CNR: il DISASTRO della ricerca italiana

(Torino)ore 11:16:00 del 07/03/2019 - Categoria: , Ambiente, Denunce, Economia, Sociale

CNR: il DISASTRO della ricerca italiana

C’è chi è arrivato a dieci anni di assegni e progetti a tempo, chi a 12, chi a 15. Lo chiamano “precariato di Stato”.

Giovanni, scadenza: maggio 2019. Francesca, scadenza: aprile 2019. Piero, scadenza: dicembre 2019. I ricercatori precari del Consiglio nazionale delle ricercheCnr, sono tornati a protestare a Roma con le date di scadenza dei contratti appese al collo. Alberto si è fatto stampare pure una maglietta: “Precario Cnr da sette anni, più dieci di università”.

C’è chi è arrivato a dieci anni di assegni e progetti a tempo, chi a 12, chi a 15. Lo chiamano “precariato di Stato”. Molti di loro hanno ormai i capelli bianchi. Biologi, chimici, fisici, ingegneri da anni in balia di proroghe e rinnovi contrattuali, anche di 15 giorni, in quello che è il più grande ente di ricerca pubblico italiano. Chiedono una sola cosa: completare la stabilizzazione dei contratti prevista dalla legge Madia del 2017. Anche perché i soldi ci sono: quasi 75 milioni sono stati stanziati tra il governo Gentiloni e quello attuale, vincolati proprio per la stabilizzazione dei ricercatori Cnr, e altri 20 dovrebbe metterli l’ente. Finora hanno firmato inuovi contratti solo in 1.350 ricercatori, ma altri 1000 mancano ancora all’appello.

Alla mobilitazione nel parlamentino del Cnr hanno partecipato sia gli stabilizzati sia quelli che ancora aspettano, riuniti ormai da tempo nella sigla Precari Uniti Cnr. Sono arrivati da tutta Italia, qualcuno anche con figli a seguito, per l’ennesima mobilitazione. E con il tempo che passa, scaduti i sei anni – come vuole la legge – gli assegni di ricerca non possono essere più rinnovati e molti di loro rischiano di restare a casa.

L’anno scorso il governo Gentiloni ha stanziato per il Cnr 40 milioni, obbligando l’ente di ricerca a cofinanziare con altri 20 milioni le stabilizzazioni. E il governo Conte ha aggiunto alla dote altri 34,5 milioni, vincolati con la stessa finalità. In totale ci sarebbero 94,5 milioni a disposizione, ma l’ente vorrebbe attingere i 20 milioni di cofinanziamento dai 34,5 stanziati dal governo attuale, riducendo così la somma a disposizione. E anche le stabilizzazioni.

Ci metto la faccia in progetti internazionali e non posso dire “basta” perché il Cnr non mi rinnova il contratto La legge Madia stabilisce che i lavoratori pubblici con contratti a termine, con almeno tre anni di anzianità negli ultimi otto, possono essere stabilizzati automaticamente. Quelli che invece hanno contratti di collaborazione e assegni di ricerca devono passare attraverso concorsi riservati. Così il Cnr l’anno scorso ha stabilizzato poco più di mille dipendenti. E ha fatto una selezione (per titoli e colloqui) per i collaboratori, vinta da oltre 800 persone. Ma di questi, solo 100 sono stati assunti. Gli altri sono rimasti fuori, in un limbo che dice: idonei alla stabilizzazione ma ancora precari. Qualcuno li ha chiamati precari sospesi”. L’ente di ricerca per ora ha fatto sapere che entro settembre ne assumerà altri 208. Ma molti contratti sono già “scaduti” o “in scadenza”, non più rinnovabili. Senza contare i ricercatori assunti con chiamata diretta, molti dei quali cervelli eccellenti di ritorno in Italia, che ora rischiano di trovarsi per strada. «Sono colpevole di essere tornata in Italia dopo nove anni di ricerca all’estero», racconta una di loro. «Sono biologa marina, siciliana. Mi sono chiesta: “Perché devo fare ricerca nel Nord Est Atlantico e non nel Mediterraneo?”. Così sono rientrata, ho vinto un grant, ho portato i soldi all’ente e il Cnr ora mi tratta così. Scado ad aprile, e non sono previsti rinnovi». C’è chi ha coordinato progetti di ricerca europei da 5 milioni di euro e ora è senza contratto: «Ho creato un gruppo di ricerca e la situazione assurda è che ora molti dei ragazzi che ho selezionato sono stati stabilizzati, ma io no». Ma anche chi racconta che lavora da un anno, in attesa della stabilizzazione, con un contratto scaduto e senza stipendio: «Ci metto la faccia in progetti internazionali e non posso dire “basta” perché il Cnr non mi rinnova il contratto». E pure chi è stato costretto, dopo anni di lavoro, a tornare negli Stati Uniti: «Io voglio lavorare in Italia, perché devo andare all’estero?». Citano sigle contrattuali, commi, idoneità e cavilli burocratici che rivelano lo stato della ricerca nel più grande ente italiano. Con i ricercatori che trovano loro stessi i fondi per finanziarsi, portano soldi e progetti all’ente, senza sapere però se e per quanto tempo riusciranno poi a occuparsene. Sono colpevole di essere tornata in Italia. Mi sono chiesta: “Perché devo fare ricerca nel Nord Est Atlantico e non nel Mediterraneo?”. Così sono rientrata, ho vinto un grant, ho portato i soldi all’ente e il Cnr ora mi tratta così. Scado ad aprile Alla protesta nella sede nazionale del Cnr ha aderito anche qualche parlamentare del Movimento Cinque Stelle e di Liberi e Uguali. E il presidente del Cnr, Massimo Inguscio, si è presentato nell’aula poco prima della riunione del cda, provocando le reazioni accese dei rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil presenti e dei tanti ricercatori che hanno chiesto a gran voce: «Quando verremo stabilizzati?». Inguscio ha promesso che entro marzo metterà a punto una programmazione triennale di stabilizzazioni. «Lasciateci lavorare», ha ripetuto. Ma non c’è tempo. «Il mio contratto scade questo giovedì», gli ricorda qualcuno. Ogni ritardo è un ricercatore in meno, o un cervello costretto a spostarsi all’estero.

«Sono persone che vivono sulla loro pelle i dati dell’Istat appena usciti, che dicono che il 18,8% dei dottori di ricerca è fuggito all’estero», ricorda Sonia Ostrica, segretario generale della Uil Rua. «Il precariato è il sintomo dei problemi della ricerca italiana, non la causa. Gli enti di ricerca vivono tutti i problemi del resto della pubblica amministrazione, senza risorse e strumentazioni. L’unica scadenza che vorremmo vedere appesa al collo dei ricercatori? È quella della data in cui finiranno di essere precari»

Da: QUI

Pubblicato da Gregorio

Altre notizie
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
Boom di giovani neet in Italia: senza lavoro, ne studio, ne corsi di formazione
(Torino)
-

Il nostro paese al top della classifica europea. La Sicilia in testa fra le regioni seguita da Calabria e Campania. In europa la media dei Neet è il 12 per cento: da noi il 23,4
BOOM DI GIOVANI NEET IN ITALIA - Secondo i risultati di una ricerca di Unicef,...

Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
Influenza record, 140mila italiani a letto. E' normale tutto questo??
(Torino)
-

Secondo le stime dei virologi, l'influenza colpirà 6 milioni di italiani meno degli anni scorsi ma con virus potenzialmente più pericolosi
INFLUENZA RECORD IN ITALIA - Non ci sono più le mezze stagioni, è proprio il...

Manovra 2019: arriva il Fondo Famiglia per gli italiani
Manovra 2019: arriva il Fondo Famiglia per gli italiani
(Torino)
-

Sconto tra Iv e M5s sulla proposta di Renzi di abolire quota 100, cosa che Di Maio ritiene inaccettabile
COME FUNZIONERA' IL FONDO FAMIGLIA 2019 - Tre miliardi di taglio delle tasse sul...

Come le multinazionali eludono tasse e nessuno fa niente
Come le multinazionali eludono tasse e nessuno fa niente
(Torino)
-

MULTINAZIONALI ED ELUSIONI TASSE - Ogni anno il 40% dei profitti delle grandi multinazionali viene dirottato verso paradisi fiscali che permettono alle aziende di eludere la fiscalità nazionale e di guadagnare circa 5 euro su ogni euro di tasse pagate.
MULTINAZIONALI ED ELUSIONI TASSE - Ogni anno il 40% dei profitti delle grandi...

Dai migranti in Italia il 9% del PIL
Dai migranti in Italia il 9% del PIL
(Torino)
-

Sono questi alcuni degli elementi che emergono dal nono Rapporto annuale sull’economia dell’Immigrazione, a cura della Fondazione Leone Moressa, presentato oggi (8 ottobre) a Roma.
QUANTO LAVORANI GLI IMMIGRATI IN ITALIA - Negli ultimi anni l’Italia sta...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati