Fai una foto ai vigili in DIVIETO DI SOSTA? Finisci a processo per oltraggio a PUBBLICO UFFICIALE!

BOLOGNA ore 23:12:00 del 23/04/2016 - Categoria: Denunce, Nuove Leggi, Sociale - Vigili in Divieto di Sosta

Fai una foto ai vigili in DIVIETO DI SOSTA? Finisci a processo per oltraggio a PUBBLICO UFFICIALE!

Succede al Forte Tiburtino: ”C’era una continua lite perché alle nostre auto facevano le multe mentre alle loro no, anche se erano sempre in divieto. Per questo le forze dell’ordine ci dissero che se volevamo portare avanti una denuncia dovevamo fare dell

FOTOGRAFARE VIGILI IN DIVIETO DI SOSTA E FINIRE A PROCESSO PER OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE: ECCO L’ULTIMA FOLLIA DELLA GIUSTIZIA ITALIANA

FOTOGRAFARE VIGILI IN DIVIETO DI SOSTA E FINIRE A PROCESSO PER OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE: BENVENUTI A ROMA! – UN GRUPPO DI IMPIEGATI IMMORTALAVA LE AUTO PRIVATE DELLA POLIZIA MUNICIPALE, CHE NON VENIVANO MAI MULTATE, MENTRE LE ALTRE VENIVANO RIMOSSE. NATURALMENTE A FINIRE NEI GUAI SONO STATI LORO

Succede al Forte Tiburtino: ”C’era una continua lite perché alle nostre auto facevano le multe mentre alle loro no, anche se erano sempre in divieto. Per questo le forze dell’ordine ci dissero che se volevamo portare avanti una denuncia dovevamo fare delle fotografie”. Un giorno un’impiegata è stata ‘arrestata’…

Lavorare accanto ad un comando dei vigili urbani può diventare un vero e proprio incubo quando si raggiunge l’ufficio in auto con la necessità di trovare ogni giorno un parcheggio.

Incubo che si è trasformato in realtà per un’impiegata di un’agenzia assicurativa finita ora a processo con l’accusa di aver ostacolato il lavoro della polizia municipale per il solo fatto di aver voluto fotografare le auto private dei vigili lasciate in divieto di sosta.Scenario dell’episodio è via del Forte Tiburtino dove ha sede il V Gruppo dei vigili urbani ed anche un’agenzia della Unipolsai.

Gli impiegati dell’agenzia assicurativa hanno raccontato in aula, davanti al giudice monocratico di Roma, che le loro autovetture parcheggiate in divieto lungo la via venivano continuamente multate mentre stessa sorte non riguardava le vetture private dei vigili lasciate ugualmente in sosta vietata.

«C’era una continua lite – ha detto uno degli impiegati sentito come testimone – perché alle nostre auto facevano le multe mentre alle loro no, anche se erano sempre in divieto. Per questo le forze dell’ordine ci dissero che se volevamo portare avanti una denuncia dovevamo fare delle fotografie».

È per questo che i dipendenti delle assicurazioni hanno iniziato a fotografare le vetture dei vigili lasciate in divieto di sosta fino ad arrivare all’episodio avvenuto il primo ottobre del 2012 che ha portato alla denuncia di una delle impiegate. La donna, difesa dall’avvocato Debora Giordani, è a processo per interruzione di pubblico servizio, resistenza, oltraggio a pubblico ufficiale e ingiurie.

Tutto è accaduto intorno alle nove del mattino: l’impiegata delle assicurazioni ha fotografato alcune vetture in divieto di sosta, mentre da una di queste due vigili stavano scaricando della merce sequestrata a dei venditori ambulanti. Ne è nata una discussione e la donna è stata portata negli uffici dei vigili per l’identificazione e per fornire spiegazioni. Secondo quanto denunciato dai vigili l’impiegata avrebbe avuto un atteggiamento oltraggioso e li avrebbe anche insultati. La donna ha avuto poi anche un malore tanto da esser stato richiesto l’intervento di un’ambulanza.

L’accusa l’interruzione di pubblico servizio si sarebbe concretizzata nell’aver intralciato le operazioni di scarico della merce sequestrata dalla vettura di servizio.

Pubblicato da Samuele

Altre notizie
Vittime e cavie della Mafia sanitaria. Ricordando la storia
Vittime e cavie della Mafia sanitaria. Ricordando la storia

-

La storia di Tina Anselmi, l’allora Ministro della Sanità nel 1979, ci insegna che da anni siamo vittime di “mafia sanitaria”.
La storia di Tina Anselmi, l’allora Ministro della Sanità nel 1979, ci insegna...

Morte cerebrale? Serve per togliere organi a persone vive
Morte cerebrale? Serve per togliere organi a persone vive

-

Da dove nasce l’approccio medico svelato al mondo in maniera palese dal piccolo Alfie Evans?
«Visitai Alfie: il problema è la “morte cerebrale”» – di Benedetta Frigiero Da...

'LA GERMANIA RESPINGERA' I MIGRANTI DAL 1 LUGLIO': NON ERA SALVINI IL PROBLEMA?
'LA GERMANIA RESPINGERA' I MIGRANTI DAL 1 LUGLIO': NON ERA SALVINI IL PROBLEMA?

-

La Germania inizierà a respingere i migranti dall'1 luglio se non ci sarà un accordo con i partner europei
MENO MALE CHE ERA SALVINI IL PROBLEMA! - 'LA GERMANIA RESPINGERÀ I MIGRANTI DAL...

Milioni di italiani costretti a chiedere aiuto per mangiare
Milioni di italiani costretti a chiedere aiuto per mangiare

-

I dati esaminati, relativi al 2017, presentati nel rapporto “La povertà alimentare e lo spreco in Italia”, fanno rabbrividire
Coldiretti: 2,7 milioni di italiani alla mensa dei poveri – di E.M. I dati...

Il Femminismo ODIA LE DONNE e le rende INFELICI
Il Femminismo ODIA LE DONNE e le rende INFELICI

-

L'odio che il femminismo, ideologia propagandistica malsana e contro natura, ha innescato nei confronti dell'uomo fin dal suo sorgere, ovvero dalla fine del XIX secolo, prosegue la sua strada distruttiva della famiglia e del vivere sociale.
L'odio che il femminismo, ideologia propagandistica malsana e contro natura, ha...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati