Attentato Charlie Hebdo: con la scusa del terrorismo adesso censurano anche la rete

FOGGIA ore 11:10:00 del 06/02/2015 - Categoria: Cronaca, Curiosità, Informatica, Internet

Attentato Charlie Hebdo: con la scusa del terrorismo adesso censurano anche la rete

Attentato Charlie Hebdo: con la scusa del terrorismo adesso censurano anche la rete | Rubrica di informazione del blog Italiano Sveglia

Toccateci tutto, tranne la rete. Questo potentissimo mezzo di informazione (il vero e unico) non può esser sottoposto a censura dai poteri forti. Lasciateci almeno la libertà di decidere cosa dobbiamo pensare, dato che la realtà è spesso Manipolata dai mass media ufficiali.

Internet diventa il centro del bersaglio. In seguito agli attentati che hanno sconvolto la Francia, la risposta istituzionale dei diversi paesi europei si è concentrata sulla rete e sull’utilizzo di piattaforme che possono servire come propaganda. Sotto l’eufemistico Annuncio di lanciare misure “eccezionali”, i governi, come la Francia o il Regno Unito hanno avvertito della loro intenzione di dare più poteri per aumentare i controlli sulle comunicazioni private dei cittadini e delle loro attività online.

Molta attenzione viene anche chiesta per quelli che trasportano ingenti somme di denaro (oltre 1.000 euro), e quelli che hanno registrato video in luoghi non turistici, in particolare nel settore delle infrastrutture (porti, aeroporti, trasporto ferroviario critico, etc. ). Inoltre, gli agenti devono individuare le persone di origine araba che consultano un computer portatile all’interno di un veicolo.

Cosa ne pensi della censura della rete? Trovi giusta questa iniziativa?

ESPRIMI IL TUO GIUDIZIO E VALUTA IN BASSO DA 1 A 10 L’IMPORTANZA DELL’INFORMAZIONE TRAMITE WEB

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
10 regole di Schopenhauer per essere felici ed evitare sofferenze
10 regole di Schopenhauer per essere felici ed evitare sofferenze

-

Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un pessimista estremo, pensava che vivessimo nel peggiore dei mondi possibili e che la felicità fosse solo un’illusione.
Il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer era un pessimista estremo, pensava che...

7 domande per insegnare a un bambino come reagire a una situazione pericolosa
7 domande per insegnare a un bambino come reagire a una situazione pericolosa

-

Insegnare ai bambini la sicurezza personale è importante quanto insegnare loro a leggere o scrivere.
Insegnare ai bambini la sicurezza personale è importante quanto insegnare loro a...

Bavaglio al web dall'Ue: vietato diffondere POST dei BLOG
Bavaglio al web dall'Ue: vietato diffondere POST dei BLOG

-

Il 12 settembre il Parlamento Europeo ad ampia maggioranza ha approvato la legge sul copyright.
Il 12 settembre il Parlamento Europeo ad ampia maggioranza ha approvato la legge...

Formigoni, nuovo processo per presunte tangenti nella sanita'
Formigoni, nuovo processo per presunte tangenti nella sanita'

-

Nuovo processo per corruzione e turbativa d’asta nei confronti dell’ex governatore della Lombardia Roberto Formigoni.
Nuovo processo per corruzione e turbativa d’asta nei confronti dell’ex...

Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni
Non e' vita lavorare ogni domenica, commessa si licenzia dopo 20 anni

-

La leader del movimento “Domenica no grazie, Tiziana D’Andrea, racconta delle telefonate che riceve dalle ex colleghe che denunciano condizioni di lavoro inaccettabili
“Lavorare tutte le domeniche mi ha stravolto la vita. Dopo 20 anni di lavoro...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati