(Milano)ore 11:25:00 del 17/10/2017 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Lavoro

"Gran parte dei percorsi di alternanza si sono rivelati poco o per nulla formativi, poco affini con l'indirizzo di studi, perdite di tempo e nella gran parte dei casi percorsi di lavoro gratuito e sfruttamento". Lo denuncia l'Unione degli Studenti della Campania, guidata da Gigi Cannavacciuolo, che aderisce allo sciopero del 13 ottobre, giornata in cui, in molte città d'Italia, si svolgeranno manifestazioni e flash mob davanti alle aziende con l'obiettivo "di rompere la catena di sfruttamento in cui gli studenti occupano l'ultimo anello".
"E per fare luce sull'esito e l'andamento dei percorsi di alternanza introdotti - ricorda l'UdS - dalla 'Buona Scuola' varata dal Governo Renzi, è stata realizzata una ricerca da cui emerge che il 46% degli oltre 2mila studenti della Campania intervistati, ha dovuto sostenere delle spese per partecipare all'alternanza, il 63% ha svolto percorsi "non inerenti" al proprio indirizzo di studi, il 38% ritiene che sono stati negati diritti che dovrebbero essere garantiti e il totale degli studenti intervistati "vuole essere coinvolto nella determinazione del proprio percorso di alternanza".
Dai questionari è emerso che studenti di un alberghiero di Salerno si sono trovati a lavare i piatti; ragazzi di un Istituto agrario di Benevento sono stati mandati a raccogliere le olive; studenti di diversi istituti e licei di Salerno sono stati utilizzati agli infopoint delle Luci d'Artista; studenti di un liceo scientifico di Pomigliano si sono ritrovati a fare volantinaggio per l'azienda. L'anno prossimo il percorso alternanza scuola-lavoro, ricorda l'organizzazione, "sarà anche materia dell'esame di Stato per i maturandi al posto della tesina, dopo l'approvazione della delega sulla valutazione la scorsa primavera". La ricerca è stata realizzata con la campagna "Diritti, non piegàti" attraverso la distribuzione di questionari nelle scuole della Campania con l'obiettivo di realizzare "un'analisi qualitativa" dell'alternanza e "per smascherare il volto positivo propagandato dal ministero dell'Istruzione e dal Governo in premiata ditta con Confindustria".

[video]

Pubblicato da Gerardo

Altre notizie
Inquinamento: ITALIA PRIMO PAESE PER MORTI IN EUROPA
Inquinamento: ITALIA PRIMO PAESE PER MORTI IN EUROPA
(Milano)
-

“L’Italia è il primo grande Paese europeo per numero di morti legati all’inquinamento dell’aria. Questo è quanto emerge da uno studio presentato al Senato dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, presieduta dall’ex ministro dell’Ambiente Edo Ronchi.
“L’Italia è il primo grande Paese europeo per numero di morti legati...

2018: L'ANNO X PER L'ITALIA. TROIKA O USCITA DALL'EURO
2018: L'ANNO X PER L'ITALIA. TROIKA O USCITA DALL'EURO
(Milano)
-

Nessuno sconto da parte della Germania (cui interessa solo il Veneto)
Il futuro dell’Italia si fa sempre più minaccioso man mano che il 2018 si...

Bonus Disoccupati 2017: requisiti e come fare domanda
Bonus Disoccupati 2017: requisiti e come fare domanda
(Milano)
-

Ecco una guida per ottenere i benefici riservati alle famiglie in difficoltà, che hanno diritto ad una serie di bonus disoccupati, che vengono erogati a seconda dei requisitiposseduti.
Orientarsi tra i diritti che toccano alle famiglie in difficoltà a volte risulta...

Gasdotto Puglia- Melendugno: CITTA' MILITARIZZATA! VIDEO
Gasdotto Puglia- Melendugno: CITTA' MILITARIZZATA! VIDEO
(Milano)
-

Gli abitanti di Melendugno (Puglia), hanno avuto un risveglio orwelliano,si sono ritrovati per le strade oltre 250 poliziotti in difesa del Gasdotto.
Gli abitanti di Melendugno (Puglia), hanno avuto un risveglio orwelliano,si sono...

TRAGEDIA ITALIA? SENZA VERGOGNA, NESSUNO SI DIMETTE
TRAGEDIA ITALIA? SENZA VERGOGNA, NESSUNO SI DIMETTE
(Milano)
-

A questo punto figure ingiustamente bistrattate come Donadoni e Prandelli si ergono come giganti di fronte a questa miseria.
A questo punto figure ingiustamente bistrattate come Donadoni e Prandelli si...



Informarsi | Richiesta info | Sitemap articoli

2013 Informarsi - Tutti i diritti riservati