Il Fisco usa i nostri SOCIAL per farci i conti in TASCA

(Bari)ore 09:36:00 del 07/01/2018 - Categoria: , Denunce, Economia, Internet

Il Fisco usa i nostri SOCIAL per farci i conti in TASCA

In queste vacanze tanti italiani hanno ceduto alla tentazione di fare qualche selfie di troppo.

In queste vacanze tanti italiani hanno ceduto alla tentazione di fare qualche selfie di troppo.

Feste con gli amici, cene e anche vacanze. E così qualche foto in più può essere fatale sotto gli occhi del Fisco. Infatti, come aveva ricordato ilGiornale, gli accertamenti in fase di contestazione hanno trovato nei social network un vero e proprio alleato che può svelare tutto ciò che viene nascosto al Fisco. I casi in cui il Tribunale ha inchiodato i cittadini coninvolti in un procedimento usando gli scatti su Facebook, Instragram e Twitter sono numerosi, con un vero e proprio boom nel 2017. Nella casistica si trova di tutto. Ad esempio la Corte di appello di Brescia, come ricorda il Sole 24 Ore, ha condannato un maniscalco che lavorava in nero senza dichiarare nulla al Fisco grazie a Facebook: "La documentazione estratta da Facebook evidenzia un'attività che è molto probabilmente fonte di redditi non dichiarati".

Ma c'è anche un marito condannato per non voler concedere il mantenimento alla moglie. L'uomo avrebbe sostenuto di non avere le possibilità economiche per poter pagare l'assegno. Ed ecco qui che ancora una volta c'hanno pensato i social ad inchiodarlo. La Corte di appello di Ancona in una sentenza dello scorso febbraio è stata molto chiara citando foto sui social che testimoniano come il suo tenore di vita fosse ben più alto di quanto dichiarato. Un imprenditore invece è stato condannato dal Tribunale di Pesaro a pagare l'assegno di divorzio alla moglie dopo avre postato su Facebook foto con vacanze in hotel a 4 stelle in settimana bianca e alla guida di auto di lusso. Insomma si tratta di diversi casi che di fatto hanno messo in difficoltà e non poco chi ha provato a fare il "furbo" in Tribunale. Va sottolineato come una semplice foto non sia sufficiente in fase di processo e che va comunque supportata da riscontri oggettivi.
Ma basta uno scatto per mettere in moto le indagini fiscali. E in questo caso non si tratta di una violazione della privacy. Proprio su questo punto la Cassazione era stata chiara defindendo Facebook un luogo aperto al pubblico e dunque quelle immagini possono diventare oggetto di approfondimenti dal punto di vista fiscale. Il tutto viene affiancato anche dalle verifiche che vengono fatte ad esempio su altri tipi di acquisti come specificava un decreto del Ministero delle Finanze che indicava quelli più attenzionati per i controlli fiscali. Tra questi rientrano gli elettrodomestici, la pay tv, i giochi online ma anche i viaggi e le vacanze. Il tutto spesso accompagnato proprio da una foto che mette in mostra ciò che qualcuno cerca di nascondere all'occhio del "grande fratello" del Fisco.

Da: QUI

Pubblicato da Carmine

Altre notizie
Tassa sulla plastica: regioni e prodotti piu' colpiti
Tassa sulla plastica: regioni e prodotti piu' colpiti
(Bari)
-

La plastic tax sarà un vero e e proprio colpo per molte industrie del settore e a rimetterci saranno in particolare alcune regioni italiane.
TASSA SULLA PLASTICA, REGIONI E PRODOTTI PIU' COLPITI - Quali sono i prodotti...

Palermo: se paghi la tassa sui rifiuti viaggi gratis
Palermo: se paghi la tassa sui rifiuti viaggi gratis
(Bari)
-

Paghi la tassa sulla spazzatura? Hai diritto a viaggiare gratis sui mezzi cittadini
VIAGGI GRATIS SE PAGHI L'IMMONDIZIA - "Uno dei problemi più gravi che assillano...

Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
(Bari)
-

Secondo un'indagine di Altroconsumo gli esercenti arriverebbero a pagare delle commissioni abbastanza importanti.
QUANTO CI COSTA IL POS - Ridurre l’uso del contante per contrastare evasione e...

Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
Dottor Google: AUTODIAGNOSTICARTI le malattie tramite il web ti uccide
(Bari)
-

Oltre il 97% delle persone ricerca informazioni sanitarie online. Ma spesso i risultati sono inaffidabili e portatori d’ansia
SEMPRE PIU' PERSONE ANSIOSE PER RICERCHE MALATTIE SU GOOGLE - 2 americani su 5...

Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
Deficit e Debito Pubblico sempre piu' critici, crescita ZERO. Promesse NON MANTENUTE
(Bari)
-

Stime macroeconomiche della Commissione europea negative per l'Italia su pil, deficit e debito pubblico. La nostra economia non cresce e non riusciamo a risanare i conti pubblici, che peggiorano in maniera allarmante.
CRESCITA ZERO, ITALIA ULTIMA NELLA UE - Siamo quasi alla fine dell’anno ed è...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati