Governo news: arriva addirittura la tassa sui contanti!

LUCCA ore 09:21:00 del 28/02/2015 - Categoria: Economia, Politica

Governo news: arriva addirittura la tassa sui contanti!

Governo news: arriva addirittura la tassa sui contanti! Italiano ti devi svegliare!

Ed eccola la genialata per stroncare l’uso di uno dei pochissimi presidi di libertà che ancora esiste in Italia: il denaro contante. Si tratta di questo, una bella tassa sui depositi in banca del contante sopra i 200€. Un pizzo da pagare allo stato il cui target principale sono i commercianti e i professionisti i quali sarebbero incentivati a costringere i propri clienti a “passare” alla moneta elettronica tracciabile. E tutti voi volete in grande maggioranza essere tracciati, anzi in particolare che siano tracciati i vostri vicini. E ve lo meriterete! Avrete esattamente quello che chiedete. Non mi stupirei poi se oltre ad una tassa sui depositi, venisse istituita anche una tassa sui ritiri in contante dai bancomat. Perchè no.

Lotta dura senza paura al contante.Noi su RC tutto quello che avevamo da dire sul Denaro Contante lo abbiamo fatto con: Contante Libero  raccogliendo in oltre un anno la miseria di 14.673 firme, e dunque prendiamo atto della volontà degli italiani di passare alla moneta tracciata e “trasparente” Quindi, preparatevi, siate consapevoli, siate preparati e fate le valige. p.s. in GerMania, siccome sono stupidi, non ci pensano neppure a eliminare il contante. Addio allo scontrino di carta e massima tracciabilità dei mezzi di pagamento: per dare la caccia ai furbetti arriva l’imposta di bollo sui versamenti superiori a 200 euro. (p.s. i furbetti più furbetti sono già emigrati… n.d. fk) Guerra ai contanti: lo giura il Governo che sta per introdurre un’imposta di bollo proporzionale ai versamenti giornalieri in banca superiori ai 200 euro. Così, per esempio, il commerciante che depositerà, sul proprio conto corrente, il denaro derivante dalle vendite del giorno, e questo supererà la soglia di 200 euro, sarà “super tassato” dallo Stato. Una misura che, insieme all’introduzione degli scontrini e ricevute digitali e alla fatturazione elettronica tra privati, mira a garantire la massima tracciabilità dei pagamenti e a favorire l’addio definitivo al contante.Una misura che “farà bene” non solo allo Stato, ma anche alle casse delle banche, che potranno così vedere crescere i propri utili sulle operazioni di accredito elettronico e allo stesso tempo vedranno ridursi i costi di gestione del contante, ad oggi di circa 5 miliardi.

Le altre misure. Entro il 2017, commercianti, artigiani e professionisti saranno tenuti alla memorizzazione e alla trasmissione telematica al fisco di tutti i corrispettivi giornalieri. In questo modo si abbandonerà per sempre lo storio “scontrino di carta”. L’obbligo riguarderà anche i supermercati, ipermercati, discount, tutti i soggetti che oggi sono sul mercato con i distributori automatici.

La trasmissione telematica potrà avvenire tanto con nuovi registratori di cassa, quanto con strumenti più “leggeri” come smartphone e tablet. Verrà rafforzato l’uso del Pos (il dispositivo elettronico per i pagamenti con bancomat e carta di credito). Chi sosterrà le spese relative all’ammodernamento tecnologico dei propri sistemi di pagamento potrà usufruire di un credito di imposta (soprattutto i soggetti più piccoli come i commercianti al minuto). Tutti i dati finiranno nel cassetto fiscale del contribuente il quale potrà rendersi conto in ogni momento della sua posizione nei confronti del fisco. Professionisti inclusi nella riforma. L’obbligo della comunicazione telematica delle vendite riguarderà anche le fatture emesse dai professionisti.Difatti, il secondo pilastro della riforma per stanare gli evasori riguarderà l’obbligo – anch’esso a partire dal 2017 – di trasmettere i dati delle fatture emesse e di quelle rettificative, nonché delle fatture ricevute direttamente alle Entrate. Il tutto mantenendo nella propria contabilità tutte le transazioni finanziarie con soggetti non residenti di importi pari o superiori a mille euro. Insomma, esisteranno solo fatture digitali o, come sono state ribattezzate, “e-fatture”.Una lotta all’evasione senza quartiere, quindi, che consentirà di incrociare i dati derivanti dalla fatturazione elettronica con le informazioni già disponibili nell’anagrafe tributaria e in quella dei conti correnti così da poter effettuare analisi di rischio mirate sugli evasori.

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
SPESA ITALIANA SOLIDALE RECORD: 1200kg di alimenti per i POVERI
SPESA ITALIANA SOLIDALE RECORD: 1200kg di alimenti per i POVERI

-

Il parroco e la spesa solidale record: raccolti 1200 chili di prodotti alimentari per i poveri di Roma
Il parroco e la spesa solidale record: raccolti 1200 chili di prodotti...

AZZARDOPATIA: decreto dignita' MODELLO EUROPEO
AZZARDOPATIA: decreto dignita' MODELLO EUROPEO

-

La Commissione europea ha risposto ad una interrogazione scritta, presentata ad aprile dall’eurodeputata M5S Isabella Adinolfi, per chiedere provvedimenti contro il diffondersi dei giochi d’azzardo in Europa.
La Commissione europea ha risposto ad una interrogazione scritta, presentata ad...

Reddito e Quota 100 approvati: tutti i dettagli
Reddito e Quota 100 approvati: tutti i dettagli

-

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto su Reddito di cittadinanza e Quota 100 per le pensioni, il cosiddetto decretone
Il Consiglio dei ministri ha approvato il cosiddetto decretone, il decreto...

Coltivare e conservare cibo? Puo' rilevarsi una MINIERA D'ORO!
Coltivare e conservare cibo? Puo' rilevarsi una MINIERA D'ORO!

-

La citazione di Mark Twain è una delle preferite di Warren Buffett, l’investitore più straordinario della storia recente (e non solo) della finanza mondiale.
“Comprate terra, perché non la fabbricano più”. La citazione di Mark Twain è...

Crescita ZERO: a rischio quota 100 e reddito di cittadinanza
Crescita ZERO: a rischio quota 100 e reddito di cittadinanza

-

Crescita quasi piatta per l’Italia il prossimo anno allo 0,3%: è una doccia gelata quella che gli analisti di Oxford Economics stimano per il PIL tricolore, molto più modesto dell’1 per cento scritto dal governo nella legge di bilancio.
Crescita quasi piatta per l’Italia il prossimo anno allo 0,3%: è una doccia...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati