Governo: come mai NESSUNO parla di EVASIONE?

(Milano)ore 20:46:00 del 22/05/2018 - Categoria: , Denunce, Economia, Politica

Governo: come mai NESSUNO parla di EVASIONE?

Lega e 5 Stelle hanno vinto le elezioni anche grazie alle promesse sulla riduzione delle imposte. Molto meno arato è il tema di costirngere tutti a pagare quanto dovuto

I due “non vincitori” del 4 marzo, Salvini e Di Maio, hanno puntato la loro travolgente campagna elettorale sulla promessa non di chiedere, ma 
di dare qualcosa a tutti. Dare e non togliere è piacevole da dire e da sentire, anche se purtroppo difficile 
da onorare (questo però lo si scopre quando è troppo tardi...). E promettere di far pagare meno tasse è di quel principio l’ovvio corollario. Così è stato. Il programma di governo di Lega e 5Stelle, però, non si limita a questo perché gronda anche di proposte pensate per smontare molte armi di contrasto all’evasione: addio Equitalia, via lo spesometro, basta con gli studi di settore. Tanto per dire.

La semplificazione dei messaggi, specie se spruzzati di demagogia, ha questo di bello: puoi dire tutto quello che ti passa per la testa senza minimamente preoccuparti delle conseguenze. E della verità. Certo, Equitalia non è in cima alle passioni degli italiani, mi rendo conto, ma privare lo Stato di uno strumento di esazione significa almeno disporsi 
ad attrezzarne un altro (i Comuni? le Regioni?), e nell’attesa tana libera tutti. Anche gli studi di settore sono l’incubo di ogni attività imprenditoriale, e infatti era stato deciso di sostituirli con un nuovo sistema più agile e meno oppressivo. Ma a Salvini, che ha fatto l’en plein nel nord produttivo, non basta, ne vuole la totale abolizione: sia lo Stato - ripete - a incastrare 
i colpevoli e a provare le loro responsabilità. Con i tempi dell’amministrazione, è come essere certi di farla franca.



E poi c’è, appunto, la riduzione delle tasse. I 5S parlano di ridisegnare le aliquote; Salvini e B., invece, lanciano la flat tax, la tassa piatta, una sola aliquota molto più bassa delle attuali. Le imprese (e i ricconi) gongolano, le casse dello Stato piangono, i leader della destra replicano che pagare meno di prima spingerà milioni di italiani a uscire dal buio e a diventare contribuenti onesti. Non è detto. In paesi dove la pressione fiscale è perfino più alta della nostra - Francia, Svezia, Danimarca, Germania - gli evasori sono il 15 per cento, la metà che qui. A dimostrazione che pagare 
o no dipende innanzitutto dal senso civico e dagli strumenti di controllo. Ma per loro ciò che conta non è spiegare cosa si farà, ma cosa non 
si farà: non si romperanno le scatole agli evasori. Chiaro. Controprova, il progetto di condono fiscale che vede uniti nella lotta Lega e 5S. Lo Stato incasserebbe un po’ di soldi, certo, ma il messaggio sarebbe: evadete pure, tanto poi tutto s’aggiusta.

Anche i grillini non amano la lotta all’evasione fiscale: non compare nei loro programmi, non è una stella del Movimento. Piuttosto invocano di perseguire i grandi frodatori, ma è come somministrare un tranquillante perché ogni evasore è convinto che ce ne sia uno più grande e colpevole di lui. Sia loro sia i leghisti pensano poi che vada lasciato in pace chi evade “per necessità”. Ora, che ci siano imprenditori che chiuderebbero baracca e burattini se davvero pagassero le tasse fino all’ultimo centesimo, è tristemente vero. Ma d’altra parte la loro sopravvivenza 
è sulle spalle di altri che invece rispettano le leggi. E qui sta 
il problema.

Pagare tutti pagare meno non è uno slogan, è un’elementare verità. Solo allargando la platea dei contribuenti 
e riducendo l’evaso a percentuali fisiologiche si potrebbe abbassare 
la pressione fiscale senza danni collaterali. Secondo: se un imprenditore aggira il fisco pecca 
di concorrenza sleale ai danni di chi compie il suo dovere; e se un cittadino vive in nero, a pagargli scuola e sanità sono coloro che rispettano le regole. Socialmente iniquo. Insomma l’evasione fiscale finisce per scavare un fossato incolmabile tra pubblica amministrazione, contribuenti e politici chiamati a rappresentarli, incrina 
la base stessa della democrazia 
che su quell’equilibrio si fonda.

Qualche anno fa a Tommaso Padoa Schioppa, brillante economista e autorevole civil servant, scappò di esclamare che «le tasse sono una cosa bellissima e civilissima». Fu irriso e sbeffeggiato, ma voleva solo dire che è “bello” il patto fiduciario tra lo Stato e i cittadini perché, appunto, è linfa 
di ogni organizzazione democratica. Ma la nostra, ahimè, è stagione di “Popolocrazia” (Ilvo Diamanti e Marc Lazar, Laterza, pagg. 176, euro 15), l’illusione che il popolo possa, in quanto entità autonoma, sostituirsi direttamente ai tradizionali meccanismi di rappresentanza. 
Ma è un’illusione, appunto. Poi 
a un certo punto ci sveglieremo. 
Con il rischio di scoprire che dove c’era la democrazia c’è il deserto.

Da: QUI

Pubblicato da Carmine

Altre notizie
Disoccupazione: Svizzera 6%, Italia 31%. Imparare LAVORANDO una scelta vincente in SVIZZERA
Disoccupazione: Svizzera 6%, Italia 31%. Imparare LAVORANDO una scelta vincente in SVIZZERA
(Milano)
-

Il sistema di formazione duale svizzero continua a riscuotere successo ed è spesso considerato un modello da seguire. Ma come funziona?
Il sistema di formazione duale svizzero continua a riscuotere successo ed è...

Roma – Per la prima volta nella storia i conti di Atac tornano in positivo
Roma – Per la prima volta nella storia i conti di Atac tornano in positivo
(Milano)
-

Forse è per questo che ultimamente non si è sentito parlare della Raggi…
“La cura di risanamento dell’azienda pubblica di trasporti di Roma sta iniziando...

Le famiglie italiane? HANNO PIU' PATRIMONIO DI QUELLE TEDESCHE!
Le famiglie italiane? HANNO PIU' PATRIMONIO DI QUELLE TEDESCHE!
(Milano)
-

Il capo della Bundesbank Weidmann,nell’intervista messa in onda ieri da Rai1 nella trasmissione “In 1/2 ora” si lascia scappare cosa vogliono i tedeschi dall’Italia.
Dev’essere proprio un mondo schifoso quello che mi costringe a dare ragione ad...

Come la Francia deruba e impoverisce DA SEMPRE 14 stati africani
Come la Francia deruba e impoverisce DA SEMPRE 14 stati africani
(Milano)
-

Il Franco coloniale garantisce a Parigi un ferreo controllo della loro moneta, oltre a un monopolio esclusivo sulle ricche materie di cui abbondano (oro, uranio, petrolio, gas, cacao, caffè), con un trasferimento di ricchezza pari a 500 miliardi di dollar
Il Franco coloniale garantisce a Parigi un ferreo controllo della loro moneta,...

Pensioni d'oro: M5S e LEGA pronte a tagliarle ai SINDACALISTI
Pensioni d'oro: M5S e LEGA pronte a tagliarle ai SINDACALISTI
(Milano)
-

La proposta di legge per il taglio delle pensioni d’oro presentata da Lega e M5S in commissione Lavoro alla Camera “mira a riportare a un regime di equità l’applicazione del calcolo della base imponibile a fini pensionistici, attualmente più favorevole pe
In arrivo una stretta sugli assegni dei sindacalisti. "Rimediare alla disparità...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati