Dazn, il Netlix del calcio: Legale in Germania, IN ITALIA TROPPO SCOMODO!

(Napoli)ore 20:28:00 del 14/08/2017 - Categoria: , Calcio, Denunce, Internet

Dazn, il Netlix del calcio: Legale in Germania, IN ITALIA TROPPO SCOMODO!

Una delle piattaforme più interessanti è sicuramente Dazn, che dalla Germania si è espansa in Svizzera, Austria, Giappone e Canada. 

Il caso Dazn

Una delle piattaforme più interessanti è sicuramente Dazn, che dalla Germania si è espansa in Svizzera, Austria, Giappone e Canada. La sua proprietà appartiene a quel Perform Group che durante l’ultima asta per i diritti tv del prossimo triennio di Serie A (quella andata “male” e per la quale si attende un nuovo bando) aveva presentato l’unica offerta per il pacchetto “online”. Insomma, niente succede per caso.

L’idea di Dazn è estremamente semplice. Acquista i diritti per la trasmissione di eventi sportivi (non solo calcistici) in diretta e poi li “rivende” in cambio di un abbonamento dal prezzo light – 9,99 € mensili in Germania. Esattamente come Netflix, con la differenza che in questo caso il contenuto viene fruito in diretta e in streaming su tutti i dispositivi di ultima generazione (smart tv, smartphone, tablet e console di videogiochi).

L’offerta presentata da Perform Group per “sbarcare” anche in Italia fa parte della strategia di ampliamento di Dazn. Che, in questo momento, è legale nei paesi che abbiamo citato sopra. E che vorrebbe sbarcare sul mercato anche in altre nazioni. In questo articolo pubblicato da Calcio&Finanza si legge della volontà di sbarcare nel Regno Unito e di investire sulla Champions League. Non a caso, il servizio non è disponibile nei paesi in cui i diritti tv hanno un’incidenza maggiore sul fatturato delle squadre di calcio (l’Inghilterra e l’Italia, ma anche la Spagna). In questo momento, la Serie A è visibile su Dazn, che però non è sottoscrivibile da un utente italiano.

Il futuro

In pratica, si tratta dello scenario di cui parlavamo ieri. Un abbonamento a costi contenuti che permette la scelta tra molti eventi. E che agevola la creazione di una vera e propria agenda personale, non solo calcistica ma trasversale tra tutti gli sport. E, ovviamente, la fruizione via internet senza ulteriori apparecchiature (decoder digitale o impianto satellitare).

Come detto, l’espansione del calcio (e dei guadagni) passa anche da una nuova regolamentazione in relazione a queste piattaforme. Nei prossimi giorni continueremo a raccontarvi altre realtà, ovviamente legali, legate alla fruizione online degli eventi sportivi. Qui si decide il futuro. Ed è qui che la Lega, con il bando per l’assegnazione dei diritti per il prossimo triennio (sarà pronto in autunno), può spingere il nostro sistema verso un miglioramento reale.

Da: QUI

Pubblicato da Samuele

Altre notizie
Torino: ecco la REGINA DEI ROM! 400 auto di lusso e un castello
Torino: ecco la REGINA DEI ROM! 400 auto di lusso e un castello
(Napoli)
-

Torino, la dolce vita della “regina” rom: ville, auto di lusso e soldi dal Comune
Altro che roulotte ed elemosine, la “regina” dei rom a Torino fa la bella vita a...

Partenza del 5G in Italia: tutti i PERICOLI CENSURATI
Partenza del 5G in Italia: tutti i PERICOLI CENSURATI
(Napoli)
-

Abbiamo già parlato dei pericoli di questa nuova tecnologia e, in vista della partenza del 5G, pubblichiamo volentieri questa importante iniziativa italiana.
Abbiamo già parlato dei pericoli di questa nuova tecnologia e, in vista della...

ALTERAZIONE DEL CLIMA: tutti gli esperimenti che ci nascondono
ALTERAZIONE DEL CLIMA: tutti gli esperimenti che ci nascondono
(Napoli)
-

Il cielo è a strisce: tutti lo vedono, ma nessuno ne prende atto. Come si può pretendere che le istituzioni si decidano a spiegare in modo finalmente convincente un fenomeno palesemente negato, benché sia sotto gli occhi di tutti?
Il cielo è a strisce: tutti lo vedono, ma nessuno ne prende atto. Come si può...

Il cardinale da 35 mila euro al mese: e predicava pure la poverta'!
Il cardinale da 35 mila euro al mese: e predicava pure la poverta'!
(Napoli)
-

Il cardinale da 35 mila euro al mese: in Vaticano scoppia un nuovo scandalo
L’amico e primo consigliere di Francesco, Oscar Maradiaga, predicava il...

La Chiesa deve pagare l'ICI: ecco quanto
La Chiesa deve pagare l'ICI: ecco quanto
(Napoli)
-

Oltre al danno, la beffa. Lo Stato italiano deve recuperare l’Ici non pagata dalla Chiesa: lo stabilisce la Corte di giustizia dell’Unione europea.
Oltre al danno, la beffa. Lo Stato italiano deve recuperare l’Ici non pagata...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati