Francia: VIETATO contattare i dipendenti al di fuori dell'ORARIO DI LAVORO

(Roma)ore 20:33:00 del 04/04/2019 - Categoria: , Esteri, Lavoro, Nuove Leggi

Francia: VIETATO contattare i dipendenti al di fuori dell'ORARIO DI LAVORO

Sempre più lavoratori, anche grazie al progredire della tecnologia, finiscono col ricevere mail e telefonate di lavoro anche oltre il termine della giornata lavorativa.

La Francia è stata uno dei primi Paesi ad aver mosso i primi passi verso il ripristino del confine lavoro-vita privata, a favore del dipendente. Infatti è diventato d’obbligo il diritto del lavoratore a “disconnettersi” dal lavoro.

Sempre più lavoratori, anche grazie al progredire della tecnologia, finiscono col ricevere mail e telefonate di lavoro anche oltre il termine della giornata lavorativa.

E’ vero che non vi è alcun obbligo di rispondere ma dal risultato di recenti indagini svolte sui lavoratori emerge un dato allarmante:

Il lavoratore è spesso sottoposto a forti pressioni anche solo al pensiero di poter essere raggiunto fuori dall’orario di lavoro.

Il solo fatto di essere reperibile 24h su 24h, 7 giorni su 7, comporta uno stress mentale nel lavoratore non da poco. Se si unisce poi a quello fisico del lavoro vero e proprio il guaio diventa davvero serio.

L’ultimo provvedimento, in tale ambito, preso dalla Francia è stato accolto con entusiasmo da parte di tutti.



Da oggi l’azienda che invia una mail di lavoro al dipendente fuori dal suo turno di lavoro rischia di pagarla a caro costo.
In pratica di lavoro si può parlare solo a lavoro!

Non sarà dunque più possibile inviare messaggi inopportuni ai propri sottoposti fuori dall’orario lavorativo.

A Parigi è stata emanata una legge che sancisce il diritto a “disconnettersi”. Vieterà alle aziende di contattare i propri dipendenti fuori dalle mura aziendali.

Si tratta di una conquista importante per il benessere dei lavoratori. 


Il fine è quello di combattere gli effetti negativi derivanti dal dover essere reperibili anche quando non si lavora.

I lavoratori dipendenti, il più delle volte, lasciano solo fisicamente il luogo di lavoro, ma di fatto non smettono mai di lavorare.

Continue mail, telefonate e messaggini di colleghi e clienti, documenti scaricabili anche tramite il proprio cellulare colonizzano la vita del lavoratore.

Lo sviluppo tecnologico, se mal gestito, è infatti uno delle maggiori cause di malessere e conseguenze sulla salute del lavoratore.

Il diritto a disconnettersi è dunque un’opportunità di staccarci dai dispositivi tecnologici di qualunque tipo: Pc, tablet e telefoni.

Ma c’è anche chi non la pensa così...

Nel Regno Unito si afferma che questa legge sia controproducente per i lavoratore al rientro dalle ferie. Dopo una lunga pausa dal posto di lavoro i dipendenti potrebbero sentirsi sopraffatti all’idea di ritrovarsi inondati da centinaia di mail al rientro.

Da: QUI

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Decreto Fisco: cosa prevede la nuova Manovra
Decreto Fisco: cosa prevede la nuova Manovra
(Roma)
-

DECRETO FISCO COSA PREVEDE - Dopo l'approvazione del decreto clima, ieri sera, voluto dal ministro dell'Ambiente Sergio Costa, un decreto che prevede fondi per 450 milioni di euro per politiche sull'ambiente, il Consiglio dei ministri si prepara ad esamin
DECRETO FISCO COSA PREVEDE - Dopo l'approvazione del decreto clima, ieri sera,...

Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Roma)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...

Seggiolini antiabbandono obbligatori: cosa prevede la nuova legge
Seggiolini antiabbandono obbligatori: cosa prevede la nuova legge
(Roma)
-

SEGGIOLINI ANTIABBANDONO OBBLIGATORI - Se ne parla a fine febbraio.
SEGGIOLINI ANTIABBANDONO OBBLIGATORI - Se ne parla a fine febbraio. L’obbligo di...

Dai migranti in Italia il 9% del PIL
Dai migranti in Italia il 9% del PIL
(Roma)
-

Sono questi alcuni degli elementi che emergono dal nono Rapporto annuale sull’economia dell’Immigrazione, a cura della Fondazione Leone Moressa, presentato oggi (8 ottobre) a Roma.
QUANTO LAVORANI GLI IMMIGRATI IN ITALIA - Negli ultimi anni l’Italia sta...

Manovra: confermati bonus 80 euro e rimodulazione IVA
Manovra: confermati bonus 80 euro e rimodulazione IVA
(Roma)
-

MANOVRA, BONUS 80 EURO E RIMODULAZIONE IVA - Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri conferma la completa sterilizzazione degli aumenti dell’IVA previsti dalle clausole di salvaguardia ma non esclude possibili rimodulazioni dell’aliquota per un sistem
MANOVRA, BONUS 80 EURO E RIMODULAZIONE IVA - Il Ministro dell’Economia Roberto...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati