Come realizzare una PALESTRA FAI DA TE IN CASA

(Roma)ore 20:12:00 del 08/04/2018 - Categoria: , Guide, Salute

Come realizzare una PALESTRA FAI DA TE IN CASA

Mantenersi in forma è un impegno sempre difficile da conciliare con lavoro, famiglia e altri impegni vari …ma basta scuse!

Mantenersi in forma è un impegno sempre difficile da conciliare con lavoro, famiglia e altri impegni vari …ma basta scuse! Ecco gli esercizi da fare a casa che risolveranno il problema a chi non riesce ad andare in palestra. La scusa di molte di noi è di non avere tempo di frequentare la palestra. Ma l’estate è alle porte, e cresce il desiderio di migliorare la linea in vista della fatidica prova costume.

L’allenamento “fai da te” in casa permette di poter conciliare impegni lavorativi e familiari con la voglia di tenersi in forma. Ma quali esercizi è meglio eseguire? Bastano davvero pochi accorgimenti per poter adottare uno stile di vita che preveda un’attività fisica quotidiana regolare. Ecco quali sono i pochi attrezzi indispensabili da utilizzare per avere la possibilità di fare tantissimi esercizi differenti.

Fitball

Un attrezzo di home fitness, economico e indispensabile, è la Fitball (o Swissball che dir si voglia), che permette di fare un sacco di esercizi a corpo libero – addominali con i piedi a terra, push-up e piegamenti sulle braccia, dorsali – così come molti esercizi con piccoli attrezzi, dando in più il vantaggio di un po’ di instabilità che permette di stimolare i muscoli a un livello più profondo e ottenere risultati migliori in minor tempo.

Fluiball

E’ come una palla medica, con diverso peso, ma all’interno c’è un liquido che si sposta rendendo sempre diverso lo stimolo allenante. Si può usare per fare qualunque esercizio si farebbe con una palla medica: squat, affondi, distensioni delle braccia, torsioni, pullover e così via.

Elastici

Sono ottimi per le braccia e per tutti gli esercizi per i glutei. Potenziano lo squat, ci fanno lavorare interno ed esterno coscia. Per praticare questo movimento, basta mimare l’atto del sedersi, tornando poi alla posizione iniziale con lentezza e “sentendo” i muscoli lavorare. La schiena resta dritta e lo sguardo in avanti, le braccia sono protese davanti al busto mentre le spalle rimangono basse. Lo squat può essere potenziato dall’uso dell’elastico fitness. Sarà sufficiente posizionare l’elastico attorno alle caviglie creando resistenza (da modulare a seconda del grado di allenamento). Anche le cosce saranno perfettamente rassodate.

Pilates ring

Per le gambe e i glutei

Seduti, con gomiti a terra, ci si distende su una gamba e si appoggia il piede sul cerchio. L’altra gamba è piegata, con il piede a terra. Si contrae l’addome, avvicinando le costole al bacino. Si preme sul cerchio per schiacciarlo verso terra, facendo partire il movimento dalla parte posteriore della coscia e dal gluteo. Lo sguardo è in avanti. Si contano 20-25 pressioni, poi si ripete con l’altra gamba. L’esercizio va eseguito per 3 serie.

In piedi, si piega il ginocchio sinistro e si appoggia il piede sulla maniglia del cerchio. I fianchi devono essere allineati e la schiena dritta. Si eseguono una serie di spinte con il piede per schiacciare il cerchio. L’esercizio si ripete 20-25 volte per lato.

Per gli addominali

Distesi sulla schiena, con le gambe piegate, si tiene il cerchio tra le cosce, appena sopra il ginocchio. Si stringe il cerchio con i muscoli della parte interna e mantenendo la pressione si eseguono una serie di contrazioni, cercando di avvicinare ogni volta di più le costole al bacino. Infine si rilassano testa e spalle a terra. Si eseguono 3 serie da 10-15 ripetizioni.

In posizione supina, si flettono le gambe, si impugna il cerchio e si mantiene con le braccia tese sopra la testa. Si portano le braccia verso l’alto, si sollevano le spalle e la testa dal tappetino per arrivare poi seduti con la schiena dritta e le braccia stese di fronte al petto. Si riporta la schiena a terra, adagiando una vertebra dopo l’altra e ritornando nella posizione iniziale. Durante tutto l’esercizio si esercita una leggera pressione sul cerchio. Si eseguono 2 serie da 5 ripetizioni.

Specificatamente per rassodare gli addominali potete seguire anche questo programma di esercizi mirato: addominali e pancia piatta per l’estate.

Per le braccia e i pettorali

Posizionandosi in piedi o seduti, si impugna il cerchio tendendo le braccia in avanti, con i gomiti piegati. Si esercita una pressione per 3 secondi, poi si allenta la presa. Si eseguono 2 serie da 5 ripetizioni.

Da: QUI

Pubblicato da Luca

Altre notizie
Come riconoscere i mille volti dell'ipocrisia
Come riconoscere i mille volti dell'ipocrisia
(Roma)
-

Per introdurre il concetto di falsità mi sono spirata a una bellissima citazione di Luigi Pirandeloo “Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti”
Per introdurre il concetto di falsità mi sono spirata a una bellissima citazione...

Integratori di vitamine e minerali? TOTALMENTE INUTILI
Integratori di vitamine e minerali? TOTALMENTE INUTILI
(Roma)
-

Gli integratori di minerali e vitamine più famosi sono inutili: la conferma degli scienziati
Scienziati canadesi dell’Università di Toronto hanno dimostrato che gli...

Esposizione alla muffa? Ecco 7 sintomi che non conosci
Esposizione alla muffa? Ecco 7 sintomi che non conosci
(Roma)
-

Le chiazze di muffa sono abbastanza sgradevoli da guardare. Detto ciò, la muffa non sempre è visibile e può anche crescere in luoghi dove non si vede, come, ad esempio, sotto le assi del pavimento
La muffa si può trovare ovunque. Si tratta di un fungo che cresce sia...

SUPER BATTERI: entro il 2050 faranno un morto ogni 3 secondi
SUPER BATTERI: entro il 2050 faranno un morto ogni 3 secondi
(Roma)
-

Super batteri resistenti ai farmaci, un morto ogni 3 secondi nel 2050
Entro il 2050, i superbatteri resistenti ai farmaci potrebbero fare un morto...

La dieta di CRISTIANO RONALDO
La dieta di CRISTIANO RONALDO
(Roma)
-

Gli atleti di oggi rispetto a quelli di venti, trenta o quarant’anni fa sono molto più longevi perché hanno a disposizione dei preparatori sempre più bravi, perché la scienza medica è migliorata e gli infortuni costano meno caro a chi li subisce e perché
Gli atleti di oggi rispetto a quelli di venti, trenta o quarant’anni fa sono...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati