Banda larga: in Italia le connessioni fanno SCHIFO

(Bari)ore 13:24:00 del 11/04/2018 - Categoria: , Denunce, Internet

Banda larga: in Italia le connessioni fanno SCHIFO

L'ultimo rapporto di Akamai sullo stato di Internet nel mondo fotografa la pietosa situazione italiana

Inutile girarci troppo intorno: l'Internet italiano fa schifo, talmente tanto che guardando la regione EMEA che include Europa, Medio Oriente e Africa, siamo in fondo a quasi tutte le classifiche, davanti solo al Sud Africa. La velocità media delle connessioni italiane registrate da Akamai è di 6,1 Mbit/s, con una crescita anno su anno del 17%. Se vi viene da dire "beh, dai, almeno stiamo migliorando" mordetevi la lingua fino a leggere questi dati: la Repubblica Ceca cresce del 22%, la Romania del 38%, la Polonia del 32%, l'Ungheria del 26%, il Portogallo del 42%, e stiamo parlando di paesi che stanno tutti saldamente davanti a noi in termini di velocità medie.

Nella classifica mondiale siamo al 56° posto per velocità media, ma in Europa siamo ultimi. Meglio di noi anche Turchia ed Emirati Arabi.

L'unica classifica in cui non siamo al penultimo posto è quella della percentuale di connessione sopra i 15 Mbit/s, che con il 2,5% ci pone sopra oltre che al Sud Africa, anche agli Emirati Arabi. Bella consolazione! Ripetiamo se non fosse chiaro: le connessioni in grado di andare oltre i 15 Mbit/s in Italia sono il 2,5% del totale. Solo il 7,3% supera i 10 Mbit/s. Per chi non lo conoscesse, Akamai è una delle maggiori piattaforme di CDN (content delivery network), una delle infrastrutture che distribuiscono i contenuti di molti servizi multimediali via web: quando guardate un video su Internet, arriva dai server di aziende come Akamai.

Dove l'Italia non se la cava male, e non è una novità, è nella connettività mobile. La velocità media è di 6,1 Mbit/s, con velocità di picco superiori ai 53 Mbit/s, e tenete conto che paesi come gli Stati Uniti sono fermi a 4 da questo punto di vista. Resta un fatto: in questo mondo e in questa economia l'Italia non può più andare avanti a suon di annunci.

Da: QUI

Pubblicato da Samuele

Altre notizie
Crescita ZERO: a rischio quota 100 e reddito di cittadinanza
Crescita ZERO: a rischio quota 100 e reddito di cittadinanza
(Bari)
-

Crescita quasi piatta per l’Italia il prossimo anno allo 0,3%: è una doccia gelata quella che gli analisti di Oxford Economics stimano per il PIL tricolore, molto più modesto dell’1 per cento scritto dal governo nella legge di bilancio.
Crescita quasi piatta per l’Italia il prossimo anno allo 0,3%: è una doccia...

Anziana ruba 3 ALIMENTI nel supermercato trattata come una CRIMINALE
Anziana ruba 3 ALIMENTI nel supermercato trattata come una CRIMINALE
(Bari)
-

Padova, 75enne sorpresa a rubare 3 alimenti: “Ero disperata, trattata come una criminale”
Lo sfogo di una donna di 75 anni che vive con meno di 600 euro al mese sorpresa...

Il KIT 5 STELLE per indottrinare i parlamentari...come Berlusconi!
Il KIT 5 STELLE per indottrinare i parlamentari...come Berlusconi!
(Bari)
-

Un bignami per i parlamentari affinché dicano sempre la “cosa giusta”
Un bignami per i parlamentari affinché dicano sempre la “cosa giusta” Forse vi...

Meta' degli immigrati rimane qui: RICOLLOCAMENTO OBBLIGATORIO FLOP
Meta' degli immigrati rimane qui: RICOLLOCAMENTO OBBLIGATORIO FLOP
(Bari)
-

La redistribuzione obbligatoria ha mestamente fallito. A distanza di più di tre anni dalla decisione di ricollocare l’alto numero dei migranti arrivato in Europa tra il 2014 ed il 2015, si può ben dire che l’esperimento non ha funzionato.
La redistribuzione obbligatoria ha mestamente fallito. A distanza di più di tre...

Recessione Europa: decisione a TAVOLINO firmata UE e BCE
Recessione Europa: decisione a TAVOLINO firmata UE e BCE
(Bari)
-

I dati sulla produzione industriale che vengono man mano proposti sono sempre più inquietanti e lasciano intravvedere una situazione tutt’altro che positiva.
I dati sulla produzione industriale che vengono man mano proposti sono sempre...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati