Briatore: Reddito di cittadinanza? Al Sud la gente non ha voglia di lavorare

(Milano)ore 07:23:00 del 13/06/2018 - Categoria: , Denunce, Lavoro

Briatore: Reddito di cittadinanza? Al Sud la gente non ha voglia di lavorare

L’ex manager di Formula 1, Flavio Briatore, si scaglia contro il reddito di cittadinanza e i meridionali: “Se adesso danno pure un reddito di cittadinanza, questa mi sembra una follia vera. Per me è una follia perché paghi la gente che sta sul divano. Sul

I giovani meridionali? Sono dei fannulloni. Si potrebbe sintetizzare così il "Briatore pensiero" espresso ieri sera ai microfoni de La Zanzara dall'ex manager di Formula 1, pensiero che spesso ha ribadito nel corso degli ultimi anni parlando delle difficoltà di fare impresa in Italia. "Se adesso danno pure un reddito di cittadinanza, questa mi sembra una follia vera. Per me è una follia perché paghi la gente che sta sul divano.

Sul divano ci sono già gratis, poi addirittura li paghi. Prenderanno il divano a due piazze. Investimenti in Meridione? Ci sono difficoltà enormi. E la gente non ha voglia. Chi aveva voglia è andato fuori dal Sud. Quando abbiamo avuto la possibilità di avviare un’attività a Otranto, nel nostro gruppo c’erano diversi pugliesi. Abbiamo dato la possibilità di tornare, ma nessuno ha voluto. Rimane chi non si sbatte molto per trovare un lavoro, se adesso danno anche il reddito di cittadinanza è finita", ha dichiarato Flavio Briatore parlando del reddito di cittadinanza presente nel contratto di governo M5S-Lega.

Nonostante Briatore sia assolutamente contrario a qualsiasi tipo di politica di stampo assistenzialista, rispetto al nuovo governo si dice fiducioso e spiega di essere d'accordo con il leader della Lega su moltissimi temi: "Nuovo governo? Mi sembra ci sia molto entusiasmo. Mi sono simpatici sia Salvini che il grillino, lasciamoli fare. Faccio il tifo per loro, certo. Come dovrebbero fare tutti. Su immigrazione e fisco sto con Salvini. Ha ragione quando dice che i clandestini bisogna bloccarli prima che arrivino. Bisogna bloccare i barconi, ormai sappiamo da dove partono. Investire e creare posti di lavoro lì. La flat tax è da fare subito, immediatamente, subitissimo. Se premia i ricchi va bene perché vuol dire che se uno risparmia con la flat tax, investe più nell’azienda, crea più posti di lavoro".

Da: QUI

Pubblicato da Samuele

Altre notizie
Corruzione: 2018 anno da RECORD. In 5 mesi superato tutto il 2017!
Corruzione: 2018 anno da RECORD. In 5 mesi superato tutto il 2017!
(Milano)
-

Dall’inizio dell’anno in Italia sono girate quasi 40 milioni di euro di mazzette. E si tratta solo di quelle scoperte dalla Guardia di Finanza.
Dall’inizio dell’anno in Italia sono girate quasi 40 milioni di euro di...

I segreti della NORVEGIA (SENZA DEBITO PUBBLICO)
I segreti della NORVEGIA (SENZA DEBITO PUBBLICO)
(Milano)
-

Ogni bambino che nasce in Norvegia ha un patrimonio di 161.000 Euro, il fondo sovrano vale mille miliardi, Altro che debito pubblico! Il segreto del loro successo.
Ogni bambino che nasce in Norvegia ha un patrimonio di 161.000 Euro, il fondo...

Bruxelles approva aumento TEMPI DI GUIDA PER I CAMIONISTI
Bruxelles approva aumento TEMPI DI GUIDA PER I CAMIONISTI
(Milano)
-

La Commissione europea ha dato il primo voto favorevole per la modifica dell’orario di lavoro dei camionisti.
La Commissione europea ha dato il primo voto favorevole per la modifica...

Cognato di Renzi e fratelli: indagine rischia lo STOP
Cognato di Renzi e fratelli: indagine rischia lo STOP
(Milano)
-

“A causa della riforma Orlando, buona parte” dell’indagine della Procura di Firenze sul cognato di Renzi, Andrea Conticini, sposato con sua sorella Matilde, e i fratelli Alessandro e Luca “con l’accusa di riciclaggio rischia di diventare carta straccia“.
“A causa della riforma Orlando, buona parte” dell’indagine della Procura di...

62% oncologi dichiara pagamenti DIRETTI DA BIG PHARMA
62% oncologi dichiara pagamenti DIRETTI DA BIG PHARMA
(Milano)
-

'Relazioni pericolose' tra medici e big pharma. A confermarle è un'indagine condotta sugli oncologi, dalla quale è emerso che ben il 62% degli specialisti ha dichiarato pagamenti diretti da parte dell’industria farmaceutica negli ultimi 3 anni.
'Relazioni pericolose' tra medici e big pharma. A confermarle è un'indagine...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati