Il Papa portà il suo conforto agli immigrati di Lampedusa

LAMPEDUSA E LINOSA (Agrigento)ore 09:22:00 del 08/07/2013 - Categoria: Cronaca, Sociale

Il Papa portà il suo conforto agli immigrati di Lampedusa

Tra isolani e turisti saranno circa quindicimila le persone che ascolteranno Papa Francesco

Papa Francesco ha voluto fare il suo primo viaggio proprio a Lampedusa, terra di speranza per molti Immigrati che sfuggono dalla povertà della propria terra per sognare un futuro migliore. Terra che ha visto morire molti profughi, inghiottiti dal mare o dalle cattive condizioni dei viaggi. Il primo viaggio del Papa fuori dalle mura Vaticane è quasi tenuto sottovoce, senza clamori e senza proclamazioni. Sono stati dissuasi autorità ed istituzioni e persino il clero siciliano non è stato avvisato di questa visita 'improvvisa' ed inaspettata del Santo Padre.

Francesco. E' il nome che Papa Bergoglio ha scelto nel giorno della sua elezione alla carica più alta della Chiesa, chiaro riferimento a San Francesco d'Assisi che si spogliò delle sue vesti e delle sue ricchezze per seguire una vita povera e semplice al servizio degli ultimi. Un percorso, quello di San Francesco, che il Papa ha deciso di ripercorrere durante il suo pontificato, un percorso che comincia con l'isola di Lampedusa.

Molti si aspettano un fuori programma da parte del Papa meno prevedibile di sempre. C'è chi parla di una visita alla chiesetta della  Madonna di Porto Salvo, chi invece parla di una visita al cimitero dei migranti senza nome. La piccolissima chiesetta della Madonna di Porto Salvo è situata sulla strada per l'isola di Conigli, una sorta di piccolo tempio dedicato a due religioni, quella Cristiana e quella Musulmana, insieme nelle pace, unite nel dolore e nella sofferenza di chi scappa per cercare una vita migliore altrove. Sarebbe un bel gesto da parte di un Papa che ha subito commosso per la sua spontaneità e per la sua umiltà.

Il viaggio del Papa è un viaggio che nasce più dal cuore che dalla mente. Il Papa chiederà scusa per tutte le vittime che per sfuggire alla povertà hanno perso la vita. Una scusa che sa di monito per tutti gli uomini che sfruttano i più poveri e li costringono a vivere in condizioni di miseria disumana. Francesco  porterà il suo saluto e le sue preghiere al mare di Lampedusa che ha inghiottito gente disperata che cercava la vita ma ha trovato la morte. Poi Francesco lancerà in mare una corona di fiori per ricordare le centinaia di vittime senza nome.

Papa Francesco Saluterà tutti gli immigrati presenti nel centro di accoglienza di Lampedusa, una cinquantina al molo Favaloro e gli altri al campo sportivo dove si terrà una messa particolare: come sfondo è stato allestito un cimitero di barconi abbandonati dagli scafisti. Tra isolani e turisti saranno circa quindicimila le persone che ascolteranno Papa Francesco, una funzione liturgica che vuole esser penitenziale, ma che per il popolo lampedusano è il riconoscimento al sacrificio e all'accoglienza che hanno dimostrato in tutti questi anni di sbarchi clandestini.

Il sindaco Nicolini e l'Arcivescovo Francesco Montenegro hanno fatto i salti mortali nelle settimane precedenti all'arrivo del Papa per organizzare al meglio la visita di Francesco. Alle prime ore dell'alba la gente di Lampedusa era già fuori dalle proprie abitazioni, chi al mare e chi al porto per cercare di prendere un posto in prima fila per vedere il Papa dei poveri. Nessuna divisa per strada è la richiesta categorica fatta da Francesco, ed ecco quindi che i militari sono stati costretti a mimetizzarsi con la gente comune per assicurare la sicurezza del  Papa.

Il percorso del pontificato di Papa Francesco inizia con un viaggio silenzioso, ma che fa tanto rumore. Il Papa sembra essersi mosso quasi in punta di piedi, quasi a voler creare meno clamore possibile. Il suo è un gesto per ricordare che la carità e la misericordia non devono essere viste come un fatto eccezionale ma deve essere la quotidianità, il fine dell'uomo non è la ricchezza a scapito di molti, ma il vivere in comunione e in serenità con il cuore e con lo spirito. Forza Papa Francesco, buon viaggio, siamo tutti con te!

Pubblicato da Alberto

Altre notizie

(Agrigento)
-


Quanto vale l'Unione Europea? Quanto valgono gli "Ideali europei". Un morto,...

Torino citta' piu' inquinata d'Italia: dove la Sinistra ha fallito
Torino citta' piu' inquinata d'Italia: dove la Sinistra ha fallito
(Agrigento)
-

INQUINAMENTO TORINO - Torino tra le peggiori città in Europa per concentrazione di polveri sottili.
INQUINAMENTO TORINO - Torino tra le peggiori città in Europa per concentrazione...

Luogo&Lavoro: l'app per valutare posti di lavoro e padroni!
Luogo&Lavoro: l'app per valutare posti di lavoro e padroni!
(Agrigento)
-

Presto, grazie a Luogo&Lavoro, la nuova App made in Italy creata e messa appunto da tre giovanissimi genovesi, sarà possibile non solo recensire il luogo di lavoro dove si è prestato servizio di recente, ma sarà anche possibile capire cosa ci aspetta nell
Presto, grazie a Luogo&Lavoro, la nuova App made in Italy creata e messa...

Carceri italiane DISUMANE: perche' nessuno ne parla piu'?
Carceri italiane DISUMANE: perche' nessuno ne parla piu'?
(Agrigento)
-

CONDIZIONI DISUMANE PER LE CARCERI ITALIANE - Delle carceri in Italia non si parla quasi più.
CONDIZIONI DISUMANE PER LE CARCERI ITALIANE - Delle carceri in Italia non si...

Allarme INFANZIA: il 70% dei bambini subisce violenze in casa
Allarme INFANZIA: il 70% dei bambini subisce violenze in casa
(Agrigento)
-

VIOLENZE DOMESTICHE PER IL 70% DEI BAMBINI - Le statistiche parlano chiaro: secondo l’ultimo rapporto della Onlus Cesvi tra il 60 e il 70% dei bambini compresi nella fascia di età 2-14 anni ha vissuto episodi di violenza tra le mura domestiche.
VIOLENZE DOMESTICHE PER IL 70% DEI BAMBINI - Le statistiche parlano chiaro:...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati