Aiuto di Israele all'Arabia Saudita nello sviluppo di armi nucleari: NESSUNO NE PARLA

(Cagliari)ore 16:25:00 del 13/06/2018 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Economia, Esteri

Aiuto di Israele all'Arabia Saudita nello sviluppo di armi nucleari: NESSUNO NE PARLA

Il governo dell’Arabia Saudita sta ricevendo segretamente informazioni sulla creazione di armi nucleari dal governo di Israele secondo Ami Dor-on, un alto funzionario israeliano presso l’iHLS (Israel’s Homeland Security).

Il governo dell’Arabia Saudita sta ricevendo segretamente informazioni sulla creazione di armi nucleari dal governo di Israele secondo Ami Dor-on, un alto funzionario israeliano presso l’iHLS (Israel’s Homeland Security).

L’iHLS si autodefinisce “l’hub principale per l’ecosistema della sicurezza nazionale a livello globale e in Israele” – ed è parzialmente finanziato  dal produttore di armi statunitense Raytheon, secondo un rapporto di MintPress News.

Israele non è una potenza nucleare dichiarata, eppure si ritiene che possieda centinaia di armi nucleari. Il governo israeliano ha fermamente rifiutato di diventare un firmatario del Trattato di non proliferazione nucleare.

In un rapporto di MintPress News, Whitney Webb ha spiegato:

Israele è stata una potenza nucleare  per decenni, anche se il suo arsenale nucleare non è dichiarato e il paese si è rifiutato di firmare. Le stime del suo arsenale variano, con la  maggior parte  che suggerisce che Israele possiede da 100 a 200 armi nucleari. Israele fu aiutato nello sviluppo del suo programma nucleare dalle potenze occidentali, in particolare la Francia. Gran parte dell ‘”aiuto” occidentale ricevuto da Israele, tuttavia, è stato il risultato di furti nascosti di materiale nucleare da paesi come  gli Stati Uniti  e il  Belgio .

Dor-on afferma di essere preoccupato sulla corsa agli armamenti nucleari che inizia a svilupparsi in Medio Oriente, evidenziando “crescenti relazioni tra Arabia Saudita” e notando che Israele ha  recentemente definito  il principe ereditario saudita “un partner di Israele” “.

In un’intervista al notiziario  Arabi21, Dor-on, pur non specificando le informazioni condivise, ha detto che la condivisione delle informazioni nucleari con l’Arabia Saudita probabilmente è stato solo l’inizio per Israele.

L’Arabia Saudita è seriamente desiderosa di sviluppare armi nucleari, ha osservato lo scrittore. “Questa informazione dovrebbe scioccarci”, ha detto Dor-on, “mentre vediamo che il mondo sta cambiando in peggio, in seguito alla corsa per il possesso di armi nucleari che passano proprio sopra le nostre teste in Medio Oriente”.

L’esperto di sicurezza ha fatto notatare che l’impulsiva decisione di Israele per iniziare a condividere la tecnologia nucleare con l’Arabia Saudita è arrivata dopo la recente offerta da parte dei pakistani di conferire al “regno del Golfo” competenze in armi nucleari “entro un mese”. Dor-on ha aggiunto che il governo israeliano ha ritenuto di non poter “lasciare [lo sviluppo di un programma nucleare saudita] unicamente al Pakistan”.

“Andranno in Pakistan e prenderanno tutto ciò che vogliono”, ha detto il generale Amos Yadlin, ex capo della direzione delle forze armate israeliane.

Dor-on ha spiegato che il Pakistan ha competenze nucleari e la volontà di diffondere la tecnologia. “Ha dimostrato la sua volontà di trasferire competenze e capacità nucleari in Arabia Saudita entro un mese se la corsa agli armamenti nel Medio Oriente si intensifica”.

È interessante notare che l’ex ufficiale delle operazioni della CIA, Duane Clarridge, ha confermato  in un’intervista a  Fox News che il governo dell’Arabia Saudita disponeva di armi nucleari “pronte per essere consegnate” in Pakistan a causa del finanziamento del programma nucleare pakistano.

Il principe ereditario saudita Muhammad bin Salman nel marzo 2018  annunciò pubblicamente le intenzioni dei suoi paesi di sviluppare una capacità nucleare, durante un’intervista a  CBS News, in cui la collegò con una capacità nucleare iraniana.

“L’Arabia Saudita non vuole acquisire alcuna bomba nucleare; ma, senza dubbio, se l’Iran sviluppasse una bomba nucleare, ne seguiremo l’esempio il più presto possibile “, ha affermato la MBS.

Quello che MBS ha omesso di menzionare è stato se i sauditi hanno attualmente o hanno accesso a un’arma nucleare tramite il Pakistan.

È interessante notare che i rapporti iraniani suggeriscono che nello stesso periodo dell’intervista, i sauditi hanno chiesto al governo degli Stati Uniti il ​​permesso di iniziare ad arricchire l’uranio con l’obiettivo finale di utilizzarlo per produrre un’arma nucleare.

Una corsa agli armamenti nucleari in Medio Oriente potrebbe facilmente destabilizzare le relazioni internazionali fino al punto di cataclisma, come afferma il dilemma della sicurezza che viene tirato in un ciclo di distruzione di feedback, e che probabilmente porterà maggiori poteri nella piega grazie al flusso regolare delle risorse energetiche minacciate.

Da: QUI

Pubblicato da Samuele

Altre notizie
Corruzione: 2018 anno da RECORD. In 5 mesi superato tutto il 2017!
Corruzione: 2018 anno da RECORD. In 5 mesi superato tutto il 2017!
(Cagliari)
-

Dall’inizio dell’anno in Italia sono girate quasi 40 milioni di euro di mazzette. E si tratta solo di quelle scoperte dalla Guardia di Finanza.
Dall’inizio dell’anno in Italia sono girate quasi 40 milioni di euro di...

I segreti della NORVEGIA (SENZA DEBITO PUBBLICO)
I segreti della NORVEGIA (SENZA DEBITO PUBBLICO)
(Cagliari)
-

Ogni bambino che nasce in Norvegia ha un patrimonio di 161.000 Euro, il fondo sovrano vale mille miliardi, Altro che debito pubblico! Il segreto del loro successo.
Ogni bambino che nasce in Norvegia ha un patrimonio di 161.000 Euro, il fondo...

Bruxelles approva aumento TEMPI DI GUIDA PER I CAMIONISTI
Bruxelles approva aumento TEMPI DI GUIDA PER I CAMIONISTI
(Cagliari)
-

La Commissione europea ha dato il primo voto favorevole per la modifica dell’orario di lavoro dei camionisti.
La Commissione europea ha dato il primo voto favorevole per la modifica...

Cognato di Renzi e fratelli: indagine rischia lo STOP
Cognato di Renzi e fratelli: indagine rischia lo STOP
(Cagliari)
-

“A causa della riforma Orlando, buona parte” dell’indagine della Procura di Firenze sul cognato di Renzi, Andrea Conticini, sposato con sua sorella Matilde, e i fratelli Alessandro e Luca “con l’accusa di riciclaggio rischia di diventare carta straccia“.
“A causa della riforma Orlando, buona parte” dell’indagine della Procura di...

62% oncologi dichiara pagamenti DIRETTI DA BIG PHARMA
62% oncologi dichiara pagamenti DIRETTI DA BIG PHARMA
(Cagliari)
-

'Relazioni pericolose' tra medici e big pharma. A confermarle è un'indagine condotta sugli oncologi, dalla quale è emerso che ben il 62% degli specialisti ha dichiarato pagamenti diretti da parte dell’industria farmaceutica negli ultimi 3 anni.
'Relazioni pericolose' tra medici e big pharma. A confermarle è un'indagine...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati