80 euro: da restituirli tutti!

(Milano)ore 07:23:00 del 20/03/2017 - Categoria: , Denunce, Economia

80 euro: da restituirli tutti!

Ecco i dati ufficiali appena pubblicati dal dipartimento delle finanze del ministero dell’economia.

Flop 80 euro. Quasi un milione di italiani, tra i 12 milioni che hanno ricevuto il “bonus” renziano, lo hanno dovuto restituire integralmente. Altri 765.000 cittadini, invece, lo hanno dovuto restituire solo in parte. Ecco i dati ufficiali appena pubblicati dal dipartimento delle finanze del ministero dell’economia. Ed è già bufera. Di nuovo. Matteo Renzi la definisce ancora sul suo blog come «la più grande opera di redistribuzione salariale mai fatta in Italia». Ma i media parlano di “flop 80 euro” e taluni non esitano ad apostrofarla “mancetta elettorale”. In qualunque modo la si voglia chiamare, però, la manovra renziana è stata un fallimento de facto. In primis perché doveva servire a rilanciare i consumi nazionali sostenendo l’economia reale e coadiuvando la ripresa. E questo non è avvenuto. Poi perché per quasi due milioni di italiani il “bonus” promesso si è rivelato un “bluff”. Un bonus o un prestito statale? Secondo i dati appena pubblicati dal dipartimento delle finanze del ministero dell’economia, infatti, circa un milione di cittadini, tra i 12 milioni che hanno ricevuto i famosi 80 euro in più in busta paga, hanno dovuto restituire integralmente la somma di denaro, per giunta in un’unica soluzione da 950 euro. E altri 765.000 italiani ne hanno dovuta restituire una parte. Si tratta del 14,5% dei beneficiari.

Il che, di per sé, è un paradosso visto che un “bonus” per definizione dovrebbe essere un emolumento non restituibile. Più che comprensibile, dunque, l’irritazione di quelle famiglie che avendo speso, assai ingenuamente, l’intera somma senza cogliere Padoan e Renziprontamente l’inganno nascosto dietro l’ossimoro in questione – il bonus-prestito – si sono trovate in difficoltà economica al momento di dover restituire l’importo. Ma tant’è. Il problema principale della questione è che il governo Renzi ha introdotto questo “bonus” con un’erogazione mensile da 80 euro, ma avrebbe dovuto scegliere la via di un’unica erogazione annuale a fine anno, così da permettere ai tecnici dell’Agenzia delle Entrate di definire esattamente importi e idoneità. In molti casi, invece, è accaduto che l’agenzia si è trovata a dover correggere in negativo o in positivo (più raramente) il saldo dei bonus dopo aver esaminato la dichiarazione dei redditi dei contribuenti. Così ha richiesto indietro il denaro anche a quelli che l’avevano già speso.

Una “mancia” a fini elettorali? Ma perché scegliere di erogare il bonus mensilmente andando incontro a tutti questi problemi e mettendo in difficoltà intere famiglie che, de facto, in questo modo si sono viste trasformare un bonus in un prestito statale? Probabilmente per accelerare i tempi della «mancetta elettorale» (come la definisce Giulio Cavalli su “Left”) e renderla maggiormente «visibile» in busta paga (un conguaglio di fine anno non avrebbe avuto lo stesso effetto sull’umore degli elettori). Vale anche la pena ricordare che il “bonus” in questione escludeva a priori le fasce più deboli della popolazione, cioè tutti coloro che guadagnavano meno di 7.500 euro, considerandoli evidentemente troppo poco interessanti dal punto di vista elettorale.

Da: QUI

Pubblicato da Luca

Altre notizie
La Finanza? Uccide quanto il terrorismo! VIDEO SHOCK
La Finanza? Uccide quanto il terrorismo! VIDEO SHOCK
(Milano)
-

L’INTERVENTO DI DIEGO FUSARO ALLA TRASMISSIONE LA GABBIA SU LA7:”E’ TERRORISMO ANCHE LA VIOLENZA ECONOMICA DEL SISTEMA FINANZIARIO CHE GENERA VITTIME”.
L’INTERVENTO DI DIEGO FUSARO ALLA TRASMISSIONE LA GABBIA SU LA7:”E’ TERRORISMO...

Europa: a quanto la nostra fine?
Europa: a quanto la nostra fine?
(Milano)
-

La violenza fa il gioco dei poteri e degli interessi di chi ha voluto e di chi vuole questa dannata ue della finanza speculativa e parassita e delle grandi corporation che vuole i popoli schiavi.
La Capitale prepara per l'anniversario di sabato con "uno degli apparti di...


(Milano)
-


ENRICO BRIGNANO "ECCO COSA FARE SE TROVI UN LADRO IN CASA" Il comico romano in...

Bonus mamma 800 Euro: CONDIVIDI!
Bonus mamma 800 Euro: CONDIVIDI!
(Milano)
-

Lei faccia conto che il bonus non ci sia”. L’operatore del call center Inps non usa giri di parole. Chi ha chiamato è una ragazza all’ottavo mese di gravidanza
BONUS MAMMA 800 EURO ANNUNCIATO E SCOMPARSO: CODE ALL’INPS Le mamme lo...

Pensione anticipata lavori usuranti, guida facile
Pensione anticipata lavori usuranti, guida facile
(Milano)
-

Sembra proprio che il limite minimo di anzianità contributiva per accedere alla pensione non sarà più di almeno 35 anni con un’età di 61 anni e 7 mesi, per coloro che hanno svolto e svolgono lavori particolarmente faticosi.
COLORO CHE HANNO SVOLTO LAVORI FATICOSI, RICONOSCIUTI COME USURANTI, AVRANNO LA...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati