Economia cronaca: boicottiamo le multinazionali!

LIVORNO ore 09:39:00 del 20/02/2015 - Categoria: Economia

Economia cronaca: boicottiamo le multinazionali!

Economia cronaca: boicottiamo le multinazionali! Questo sistema economico vergognoso sfrutta la manodopera infantile.

Boicottiamo le Multinazionali! La legge americana ritiene il lavoro minorile un reato ma queste grandi imprese sono al di sopra della legge. I bambini che lavorano non possono andare a scuola, sviluppano una serie di malattie per il troppo lavoro e viene sottratta loro la propria infanzia. Per mettere fine a questa cosa nessuno fa niente anzi le scarpe o accessori di queste multinazionali sono molto di moda..e tutti acquistano i loro prodotti senza pensare a quello che c'è dietro.

E poi a che prezzi! Per un paio di scarpe da ginnastica che arrivano a costare anche oltre 200€, i produttori pagano pochi spiccioli la manodopera infantile! I margini di guadagno sono disgustosamente esorbitanti e noi, stupidi, che gli andiamo pure dietro con l'ansia di comprare l'ultimissimo modello prima di tutti...allocchi! Svegliatevi!

Le cose sono due, o non abbiamo ben chiaro cosa sia la globalizzazione (e quindi la confondiamo con l'Imperialismo) oppure la globalizzazione non esiste. Personalmente, crediamo che la globalizzazione come progetto esista e che la sua attuazione potrebbe probabilmente migliorare le cose in quanto intrinsecamente, per funzionare, necessita di condizioni di pace tra Stati, adesione a regole valide per tutti e decise da tutti. In realtà, però, esiste il cosiddetto vantaggio dei piccoli gruppi: è più semplice controllare un sistema economico in pochi che in molti (si vedano esempi come i vari G8, G7 e così via).

Le multinazionali sono, appunto, sovranazionali e quindi non dipendono dagli Stati ma allo stesso tempo ne hanno bisogno. Il discorso dello sfruttamento del Terzo Mondo e della delocalizzazione delle imprese dipendono da un meccanismo capitalistico e non necessariamente globale. Globalizzazione non vuol dire Capitalismo perchè Globalizzazione NON è Monopolio nè Oligopolio perchè non sono in pochi fortunati a guadagnarci: è mercato interdipendente ed integrato, in cui la torta dei profitti è così grande che tutti ne avranno almeno un pò.

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030 del NWO
I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030 del NWO

-

I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030. I falsi profeti e il mondo dello spettacolo in sostegno del Nuovo Ordine Mondiale
Avete sentito parlare di “obiettivi globali“? Se non ne avete sentito parlare,...

Bollo Auto 2019: tutte le agevolazioni con la Legge 104
Bollo Auto 2019: tutte le agevolazioni con la Legge 104

-

Bollo auto 2019, per agevolazioni fiscali auto: il verbale deve contenere le esatte informazioni e deve essere aggiornato, analizziamo quando e come.
Bollo auto 2019, le nuove disposizioni per l’esenzione con legge 104,...

Italia ultima in Europa per retribuzione reale dei giovani laureati
Italia ultima in Europa per retribuzione reale dei giovani laureati

-

L’indagine della società di consulenza Willis Towers Watson ha riguardato principalmente i dipendenti di aziende multinazionali
I giovani laureati italiani, tenendo conto anche delle imposte e del costo della...

Reddito di Cittadinanza? AUMENTATE GLI STIPENDI piuttosto, e tornate sulla TERRA!
Reddito di Cittadinanza? AUMENTATE GLI STIPENDI piuttosto, e tornate sulla TERRA!

-

Reddito di cittadinanza troppo alto o piuttosto stipendi troppo bassi? La frenata del pil italiano è legata a doppio filo a una domanda interna stagnante anche per colpa dei bassi salari.
Reddito di cittadinanza troppo alto o piuttosto stipendi troppo...

1 Italiano su 2 scontento e PESSIMISTA sul futuro
1 Italiano su 2 scontento e PESSIMISTA sul futuro

-

Italiani e risparmi: il 54% è pessimista sul futuro, fondo pensione la copertura più gettonata
Aumento delle tasse, costo della vita, pensioni basse, precarietà del lavoro....



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati