Ecco la nuova auto blu di De Luca: costa 1200 euro al mese!

(Napoli)ore 18:30:00 del 20/03/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Politica

Ecco la nuova auto blu di De Luca: costa 1200 euro al mese!

Ha l’interfaccia Bluetooth, i retrovisori esterni riscaldabili, oltre che ripiegabili elettricamente, l’avveniristico sistema di ausilio al parcheggio plus che segnala acusticamente e visivamente in uno schermo la distanza anteriore e posteriore da eventu

La consigliera regionale campana di Forza Italia Maria Grazia Di Scala ha denunciato su Facebook che per la nuova auto blu del governatore della regione Vincenzo De Luca costa ai cittadini 1.200 euro al mese.

Riportiamo di seguito il post pubblicato sulla pagina Facebook di Di Scala:

“SU AUTO BLU DE LUCA E’ FULL OPTIONAL

Ha l’interfaccia Bluetooth, i retrovisori esterni riscaldabili, oltre che ripiegabili elettricamente, l’avveniristico sistema di ausilio al parcheggio plus che segnala acusticamente e visivamente in uno schermo la distanza anteriore e posteriore da eventuali oggetti o ostacoli.

Ha anche il pacchetto di navigazione con display a colori da 7″, con ricerca MMI, autopilota dinamico con TMpro, MMI Radio plus, porta USB, collegamento AUX-IN, unità CD e SIM card aggiuntiva. Cos’è? Non è l’ammiraglia del parco auto di Donald Trump ma la nuova auto blu presa a nolo dal governatore De Luca, per ben 1.200 euro al mese, il cui nome fa già venire i brividi: Audi A 4 Avant 2.0 TDI Ultra 150 CV S-Tronic Business!

Non solo privilegi e inaccettabili aumenti dei costi della politica: a firmare il passaggio dalla Passat alla prestigiosa Audi A 4 è lo stesso dirigente regionale che, a gennaio scorso, il governatore De Luca voleva licenziare perché aveva appostato in bilancio oltre 200 mila euro per l’acquisto di auto blu… a sua insaputa!”

Orfini attacca De Luca: “E’ franato il modello campano”

In settimana il presidente del Pd nazionale Matteo Orfini, secondo quanto riporta Salerno Today, avrebbe attaccato De Luca senza mai citarlo nel corso di un assemblea degli iscritti nel Comune di Scafati: “Lo ripeto a tutti: è franato un modello, anche per fortuna, che vedeva nel Mezzogiorno un’organizzazione basata solo su tessere e preferenze. Dobbiamo rifondare il Pd e lo faremo dall’opposizione. Se i nostri elettori hanno votato Grillo, non dobbiamo corrergli dietro cercando l’accordo con il M5S. Farlo significherebbe smettere di combattere. Dobbiamo capire dove abbiamo sbagliato e andarli a riconquistare”, ha detto Orfini.

QUI

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Neolaureati e manager italiani tra i meno pagati in Europa
Neolaureati e manager italiani tra i meno pagati in Europa
(Napoli)
-

I dati del Global 50 Remuneration Planning Report sugli stipendi degli italiani per quanto riguarda manager e neolaureati.
In Italia sia i neo laureati che i manager di fascia media sono i meno pagati....

Aumento carburanti dalla Legge di Bilancio: ecco le accise
Aumento carburanti dalla Legge di Bilancio: ecco le accise
(Napoli)
-

L’accisa è l’imposta erariale indiretta che il consumatore paga sui carburanti ed altri prodotti di consumo.
L’accisa è una tassa, imposta sulla produzione e la vendita di alcuni tipi di...

Sacerdote shock: 'ecco come la religione e' usata per CONTROLLARE LE PERSONE'. VIDEO
Sacerdote shock: 'ecco come la religione e' usata per CONTROLLARE LE PERSONE'. VIDEO
(Napoli)
-

“Il problema non è la fede, ma la religione come organizzazione, che viene usata come mezzo di controllo, per mettere le persone le une contro le altre”
La religione è un argomento controverso, e vorrei premettere in questo articolo...

Nuova Via della Seta: cosa cambia
Nuova Via della Seta: cosa cambia
(Napoli)
-

NUOVA VIA DELLA SETA NEWS - L’Italia non può e non deve perdere la straordinaria opportunità della nuova Via della Seta.
NUOVA VIA DELLA SETA NEWS - L’Italia non può e non deve perdere la straordinaria...

Alternanza scuola lavoro? In Sardegna si fa dentro il poligono militare di Quirra
Alternanza scuola lavoro? In Sardegna si fa dentro il poligono militare di Quirra
(Napoli)
-

Gli studenti dovevano frequentare la base militare finita al centro delle polemiche e delle indagini per i possibili danni legati alle radiazioni sprigionate dalle munizione esplose. Ma dopo la bufera il preside ci ripensa. Almeno per il momento
Un gruppo di studenti dentro una base militare per un progetto di alternanza...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati