1000 viaggi di Papa Francesco tranne nella SUA Argentina: COME MAI?

(Milano)ore 23:16:00 del 12/09/2017 - Categoria: , Denunce, Sociale

1000 viaggi di Papa Francesco tranne nella SUA Argentina: COME MAI?

MISTERI PAPALINI - FRANCESCO ATTERRA IN COLOMBIA MA CONTINUA A TENERSI ALLA LARGA DALLA SUA ARGENTINA. PERCHE? FIOCCANO LE IPOTESI E INFURIANO LE POLEMICHE. SEMBRA CHE FRA I SUOI AMICI PIU’ CARI DI BUENOS AIRES CI SIA ANCHE QUALCHE BIRBANTE...

MISTERI PAPALINI - FRANCESCO ATTERRA IN COLOMBIA MA CONTINUA A TENERSI ALLA LARGA DALLA SUA ARGENTINA. PERCHE? FIOCCANO LE IPOTESI E INFURIANO LE POLEMICHE. SEMBRA CHE FRA I SUOI AMICI PIU’ CARI DI BUENOS AIRES CI SIA ANCHE QUALCHE BIRBANTE... 

«Demos el primer paso», facciamo il primo passo. L' immagine di profilo del Papa in cammino si mostra già nei manifesti lungo il percorso che dall' aeroporto lo conduce alla nunziatura di Bogotá. Quindici chilometri, centinaia di migliaia di fedeli lungo le strade e lo slogan del viaggio cui qualcuno ha aggiunto la conclusione implicita, «hacia la reconciliación», verso la riconciliazione. Francesco è arrivato ieri quando in Italia era già notte, nel pomeriggio colombiano, accolto dal presidente Juan Manuel Santos. A causa dell' uragano Irma, prima della partenza si è deciso di cambiare rotta e l' aereo del Papa, anziché Porto Rico, ha sorvolato più a sud le Barbados e Trinidad e Tobago.

«Questo è un viaggio un po' speciale, per aiutare la Colombia ad andare avanti nel suo cammino di pace», spiegava in volo ai giornalisti. «Vi chiedo una preghiera per questo. E anche per il Venezuela, che sorvoleremo, perché si possa fare il dialogo e il Paese trovi una bella stabilità, nel dialogo con tutti».

Bergoglio aveva promesso che sarebbe andato in Colombia quando la pace fosse stata «blindata». L' accordo firmato l' anno scorso tra il governo e le Farc, le forze armate rivoluzionarie, ha posto fine a 54 anni di una guerra che si stima abbia causato 260 mila morti, più di 60 mila dispersi e sette milioni di sfollati e rifugiati. Ma la pace è fragile, le ferite ancora aperte.

Da oggi e fino a domenica il Papa si sposterà da Bogotá a Villavicencio, Medellín e Cartagena per sostenere una «reconciliación» assai difficile, come ha dimostrato il referendum popolare che bocciò il primo testo dell' accordo. Famiglie decimate, beni trafugati, violenze, torture. «La pace è quella che la Colombia cerca e per il cui conseguimento lavora da molto tempo», ha detto Francesco in un videomessaggio ai colombiani registrato alla vigilia della partenza. «Una pace stabile, duratura, perché possiamo vederci e trattarci come fratelli, non come nemici». Il Vaticano ha seguito da vicino, con discrezione, i tre anni di trattativa a Cuba.

Alla firma dell' accordo di pace, l' anno scorso, era presente il Segretario di Stato vaticano, Pietro Parolin: «La missione fondamentale della Chiesa, in questo momento, è quella di favorire la riconciliazione», ha spiegato il cardinale.

Oggi (giovedì) pomeriggio, a tarda sera in Italia, alla messa nel parco Simón Bolivár sono attesi almeno settecentomila fedeli. Prima, gli incontri con il presidente, le autorità, i vescovi. A Villavicencio, venerdì, l' appuntamento più atteso: il «grande incontro per la riconciliazione nazionale», davanti ad una Croce che ricorda il numero di vittime di sequestri, assassini e mine antiuomo, con la partecipazione di vittime ed ex guerriglieri.

Sabato, a Medellín, l' incontro con seminaristi e religiosi, la visita ad una casa famiglia dove sono ricoverati diversi bambini con malattie gravi; ed infine, domenica, la messa a Cartagena e la visita alla casa di san Pietro Claver, il gesuita spagnolo del Seicento che difese i diritti degli schiavi: una giornata dedicata ai diritti umani. Nel telegramma inviato al presidente del Venezuela Nicolás Maduro, com' è consuetudine per i Paesi sorvolati dal volo papale, Francesco prega perché, «tutti, nella nazione, possano promuovere percorsi di solidarietà, giustizia e concordia».

Le parole che dirà in Colombia saranno anche il segno di una preoccupazione più ampia per il pianeta diviso dalla «terza guerra mondiale a pezzi». La settimana scorsa, in un' udienza ai leader religiosi coreani, il Papa ha invitato ad «incarnare uno stile nonviolento, di pace, con parole che si differenzino dalla narrativa della paura e gesti che si oppongano alla retorica dell' odio».

Perché Papa Francesco non va in Argentina? Perché è andato in Africa centrale e in Asia orientale, in Svezia e in Turchia, perché va un po’ ovunque in America Latina, ma non nel suo paese? In Argentina, va da sé, fioccano le ipotesi e infuriano le polemiche. Nell’entourage del Papa fanno spallucce: il solito provincialismo; figuriamoci se Francesco ha tempo per simili quisquilie. Più passa il tempo, però, e più quella del Papa appare una scelta deliberata, un calcolo cosciente.

Come spiegarlo, altrimenti? Nel dubbio, parlano e straparlano i suoi amici, i devoti, gli innumerevoli portavoce: chi l’ha appena incontrato, chi vanta antiche credenziali, chi allude a canali preferenziali; la cacofonia è tremenda e tale è il circo da non giovare all’immagine del Papa: dimmi con chi vai e ti dirò chi sei. Tutti pretendono di sapere perché il Papa non va in Argentina. Io non ne ho idea: osservo stupito e un po’ divertito.

C’è una giornalista che si dice amica di Bergoglio da 17 anni. Le foto di lei e il Papa mani nelle mani parrebbero confermarlo. Già che c’era ha scritto un libro sul Papa “intimo” e ne ha profetizzato la beatificazione. Lei sa perché il Papa non va in Argentina. Ma non ce lo dice. E noi qui, morti di curiosità. Spulciando negli archivi, intanto, si scopre che la signora ha qualche scheletro nell’armadio, una condanna per truffa. Che sarà mai?

Sarà gelosia, ma a farle saltare i nervi sono gli altri amici di Bergoglio. Specie Gustavo Vera: tanti trovano incongruente che quell’ex militante trotzkista candidato nelle liste dell’ex presidente Cristina Kirchner, indagata per corruzione a man bassa, si atteggi a portavoce del Papa; e che il Papa lo accrediti. E’ un santo, dicono gli estimatori, che toglie le schiave sessuali dalle strade. E’ violento e senza scrupoli, di pochi lumi e nessun rispetto della legalità, dicono i detrattori.

Si presenta per di più con la lista “Peronismo per il Bene Comune”, dov’è affiancato da Guillermo Moreno, uomo di simpatie bergogliane ma dai metodi spicci, diciamo pure violenti. Quand’era ministro kirchnerista del commercio aveva un potere immenso, che usò contro chi non si piegava, ed era famoso per truccare i dati economici del paese. Governava il commercio ma odiava il mercato: da buon peronista, da buon bergogliano. L’economia argentina l’ha sofferto un bel po’.

Ciò che in questi giorni si imputa loro e al Papa, è l’invito in Vaticano, a un vertice sulle nuove schiavitù, della procuratrice generale della nazione: la signora Gils Carbó. A rigore, non si capisce lo scandalo. Ma non sempre le cose sono come appaiono. La procuratrice, infatti, è figura molto discussa: perché è indagata in un grave caso di corruzione e ancor più perché è noto che in quella carica la piazzò Cristina Kirchner per occupare il potere giudiziario. Chiamarla a Roma non è mossa che unisca gli argentini. Su tutti si erge poi un vecchio dirigente peronista che con Bergoglio vanta, dice, un’antica amicizia, da quando bazzicavano Guardia de Hierro: peronista, cattolica, nazionalista, antiliberale, antimarxista.

Nomen omen, si chiama Bárbaro e imperversa su tutte le tv. Il Papa, dice estatico, “è troppo grande per noi argentini”. Tutti, nessuno escluso! E guai a chi non è d’accordo, come quello storico italiano “contrattato” dai “ricchi cattolici” per “parlare male del Papa e del peronismo”: un “imbecille”. Bando allo straniero e alle critiche, cui risponde con la violenza dell’epiteto. Col rischio di far apparire intollerante colui in nome della cui amicizia parla: il Papa. Dagli amici ci guardi Iddio.

Ciò vale ancor più per Hebe de Bonafini, l’eroica madre di Piazza di Maggio, ormai nota più per l’incontinenza verbale, la volgarità intellettuale, la doppia morale del “chiagni e fotti”. Reduce da un lungo incontro col Pontefice, gli scrisse una lettera delle sue: “So – scrisse con la consueta familiarità usata col Papa – che pensi che la tua visita in Argentina sarebbe un piacere al Pastore Mauricio”, ossia al presidente Macri. Davvero il Papa glielo avrà detto? Sul serio intende castigare gli argentini per avere eletto un ricco liberale e non un rappresentante del “popolo”, ossia un peronista? Forse no o forse sì.

Ma per quanto patetico suoni tale vociare, chi supera tutti è un austero, colto e maturo prelato: monsignor Sánchez Sorondo, uomo di scienza, di curia vaticana e di famiglia ipernazionalista. Intervistato, non ha mostrato dubbi: il Papa non va in Argentina per non aggravare la grieta, per non gettare sale sulla spaccatura che da tempo immemore fende il paese; unitari e federali, liberali e cattolici, antiperonisti e peronisti. Possibile? L’autorità che più nel mondo si suppone riconcili, pacifichi, rassereni, è fonte di viscerali discordie nel suo stesso paese? Ebbene sì. I suoi amici non hanno dubbi: colpa degli argentini.

Gli umani sono così, si sa, deboli e peccatori. Ma non sarà che anche il Papa ha qualche responsabilità se la sua figura divide tanto? Se divide l’Argentina e sempre più divide altrove nel mondo? Se anche la coesione della chiesa non gode di buona salute? Se tali sono i suoi amici, se il suo cuore batte a senso unico, se pontifica su tutto, dal clima al fisco, dal lavoro alle migrazioni, dalla povertà allo sviluppo, se benedice gli uni e condanna gli altri, ovvio che divida. Intanto, la ragione per cui non va in Argentina rimane un segreto: di Fatima, o di Pulcinella.

Dago

Pubblicato da Gregorio

Altre notizie
Italia politica non pervenuta: false promesse, inciuci e intrallazzi pre elezioni
Italia politica non pervenuta: false promesse, inciuci e intrallazzi pre elezioni
(Milano)
-

Non una parola sui vaccini, silenzio assoluto sull’euro, eppure (o meglio: e quindi) Luigi Di Maio si candida a premier, rispolverando l’antico refrain gandhiano (“prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi vinci”), come se i 5 Stelle aves
Non una parola sui vaccini, silenzio assoluto sull’euro, eppure (o meglio: e...

Vi ricordate questo cellulare? Costava 2 milioni di lire!!!
Vi ricordate questo cellulare? Costava 2 milioni di lire!!!
(Milano)
-

Il nuovo iPhone X costerà più di 1.000 euro. Per la precisione, il modello da 64 GB avrà un prezzo di 1.189 euro, mentre quello da 256 GB salirà fino a 1.349 euro.
Il nuovo iPhone X costerà più di 1.000 euro. Per la precisione, il modello da 64...

'Mi pagano 3 EURO all'ORA...e devo dire anche GRAZIE PADRONE'
'Mi pagano 3 EURO all'ORA...e devo dire anche GRAZIE PADRONE'
(Milano)
-

L'analisi del segretario della Nidil Cgil, Antonio Capezzuto: il sindacato non può far nulla, i lavoratori non denunciano i soprusi: troppa paura di perdere anche quel poco che hanno.
Lavoro nero? Peggio: lavoro sotto ricatto. Un esempio? Eccolo, è quello di una...

Come controbattere ai PRO ABORTO: CHI SEI TU PER GIUDICARE???
Come controbattere ai PRO ABORTO: CHI SEI TU PER GIUDICARE???
(Milano)
-

gni persona ha un certo grado di impulso libertario. Non vogliamo che lo Stato ci costringa a fare le cose, inoltre ciascuno conosce la propria situazione personale meglio di chiunque altro, vi è perciò qualcosa di naturalmente intuitivo nell'idea che gli
1) CHI SEI TU PER GIUDICARE? Questa frase, è la perfetta candidata a diventare...

IPNODITTATURA: Ti ipnotizzano per orientarti dove vuole il potere.
IPNODITTATURA: Ti ipnotizzano per orientarti dove vuole il potere.
(Milano)
-

Ogni giorno inconsapevolmente subiamo una vera programmazione dall’ esterno con il fine di mutare e orientare le nostre scelte, i nostri gusti, le nostre opinioni, la nostra anima.
OGNI GIORNO INCONSAPEVOLMENTE SUBIAMO UNA IPNODITTATURA DI MASSA CON IL FINE DI...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati