Calciomercato: in Italia stenta ma all'estero decolla

MISANO ADRIATICO (Rimini)ore 07:26:00 del 02/07/2013 - Categoria: Calcio

Calciomercato: in Italia stenta ma all'estero decolla

Calciomercato: in Italia stenta ma all'estero decolla. Neymar al barca il colpo a maggior effetto

Il calciomercato aldilà delle Alpi, nel suo complesso, non presenta grossi segnali di crisi. Certo, la crisi economica c'è e si riperquote per alcuni club, ma i magnati hanno acquistato molti club potenti e blasonati che portano moneta fresca e sonante per tutto il movimento nazionale. Una manna dal cielo.

L'acquisto più suggestivo è sicuramente firmato Barcellona. Dopo la cocente battuta d'arresto in Champions League contro lo straripante Bayern Monaco, i blaugrana superano la concorrenza del Real per Neymar Junior, che oramai non ha più bisogno di presentazioni dopo le sue grandi performance in Confederation Cup. E' stato ceduto dal Santos per una cifra attorno ai 57 milioni di euro.

L'acquisto però più costoso, almeno per ora, è stato Radamel Falcao. Effettuato dal Monaco e non parliamo della squadra bavarese, ma della squadra del Principato, acquistato da un magnate. 60 milioni all' Atletico Madrid e tanti saluti ai suonatori: il bomber colombiano trasloca. Il Monaco però non si ferma qui e vuole essere il re del mercato: con il Porto mette sul piatto ben 70 milioni e porta alla corte di Ranieri anche il giovane 21enne anch'esso colombiano James Rodriguez e l'esperto centrocampista Joao Moutinho. Inoltre si unisce alla comitiva anche lo svincolato Carvalho. Un ottimo modo per affrontare da neopromossi la Legue1.

In terra spagnola, se il Barca si muove, il Real non può non reagire e dopo i saluti a Mourinho che si accasa al Chelsea, prende la giovane stella del calcio spagnolo: il trequartista Isco dal Malaga per 30 di milioni. Mica male davvero..

Il Bayern di Monaco premia la sua stagione con un simbolo dei rivali del Borussia: Mario Goetze. 37 milioni al Dortmund. Per Pep Guardiola un qualcosa in più per provare ad emulare Heynckes.

Il City saluta Carlitos Tevez e mister Mancini, ma non ci sta a passare da club ridimensionato e con due colpi brucia 60 milioni: Fernandinho (40 allo Shakhtar) e Jesus Navas (20 al Siviglia).

Poi i movimenti seguenti sono di minor portata, ma comunque ben lontani dai budget delle squadre italiane, tormentate dal fair play finanziario e dalla mancanza di idee. 

Il Chelsea pesca in Germania e precisamente a Leverkusen. 22 milioni e l'attaccante talentuoso Schurrle va allo Stamford Bridge. 22 milioni per 22 anni: un milione per anno è una buona media. 

Analizzando nello specifico i campionati, possiamo notare come a guidare il calciomercato è ancora la Premier League, dove anche "piccole" squadre possono fare acquisti da big. E' il caso del Southampton che acquista dal Lione, il difensore croato Lovren per 10 milioni o il West Ham che vuole rilanciare la "cometa" Carroll e ne porta 17 e mezzo nelle casse del Liverpool. Reds che non si fanno guardare dietro e fanno spesa a Sunderland, Siviglia e Vigo per i rispettivi Mignolet, Luis Alberto e Iago Aspas per un totale di quasi 27 milioni. Il Norwich acquista Van Wolfswinkel dallo Sporting Lisbona per 10 e i gallesi del Cardiff City ne investono 7 per Cornelius dal Copenhagen.

Questo sta ad indicare che le squadre delle maggiori nazioni calcistiche, possono avere degli ingenti passivi tra entrate e cessioni, ma attingono i soldi per gli acquisti da altri parametri. Il merchandising oculato e organizzato e gli stadi privati sono due delle soluzioni introdotte da questi club. Noi invece, fermi (o quasi) ai tempi di Italia '90, ne subiamo il contraccolpo.. 

 

Pubblicato da Matteo

Altre notizie
Il SISTEMA Ferrero: truffa, fatture false e autoriciclaggio
Il SISTEMA Ferrero: truffa, fatture false e autoriciclaggio
(Rimini)
-

L'Espresso nel 2017 aveva svelato la galassia di interessi dell'imprenditore romano. A cui oggi la Guardia di Finanza ha sequestrato i beni per 2,6 milioni di euro
I pm di Roma hanno indagato il patron della Sampdoria e altre cinque persone. La...

Zeman conferma: doping e SCUDETTI A TAVOLINO. Non solo la Juve
Zeman conferma: doping e SCUDETTI A TAVOLINO. Non solo la Juve
(Rimini)
-

Ennesimo capitolo della saga Zeman-Juventus con il tecnico boemo che ritorna su argomenti già ampiamente trattati in passato che lo portarono allo scontro diretto con il club bianconero
Ennesimo capitolo della saga Zeman-Juventus con il tecnico boemo che ritorna su...

Tentano di BRUCIARE la casa del giornalista REPORT che ha INDAGATO SULLA JUVE
Tentano di BRUCIARE la casa del giornalista REPORT che ha INDAGATO SULLA JUVE
(Rimini)
-

Ignoti hanno disegnato una croce rossa sul muro della sua abitazione, per poi cospargere di benzina il pianerottolo: provvidenziale l’abbaiare di un cane, che ha “sventato” il tentativo di intimidazione, avvenuto nella notte attorno alle quattro e mezzo.
Ignoti hanno disegnato una croce rossa sul muro della sua abitazione, per poi...

La Var c'e': perche' gli arbitri italiani NON la usano?
La Var c'e': perche' gli arbitri italiani NON la usano?
(Rimini)
-

L’analisi del quotidiano romano: «Il protocollo Var non è cambiato, solo che gli arbitri vogliono dimostrare di non aver bisogno di “aiutini”».
Il Var è da tempo un tema caldo, per i giornali. Dopo gli episodi controversi di...

Come le le grandi squadre si sono comprate il calcio
Come le le grandi squadre si sono comprate il calcio
(Rimini)
-

Un unico campionato su scala europea, alternativo ai tornei nazionali e alla Champions. Ecco il progetto segreto sponsorizzato dai club più ricchi d'Europa, tra cui Juventus, Real Madrid e Barcellona
Una Superlega europea del pallone. Un campionato riservato alle squadre più...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati