COSI' si MUORE nell'Italia dei TAGLI

(Roma)ore 11:46:00 del 13/04/2018 - Categoria: , Denunce, Economia, Salute

COSI' si MUORE nell'Italia dei TAGLI

Pronto soccorso chiusi, ambulanze lumaca: così si muore nell’Italia dei tagli

Meno pronto soccorso, meno ambulanze: l’Italia delle emergenze è in emergenza
Strutture e mezzi per il pronto intervento soffrono per i tagli alla sanità. Scende il numero dei pronto soccorso e la riduzione dei mezzi si riflette anche sul tempo medio d’intervento delle ambulanze: così la rete dell’emergenza è al collasso“

In soli quindici anni, la mannaia dei tagli ha ridotto drasticamente le strutture e i mezzi per l’intervento nel nostro Paese.

A lanciare l’SOS soccorsi è il mensile “Quattroruote” che, nel numero di giugno, fotografa il declino allarmante che si è verificato in quasi tutte le regioni.

Secondo il mensile di Editoriale Domus, in edicola il prossimo 26 maggio, il numero dei pronto soccorso e dei Dea (dipartimenti di emergenza-urgenza e accettazione) tra il 2003 e il 2015 (fonte Anaao-Assomed) è sceso ulteriormente al 28% al livello nazionale, con 168 unità soppresse.

Certo, non è così dappertutto. La Lombardia e la Toscana hanno registrato un leggero potenziamento della rete di emergenza con un aumento rispettivamente di sei e nove unità, ma in alcune aree i tagli sono stati pesanti.

È il caso del Veneto che ha subìto una riduzione del 47% (in pratica, ha dimezzato la propria rete, portandola da 92 centri a 49), delle Marche (-44%, da 48 a 27), del Molise (-40%, da 10 a 6), della Puglia (-36%, da 75 a 48) e del Friuli (-29%, da 28 a 20).

Anche sul fronte dei mezzi di pronto intervento le cose sono andate peggiorando: se nel 2003 in Italia circolavano (a parte i mezzi delle organizzazioni di volontariato) 2.373 ambulanze, 906 delle quali per il soccorso di base, 1.172 per quello avanzato e 295 unità mobili di rianimazione (ovvero veicoli super attrezzati), nel 2013 risulta maggiore il numero delle ambulanze semplici (1.189), ma nettamente inferiore quello dei mezzi avanzati (712, -39%) e attrezzati per la rianimazione (224, -24%).

Col risultato che i veicoli a disposizione, in media, si sono ridotti del 10%: a livello regionale, le situazioni peggiori si registrano in Lazio (da 138 a 73), Calabria (da 54 a 28) e Marche (da 82 a 48). Segno positivo, invece, in Liguria (da 35 a 86) e Sardegna (da 73 a 80).

La riduzione dei mezzi si riflette anche sul tempo medio d’intervento dei veicoli di soccorso, che è di 18 minuti: un dato sì migliorato (di tre minuti) negli ultimi quindici anni, ma estremamente variabile a seconda delle zone del Paese.

Si va, infatti, dagli otto minuti del Trentino Alto Adige ai 33 minuti in Basilicata. Differenze che possono rivelarsi fatali in caso di incidenti stradali.

Da: QUI

Pubblicato da Carmine

Altre notizie
Vuoi dimagrire veramente? Devi RIDURRE i CARBOIDRATI!
Vuoi dimagrire veramente? Devi RIDURRE i CARBOIDRATI!
(Roma)
-

Alzi la mano chi non ama consumare pizza, pasta e panini. Spesso però gli alimenti del cuore vengono banditi da molte diete.
Alzi la mano chi non ama consumare pizza, pasta e panini. Spesso però gli...

Dieta della Forchetta per dimagrire SENZA STRESS!
Dieta della Forchetta per dimagrire SENZA STRESS!
(Roma)
-

Si chiama dieta della forchetta e ha come obiettivo quello di far perdere peso senza che la persona che si sottopone alla dieta soffra in modo eccessivo. “The for kit!
Si chiama dieta della forchetta e ha come obiettivo quello di far perdere peso...

Dieta del cioccolato del Dottor Sorrentino
Dieta del cioccolato del Dottor Sorrentino
(Roma)
-

Oltre alla dieta del rientro con i consigli e le indicazioni per disintossicare l’organismo dagli eccessi delle vacanze, vediamo ora in cosa consiste la dieta del cioccolato
Oltre alla dieta del rientro con i consigli e le indicazioni per disintossicare...

Come il DIGIUNO attiva le cellule staminali nel rigenerare tutto il nostro corpo!
Come il DIGIUNO attiva le cellule staminali nel rigenerare tutto il nostro corpo!
(Roma)
-

Uno studio pubblicato su Cell Stem Cell mostra che cicli di digiuno prolungato non solo proteggono contro i danni al sistema immunitario, un importante effetto collaterale della chemioterapia, ma inducono la rigenerazione del sistema immunitario, spostand
Uno studio pubblicato su Cell Stem Cell mostra che cicli di digiuno prolungato...

Il pompiere paura non he ha? Peccato che il suo STIPENDIO E' DA FAME!
Il pompiere paura non he ha? Peccato che il suo STIPENDIO E' DA FAME!
(Roma)
-

I Vigili del Fuoco italiani lamentano da sempre stipendi bassissimi, attrezzature carenti, organico insufficiente
C'è un video, uno dei tanti che hanno iniziato a circolare a poche ore dal...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati