come mezzo di controllo, per mettere le persone le une contro le altre”
La religione è un argomento controverso, e vorrei premettere in questo articolo...

Alternanza scuola lavoro? In Sardegna si fa dentro il poligono militare di Quirra
Alternanza scuola lavoro? In Sardegna si fa dentro il poligono militare di Quirra
(Napoli)
-

Gli studenti dovevano frequentare la base militare finita al centro delle polemiche e delle indagini per i possibili danni legati alle radiazioni sprigionate dalle munizione esplose. Ma dopo la bufera il preside ci ripensa. Almeno per il momento
Un gruppo di studenti dentro una base militare per un progetto di alternanza...

Disoccupazione giovanile: 1 italiano su 3 senza lavoro. Dov'e' la DIGNITA' PER LORO?
Disoccupazione giovanile: 1 italiano su 3 senza lavoro. Dov'e' la DIGNITA' PER LORO?
(Napoli)
-

Tra le tante abolizioni proclamate in maniera trionfale dal governo del cambiamento c’è sicuramente quella della precarietà
Tra le tante abolizioni proclamate in maniera trionfale dal governo del...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati