CORSA ai beni di lusso deprezzati in Turchia

(Roma)ore 21:29:00 del 21/08/2018 - Categoria: , Economia, Esteri

CORSA ai beni di lusso deprezzati in Turchia

La lira si svaluta paurosamente: a Istanbul i brand della moda sono presi d'assalto dagli stranieri, mentre i turchi cercano rifugio nei bitcoin.

Cosa succede in Turchia? La lira turca è soggetta ad una fortissima speculazione e al cambio attuale una lira è pari a 0,15 euro. Oltre 80 milioni di turchi si sono ritrovati più poveri in men che non si dica, in balia dei sobbalzi della borsa e ancora una volta il mercato sta dettando le sue leggi senza riguardo alla morale. Ciò significa che oggi, chi può permetterselo, deve cogliere al balzo la possibilità di fare incetta di beni di lusso a prezzi ribassati. E il bitcoin è tornato in auge.

Si spiegano così le frotte di turisti stranieri che si sono assiepati dietro i cordoni rossi dell’Istinye Park Mall di Istanbul. Nel lussuoso complesso commerciale all’aperto e sotto un cielo azzurro, improvvisamente i grandi brand che dettano le linee guida della moda mondiale – come Louis Vuitton, Chanel ed Hermes – sono diventati prede molto più economiche per i fortunati che avevano valuta straniera da spendere.

"Oggi", racconta al sito di Bloomberg il 22enne Orhan, in fila dietro le vetrine di Louis Vuitton con una coppia di amici cinesi, "la Turchia è il posto più economico al mondo per lo shopping di moda”. E che dire della boutique Chanel? Quasi un’ora di attesa per poter acquistare la "Classic Chanel Camera Bag" a 18.500 lire turche ovvero circa 2.400€. Significa un 25% netto di sconto rispetto ai 3.200€ richiesti sullo store online Chanel Europe.

Per gli analisti finanziari è stato difficile tenere il passo, difatti nelle ultime tre settimane la lira ha perso il 27% rispetto al dollaro, il 21% solo nell'ultima settimana, gettando nel panico i risparmiatori e facendo infuriare il presidente turco, l’esuberante Recep Tayyip Erdogan. Una svalutazione selvaggia che spiega il fatto che tutti i compratori in erano arabi, asiatici ed europei, senza nessuna traccia di acquirenti turchi.

L'ECONOMIA TURCA È CRESCIUTA VELOCEMENTE MA IL BOOM È SOSTENUTO DAGLI AIUTI DI STATO: ORA CHE GLI INVESTITORI SI RITIRANO LA LIRA CROLLA

"Guadagniamo dollari e compriamo lusso con le lire turche", ha affermato Carson, 35enne nativo cinese che lavora nel settore delle telecomunicazioni ad Istanbul: "Per le aziende questa politica a lungo termine sarà un danno, idem per la gente del luogo che soffre la svalutazione". L'economia turca è cresciuta velocemente ma il boom è sostenuto dagli aiuti che il presidente Recep Tayyip Erdogan ha scelto di concedere alle piccole e medie imprese, già fortemente indebitate anche in valuta estera. Il risultato? Erdogan ha vinto le elezioni ma oggi gli investitori esteri si stanno ritirando e la lira crolla in verticale. Inoltre la guerra dei dazi con gli Stati Uniti - Trump ha dichiarato che raddoppierà le sue tariffe sull'acciaio e l'alluminio turchi – non fa che complicare le cose.

Per cui non stupisce il crescente interesse per i risparmiatori turchi verso il bitcoin e il conseguente incremento dei volumi degli scambi sugli exchange di criptovalute locali. Evidentemente se le lire turche sono più rischiose di altre valute, chi può permetterselo comprerà euro, dollari o bitcoin. Nonostante la sua alta volatilità, la criptovaluta riuscirà a mantenere il suo status di bene rifugio digitale.

Da: QUI

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Contanti, limiti anche a prestiti e regali tra parenti
Contanti, limiti anche a prestiti e regali tra parenti
(Roma)
-

LIMITE CONTANTI ANCHE A PRESTITI E REGALI TRA PARENTI - Con la Legge di Bilancio 2020 rischia di finire al bando la storica “busta” dei matrimoni.
LIMITE CONTANTI ANCHE A PRESTITI E REGALI TRA PARENTI - Con la Legge di Bilancio...

Paradisi fiscali: gli italiani nascondono 142 miliardi all'estero, ma nessuno fa nulla
Paradisi fiscali: gli italiani nascondono 142 miliardi all'estero, ma nessuno fa nulla
(Roma)
-

142 MILIARDI EVASI DAGLI ITALIANI - Nei paradisi fiscali ci sono 142 miliardi di euro nascosti da contribuenti italiani, una cifra grande quanto l'8,1% del Prodotto interno lordo.
142 MILIARDI EVASI DAGLI ITALIANI - Nei paradisi fiscali ci sono 142 miliardi di...

Batosta sulle patenti: cosa cambia sui pagamenti
Batosta sulle patenti: cosa cambia sui pagamenti
(Roma)
-

Revocata l'esenzione dell'imposta sulle lezioni per il conseguimento della patente di guida“
Patente, incubo aumenti per la batosta Iva: cosa cambia (e chi dovrà pagare)...

Manovra 2019: in arrivo aumento su sigarette, giochi e plastica
Manovra 2019: in arrivo aumento su sigarette, giochi e plastica
(Roma)
-

AUMENTI MANOVRA 2019 - Bocciate le rimodulazioni dell'Iva proposte dal ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, per far quadrare i conti della manovra da 30 miliardi, il governo inserirà una raffica di balzelli sui consumi.
AUMENTI MANOVRA 2019 - Bocciate le rimodulazioni dell'Iva proposte dal ministro...

Dazi: tregua tra Usa e Cina, ecco l'accordo
Dazi: tregua tra Usa e Cina, ecco l'accordo
(Roma)
-

USA CINA GUERRA DAZI VICINA ALLA FINE? Stati Uniti e Cina hanno raggiunto un primo sostanziale accordo commerciale, la prima fase di un'intesa più ampia.
USA CINA GUERRA DAZI VICINA ALLA FINE? Stati Uniti e Cina hanno raggiunto un...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati